Home Bonus Edilizia Superbonus, sconto in fattura e cessione detrazione: qual è la differenza?

Superbonus, sconto in fattura e cessione detrazione: qual è la differenza?

Quanto costa e come funziona? Conviene davvero? Ecco tutte le opzioni disponibili e gli strumenti utili per calcolare i benefici delle detrazioni

39781

Dato che è stata prorogata al 15 aprile 2021 la scadenza per l’invio delle comunicazioni delle opzioni per lo sconto in fattura o della cessione del credito, relativamente alle detrazioni spettanti per le spese sostenute nell’anno 2020 per lavori di adeguamento antisismico o efficientamento energetico, abbiamo pensato di riepilogare le informazioni relative alle alternative alla detrazione diretta in dichiarazione previste dall’articolo 121 del Dl Rilancio n. 34/2020:
– cessione del credito,
– sconto in fattura.

Ma qual è la sostanziale differenza tra sconto in fattura e cessione della detrazione? Sono alternative comparabili? Come e a chi va comunicata e come la scelta? Risponde Matilde Fiammelli, dottore commercialista e revisore contabile, che ci aiuta a chiarire in maniera definitiva il punto sulle detrazioni 2021 e il Superbonus 110%.

>> Tienimi aggiornato. Ricevi i nostri quesiti risolti <<

Superbonus, sconto in fattura e cessione detrazione: qual è la differenza?

Ricordiamo che il Superbonus 110%, a differenza delle agevolazioni ordinarie per interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico degli edifici, prevede un’aliquota di detrazione più elevata, nonché una diversa modalità di fruizione dell’agevolazione, in quanto la detrazione è ripartita in 5 quote annuali di pari importo, per questo motivo si può verificare la situazione in cui la quota annua di detrazione del 110%, sia di importo molto elevato.

Esempio di cessione credito alla banca: Quanto costa cedere il credito d’imposta?

La detrazione spettante annua compete fino all’imposta lorda del contribuente, quindi recuperabile nel limite dell’imposta lorda(IRPEF) personale, e non può essere né riportata in avanti né chiesta a rimborso, di conseguenza un’eventuale detrazione eccedente l’imposta lorda andrebbe persa.

Le due soluzioni alternative alla detrazione diretta sono pertanto lo sconto in fattura o la cessione del credito.

>> Vuoi calcolare quanto ti spetta dai bonus casa? Prova questo software cloud Superbonus, utile nella simulazione del calcolo delle detrazioni spettanti per le diverse tipologie di interventi agevolabili al 110%.

Esempio e differenze

Domanda
Il condominio dove abito sta per effettuare degli interventi che, abbiamo appurato, danno il diritto di godere la detrazione del 110%. Sono consapevole che potrò detrarre la spesa di mia competenza in 5 quote annuali costanti, ma sono anche interessato alle alternative di cessione della detrazione e allo sconto in fattura. Quali sono le differenze?

Risposta
L’art. 121, DL 34/2020 (conv. L 77/2020) prevede che in alternativa all’applicazione del meccanismo della detrazione del 110%, da ripartirsi in 5 quote annuali costanti, il contribuente possa liberamente scegliere altre due alternative per godere di questo beneficio, fermi rimanendo i requisiti di accesso all’agevolazione degli interventi effettuati sull’immobile.

Le due alternative sono, appunto, la cessione del credito e la richiesta dello sconto in fattura.

Leggi anche: Contratto Superbonus, ci sono 3 soluzioni per l’incarico al professionista

Quali le differenze?

Dal punto di vista dell’effetto finale, nulla cambia, in entrambi i casi il contribuente potrà “monetizzare” quasi immediatamente (ciò dipende dai tempi di gestione della pratica), e in un’unica soluzione, la propria detrazione di spettanza senza dover aspettare il compimento del quinquennio.

Ovviamente, pur essendo una scelta libera, quella di propendere per l’una o per l’altra alternativa, nel caso di cessione o sconto è necessario che la controparte presti il proprio consenso all’operazione.

La scelta fra sconto e cessione dovrà essere comunicata in via telematica con apposita modulistica prevista dal Provvedimento AdE dell’8 agosto 2020. (>> Leggi: Requisiti tecnici e asseverazioni: istruzioni dai decreti attuativi).

Dal punto di vista degli aspetti caratterizzanti delle due tipologie di alternativa, sono rilevabili, per contro, alcune differenze.

I SOGGETTI ACQUIRENTI – La cessione del credito prevede che l’operazione possa avvenire nei confronti di qualunque soggetto disposto ad acquisire il beneficio, comprese le assicurazioni e gli istituti di credito, mentre lo sconto in fattura può essere richiesto solamente al fornitore che ha effettuato i lavori (o ai fornitori se sono più d’uno).

>> Superbonus 110%, consigli utili prima dell’uso. Ecco le domande da fare all’istituto per la cessione credito

L’AMMONTARE DELLA DETRAZIONE CEDUTA – La cessione del credito obbliga l’avente diritto ed il suo acquirente alla cessione/acquisizione dell’intero e totale ammontare della detrazione, senza che i soggetti coinvolti possano concordare una misura eventualmente inferiore oggetto della cessione stessa. Per contro, lo sconto in fattura, ammette la possibilità che contribuente e fornitore concordino una misura di sconto che incontra come limite massimo scontabile l’intero importo della fattura (non 110% ma 100%).

Si evidenzia che nel caso si opti per lo sconto in fattura, se la misura richiesta a titolo di sconto è inferiore al 100% del totale documento, ciò che non ha goduto dello sconto stesso potrà essere detratto con le modalità ordinarie dalla dichiarazione dei redditi secondo la regola delle 5 quote costanti.

Risposta a cura di Matilde Fiammelli, dottore commercialista, revisore contabile, autore di volumi e articoli per le principali case editrici e testate del settore fiscale. Docente e relatore in convegni e webinar. Vive e lavora a Crema. 

 

 

Calcola il Superbonus 110 con il software cloud

Superbonus 110% - Calcolo del beneficio

Superbonus 110% - Calcolo del beneficio

Obiettivi del software:
Abbiamo sviluppato Il software cloud Superbonus 110% per agevolare professionisti e cittadini nella simulazione del calcolo delle detrazioni spettanti per le diverse tipologie di interventi agevolabili al 110%.

Il software cloud Superbonus 110% consente di:

- Individuare gli interventi «trainanti» (o principali);
- Verificare la spettanza del super bonus anche per gli interventi «trainati» (o aggiuntivi);
- Determinare le detrazioni fiscali spettanti;
- Verificare la recuperabilità teorica della detrazione annua rispetto alla propria IRPEF lorda (test di incapienza);
- Simulare il costo netto dell’intervento sull’immobile e l’eventuale accollo di spesa

NB. La licenza sarà pronta all'utilizzo entro 24 ore dall'acquisto. Verrà inviata un'email automatica con le istruzioni per accedere alla piattaforma.

Se il pacchetto da 10 non fosse sufficiente è possibile ricevere un preventivo per un pacchetto multi licenze Superbonus. Contattaci per un preventivo personalizzato.

Contatti assistenza:

tel 0541 628634
e-mail help.superbonus@maggioli.it
sito https://calcolosuperbonus110.it

Revisal, 2021, Maggioli Editore
181.78 €

Prontuario tecnico per l’Ecobonus 110%: guida passo passo per il professionista

Studio di fattibilità e progetto preliminare per gli interventi di risparmio energetico rientranti nel Superbonus 110%


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here