Home Appalti Contratti pubblici: il fattore tempo, le proroghe e le penali

Contratti pubblici: il fattore tempo, le proroghe e le penali

Quali oneri spettano all'esecutore delle opere? Ecco le conseguenze delle obbligazioni assunte

331

La finalità dell’appalto è descritta dall’articolo 1665 del codice civile che inquadra l’appalto come il contratto con il quale un soggetto, l’esecutore delle opere, si impegna (e quindi contrae un’obbligazione di risultato) nei confronti di un committente, a realizzare una determinata opera o un servizio, dietro un corrispettivo in denaro assumendo, a proprio rischio e con una propria organizzazione di manodopera, mezzi e attrezzature, l’onere di portarla a compimento.

Quali conseguenze si porta dietro questa obbligazione? Che valore ha il fattore tempo nel condizionare il contratto? Vediamo l’argomento in dettaglio.

> Sul tema e sul fattore tempo: Appalti, come funziona il calcolo delle offerte anomale?

Contratti pubblici: il tempo contrattuale, le proroghe e le penali

L’obbligazione sopra citata impone una serie di fatti riconducibili ad alcuni punti principali:
coerenza del realizzato con il progetto originario;
– il corrispettivo destinato all’esecutore costituisce la contropartita economica del lavoro svolto;
– il contratto regola i rapporti tra le Parti entro precisi limiti di tempo e di costo;
– le obbligazioni assunte con il contratto sono vincolanti per le Parti;
– il mancato rispetto delle clausole contrattuali, da parte dell’esecutore, comporta l’applicazione delle penali.

Leggi anche: Codice Appalti, le modifiche dopo il Dl semplificazioni

In questi termini il fattore tempo assume un aspetto predominante in quanto condiziona due elementi primari nell’ambito del contratto:
– l’eventuale concessione delle proroghe;
– l’applicazione delle penali.

Proroghe

L’articolo 106, comma 11 del d.lgs. 50/2016 disciplina la concessione delle proroghe e stabilisce che la durata del contratto può essere modificata esclusivamente per i contratti in corso di esecuzione se è prevista nel bando e nei documenti di gara una opzione di proroga. Quindi la mancanza di questa previsione contrattuale non consente anche se in corso d’opera si dovesse determinare la necessità per l’esecutore, di poter avanzare tale richiesta. Restano, comunque, applicabili le proroghe dovute a sospensioni dei lavori per cause imputabili alla stazione appaltante.

In questo senso l’articolo 107, comma 5 del d.lgs. 50/2016 prevede che l’esecutore che per cause a lui non imputabili non sia in grado di ultimare i lavori nel termine fissato possa richiederne la proroga, con congruo anticipo rispetto alla scadenza del termine contrattuale e la cui concessione non pregiudica i diritti spettanti all’esecutore per l’eventuale imputabilità della maggiore durata a fatto della stazione appaltante.

Approfondisci: Decreto Semplificazioni: sintesi delle novità in edilizia

Per la concessione della proroga decide il responsabile del procedimento, sentito il direttore dei lavori, entro trenta giorni dal suo ricevimento. L’esecutore deve ultimare i lavori nel termine stabilito dagli atti contrattuali, decorrente dalla data del verbale di consegna ovvero, in caso di consegna parziale dall’ultimo dei verbali di consegna.

Nel caso di subentro di un nuovo contraente, la proroga è limitata al tempo strettamente necessario alla conclusione delle procedure necessarie per l’individuazione di tale soggetto. In questo caso il nuovo contraente è, comunque, tenuto all’esecuzione delle prestazioni previste nel contratto agli stessi prezzi, patti e condizioni o più favorevoli per la stazione appaltante.

La mancata osservanza del tempo contrattuale con la conseguente non conclusione delle opere alla data prevista, determina l’applicazione delle penali che sono stabilite dal contratto.

Leggi anche: Superbonus 110%, pubblicata la Guida Entrate

Penali

Le penali, sostanzialmente disciplinate dall’articolo 113-bis, comma 4 del d.lgs. 50/2016 e dai termini contrattuali, sono applicate ai giorni di ritardo nell’esecuzione delle opere servizi e forniture da parte dell’appaltatore e sono proporzionali rispetto all’importo del contratto o alle prestazioni del contratto. Le penali dovute per il ritardato adempimento sono calcolate in misura giornaliera compresa tra lo 0,3 per mille e l’1 per mille dell’ammontare netto contrattuale, da determinare in relazione all’entità delle conseguenze legate al ritardo, e non possono comunque superare, complessivamente, il 10 per cento di detto ammontare netto contrattuale.

Nuovo ebook con tabella di raffronto tra il T.U. Edilizia previgente e quello modificato

LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI (D.L. 76/2020) - eBook

LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI (D.L. 76/2020) - eBook

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore

Il decreto legge 76/2020 (c.d. decreto Semplificazioni) modifica pesantemente il Testo Unico dell'Edilizia (DPR 380/2001), introducendo importanti novità in materia di semplificazione delle procedure, variazione delle definizioni degli interventi edilizi e nuove regole più...



NOVITÀ SUPERBONUS 110%

Aggiornato agli ultimi passaggi legislativi

SUPERBONUS 110% - eBook

SUPERBONUS 110% - eBook

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Superbonus al 110 per cento con sconto in fattura o cessione del credito per tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata, comprese le villette a schiera, a patto che si riduca di due classi il consumo...



Foto: iStock/izusek


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here