Home Bonus Edilizia Superbonus per infissi, porte e finestre

Superbonus per infissi, porte e finestre

Maxi detrazione per tutti i tipi di serramenti, ma cambiano le condizioni se l'edificio è unifamiliare o un immobile condominiale. Attenzione ai limiti di spesa e agli installatori: devono essere qualificati

25233

Tutti alle prese con i lavori in casa, più o meno importanti, e tutti a “caccia di preventivi” per capire cosa è detraibile e in che modo. Una delle domande più gettonate negli ultimi giorni è stata: come ottenere l’agevolazione per infissi, porte e finestre? Vale il Superbonus? Prima di tutto, occorre chiarire alcuni punti fondamentali, riportati in via definitiva dai decreti attuativi del Mise (decreto asseverazione, decreto prezzi) e dalla circolare 24 di Entrate dello scorso 8 agosto 2020.

Regola fondamentale: per ottenere il Superbonus si deve ridurre di due classi il consumo energetico dell’edificio. Questo risultato può essere raggiunto anche effettuando insieme all’intervento “trainante” uno o più degli interventi “trainati”. In questo caso la detrazione maggiorata si applica a tutti gli interventi considerati complessivamente e nei limiti di spesa previsti per ciascuno di questi.

Altra questione su cui fare chiarezza è: nel mio condominio stiamo realizzando uno degli interventi trainanti (cappotto termico) per il quale chiederemo il Superbonus 110%. Se nel mio appartamento sostituisco le finestre e gli infissi, posso usufruire della stessa agevolazione? 

La risposta al quesito è affermativa, ma servono comunque tutte le precisazioni dette sopra e quelle che andremo a delineare. Ecco l’argomento in dettaglio e un esempio pratico per quanto riguarda la sostituzione di infissi. (La domanda è stata inoltrata alla sezione posta di FiscoOggi).

Superbonus per infissi, porte e finestre

Gli interventi principali

Gli interventi trainati sono quelli elencati nel comma 2 dell’art. 119. Si tratta di tutti gli interventi per i quali è attualmente riconosciuto l’ecobonus, ossia quelli contenuti nell’art. 14 del dl 63/2013. Tra i principali troviamo:
– sostituzione serramenti e infissi;
– installazione schermature solari;
– installazione pannelli solari per la produzione di acqua calda.

Leggi anche: Pergola, Bonus Verde e chiusura parziale, a quali condizioni

In riferimento alle unità immobiliari unifamiliari e agli edifici funzionalmente indipendenti, la sostituzione dell’impianto di riscaldamento può rientrare contemporaneamente tra gli interventi trainanti e trainati. In questo caso si applica comunque una sola agevolazione.

Infissi, porte e finestre

La detrazione relativa agli infissi riguarda tutte le tipologie di serramenti, compresi quindi porte e portoni, in grado di assicurare un miglioramento del rendimento energetico rispetto a quelli in precedenza installati.

L’intervento deve presentare le seguenti caratteristiche:
1) sostituire gli elementi già esistenti e/o sue loro parti;
2) riguardare stanze o vani riscaldati e quindi proteggerli verso l’esterno o verso vani non riscaldati;
3) assicurare un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore o uguale al valore di legge.

Quest’ultima dichiarazione può essere attestata dal produttore.

>>> Non perdere altri focus sulle detrazioni! Ricevili direttamente

Quali spese sono ammesse?

Per quel che riguarda il dettaglio delle spese ammesse, la detrazione è riconosciuta per:
– fornitura e posa in opera di finestre comprensive di infissi;
– fornitura e posa in opera di scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e loro elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi (o del solo vetro);
– fornitura e posa in opera di porte d’ingresso;
– integrazioni e sostituzioni dei componenti vetrati.

In riferimento agli elementi a vetro, ai fini della valutazione del valore della trasmittanza, l’ENEA ha precisato che si può considerare anche l’apporto degli elementi oscuranti.

UTILE!! >>> Raccolta normativa Superbonus 110%. Ecco l’elenco con tutti i riferimenti, dal Decreto Rilancio alle FAQ ENEA, circolari e risposte di Entrate. >>>> Scarica il pdf

Installatori qualificati

Infine occorre considerare che a seguito all’entrata in vigore del dlgs 48/2020 occorre fare particolare attenzione alla qualifica degli installatori. L’articolo 7 del testo prevede infatti che dovranno essere stabiliti i requisiti degli operatori che provvedono all’installazione degli elementi edilizi e dei sistemi tecnici per l’edilizia, considerando tra l’altro il livello di formazione professionale, conseguito anche attraverso corsi specialistici e certificazioni.

