Home Gli articoli dei nostri autori Mappe catastali AdE, più libere e facili da consultare

Mappe catastali AdE, più libere e facili da consultare

La nuova licenza di utilizzo adottata dall'Agenzia delle Entrate mette a disposizione del pubblico nuove possibilità di impiego, anche a scopo commerciale

499
mappe catastali

L’Agenzia delle Entrate, in accordo con la Direttiva europea 2007/2/CE INSPIRE, da tre anni, ha reso disponibili due servizi che permettono di consultare le mappe catastali digitalmente.

Ora, l’adozione del protocollo per i diritti d’uso CC-BY versione 4.0. permette a chiunque di consultare le mappe catastali senza limiti e con nuove possibilità anche in ambito commerciale.

L’unico onere da rispettare? Citare la fonte.

Vediamo nel dettaglio.

Mappe catastali AdE, più libere e facili da consultare

I portali messi a disposizione da AdE consentono di consultare liberamente la cartografia catastale, navigando le mappe catastali con dinamicità.

All’interno dei servizi è possibile consultare più di 300 mila mappe in cui sono rappresentate oltre 85 milioni di particelle e 18 milioni di fabbricati.

I due portali a disposizione sono:

Web Map Service

Introdotto nel 2017, il servizio il servizio si basa sullo standard WMS 1.3.0. Il portale permette di consultare le mappe catastali integrandole con altri dati territoriali ed è fruibile utilizzando un qualunque software GIS (Geographic Information System) o specifiche applicazioni a disposizione dell’utente.

Geoportale cartografico catastale

mappe catastali
schermata di ricerca del servizio Geoportale cartografico catastale

Un servizio disponibile dal2018, accessibile gratuitamente, anche attraverso l’applicazione mobile “AgenziaEntrate”, permette a tutti i cittadini di cercare e visualizzare con semplicità sulla mappa del catasto:
denominazione del Comune;
– eventuale sezione censuaria;
– numero del foglio di mappa;
lettera dell’eventuale allegato;
– numero dell’eventuale sviluppo;
– numero o lettera della particella.

Inoltre, l’accesso agli strumenti è disponibile senza interruzioni 24 ore su 24. Mentre l’aggiornamento e la revisione delle mappe catastali è garantito su base giornaliera da oltre 1.500 atti di aggiornamento che movimentano circa 3.000 particelle catastali.

All’interno del portale non sono consultabili i fogli di mappa sottoposti a vincolo di riservatezza e quelli che per ragioni gestionali sono bloccati per consentire agli Uffici dell’Agenzia di eseguire straordinarie operazioni di aggiornamento o manutenzione.

In aggiunta, la consultazione libera non offre tutti i dati contenuti della cartografia catastale, per ottenere le informazioni complete si possono utilizzare i servizi: Consultazione personale (gratuita per i titolari di diritti reali) e Visura catastale telematica (a pagamento).

Il nuovo standard di impiego dei dati

L’adozione da parte di AdE della nuova licenza CC-BY versione 4.0 è nata dalla crescente necessità di ampliare le possibilità di fruizione da parte degli utenti. Oggi, infatti, sono oltre 10 mila gli utenti giornalieri cittadini, professionisti o istituzioni pubbliche e private che effettuano oltre 10 milioni di richieste di mappa.

I report, consultabili nella sezione “Dati e statistiche”, rappresentano la crescente necessità di utilizzo del patrimonio cartografico catastale.

Così facendo l’Agenzia delle Entrate rimarrà comunque l’amministrazione titolare dei dati, ma il pubblico avrà la possibilità di impiegare i dati in svariati ambiti:
urbanistica;
fiscalità locale;
valutazione degli immobili;
trasferimenti di diritti reali;
tutela e valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali.

Inoltre, come accennato, il nuovo standard permette ai cittadini di impiegare i servizi per scopi commerciali, anche integrandoli con altre informazioni nelle proprie applicazioni.

In particolare, la licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), Permette di:
condividere, riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare il materiale con qualsiasi mezzo e formato;
modificare, remixare, trasformare il materiale e basarsi su di esso per realizzare altre opere per qualsiasi fine, anche commerciale.

Rispettando determinate condizioni:
riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. È possibile fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole.
Non possono essere applicati termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here