Non ci sono i termini per l’emanazione delle nuove norme, ma in ogni caso è consigliabile rivolgersi esclusivamente a installatori certificati volendo chiedere le agevolazioni.

Sai che il decreto FONDONE ha cambiato le scadenze per il Superbonus?
Scadenza Superbonus diversa per edifici unifamiliari e condomini

Immobili in condominio o edifici unifamiliari?

Per la sostituzione degli infissi, attualmente agevolata al 50 per cento, è dunque possibile ottenere il Superbonus del 110 per cento in queste situazioni:
– per gli immobili in condominio se il condominio,

> provvede alla coibentazione dell’edificio aumentando di due classi il rendimento energetico e/o,
> sostituisce l’impianto di riscaldamento centralizzato;

– per gli edifici unifamiliari:

> se si isolano termicamente le superfici opache,
> se si sostituisce l’impianto di riscaldamento.

Non è invece possibile per il proprietario di un immobile in condominio ottenere la detrazione del 110 per cento nel caso in cui provveda a coibentare dall’interno il suo appartamento anche se aumenta di due classi il rendimento energetico.

Leggi anche: Decreto Semplificazioni: sintesi delle novità in edilizia

Tipologie di edifici

Come chiarito dall’Agenzia delle entrate infatti in riferimento alle tipologie di edifici occorre tener presente che ai fini del Superbonus è possibile realizzare interventi:
– sia trainanti, sia trainati su parti comuni di edifici residenziali in condominio;
– sia trainanti, sia trainati su edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze;
– sia trainanti, sia trainati su unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno site all’interno di edifici plurifamiliari;
– solo trainati su singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all’interno di edifici in condominio (nei quali sia effettuato almeno un intervento trainante e venga aumentato di due classi il rendimento termico).

Date e tempi per le spese

Quanto alla condizione richiesta dalla norma che gli interventi trainati siano effettuati congiuntamente agli interventi trainanti, l’Agenzia precisa che questa condizione è soddisfatta se «le date delle spese sostenute per gli interventi trainati, sono ricomprese nell’intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi trainanti».

Quindi ai fini dell’applicazione del Superbonus:
– le spese sostenute per gli interventi trainanti devono essere effettuate nell’arco temporale di vigenza dell’agevolazione;
– le spese per gli interventi trainati devono essere sostenute nell’intervallo di tempo tra la data di inizio e la data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi trainanti.

Ti potrebbe incuriosire: Superbonus per rifare il tetto: pro e contro della ventilazione

Esempio

In caso di spese per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento effettuate a marzo, quindi al di fuori del Superbonus, non potrà beneficiare dell’aliquota maggiorata neanche per le spese sostenute per la sostituzione delle finestre o per l’installazione di impianti fotovoltaici (interventi trainati) ancorché i relativi pagamenti siano effettuati successivamente all’entrata in vigore delle norme, ad esempio, a settembre 2020.

Nel caso in cui il condominio realizzi un intervento di sostituzione dell’impianto termico (intervento trainante) e il condomino, al quale sono imputate spese per tale intervento pari, ad esempio, a 10 mila euro, effettui 31 interventi trainati, sostituendo sulla propria unità immobiliare, gli infissi con una spesa pari a 20 mila euro, nonché installando le schermature solari, con una spesa pari a 5 mila euro, avrà diritto ad una detrazione pari a 38.500 euro (110 per cento di 35 mila euro).

>>>>> Per una panoramica sulle detrazioni valide quest’anno:  I Bonus Casa 2021: guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia

Ti consigliamo:

Superbonus 110%

Superbonus 110%

Antonella Donati, 2021, Maggioli Editore

Il Superbonus 110%, prorogato al 2022, continua a essere fonte di dubbi e criticità anche in considerazione dei diversi interventi interpretativi dell’Agenzia delle Entrate. Il presente testo vuole essere uno strumento operativo per affrontare le questioni più problematiche...



Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

L’asseverazione o perizia tecnica asseverata è una particolare forma di perizia in cui il relatore afferma che tutto quanto viene riportato è veritiero: si assume la responsabilità della veridicità di tutto quanto viene riportato e, di conseguenza, risponde...



Foto: iStock/aywan88


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here