Home in evidenza Ascensore in condominio, ogni quanto va sanificato?

Ascensore in condominio, ogni quanto va sanificato?

Lo decide l'amministratore, che può disporne la disinfezione periodica anche senza il consenso dell'assemblea

151

Nel paese con più ascensori in Europa (oltre un milione, con un edificio che ne è dotato ogni 131 abitanti), il tema è tutt’altro che banale. Ogni quanto va sanificato un ascensore? E chi lo decide in ambito condominiale? Serve un’assemblea?

Le misure anti contagio da Covid-19 prevedono che in cabina non salgano più di due persone per “viaggio” e che siano entrambe dotate di guanti e mascherina. In realtà queste non sono vere e proprie norme specifiche, quanto comportamenti resi necessari in relazione a quanto dettato in via generale.

Vediamo in dettaglio la questione, rispondendo anche ai quesiti posti a inizio articolo.

Ascensore in condominio, ogni quanto va sanificato?

Come dicevamo, l’Italia è il paese degli ascensori. Purtroppo però, poco meno della metà degli ascensori in funzione ha più di 30 anni, e due su tre non sono provvisti dei moderni sistemi di sicurezza.

RIFARE LA FACCIATA – SUPERBONUS 
Tinteggiare o intervenire su balconi, grondaie, cornicioni.
Escamotage e istruzioni per arrivare al 110% di sconto

Negli stabili condominiali, spetta all’amministratore prendersi cura dell’impianto, su cui ricade la responsabilità da custodia di cui all’articolo 2051 del Cc. Questi – in forza del contratto di mandato stipulato con il condominio – deve vigilare sugli impianti comuni, curandone la manutenzione ordinaria e straordinaria. Ne consegue che, in caso di incidenti causati dalla mancata manutenzione dell’impianto, l’amministratore può essere chiamato a risponderne sia sotto il profilo civile che penale.

Per non correre rischi, il professionista deve attenersi alle disposizioni contenute nel Dpr 162/1999 che prevede di affidare a una ditta qualificata e iscritta alla Camera di Commercio le opere di manutenzione, ma anche di incaricare un ente autorizzato a eseguire, con cadenza biennale, la verifica dell’impianto. I controlli periodici si svolgono solitamente ogni sei mesi, ma le tempistiche possono accorciarsi a seconda del tipo di impianto e del suo utilizzo.

Cosa prevede il contratto di manutenzione?

Serve comunque il via libera dell’assemblea di condominio, prima che l’amministratore possa procedere a stipulare il contratto con l’impresa manutentrice; nello specifico serve una maggioranza in seconda convocazione di 333 millesimi oltre a quella degli intervenuti (Tribunale di Teramo, 779/2019).

>> Assemblea in videoconferenza – Tutte le regole

In caso di interventi straordinari è necessario il diverso quorum (previsto dall’articolo 1136, comma 2, del Cc, ovvero 500 millesimi oltre alla maggioranza degli intervenuti), salvo che si tratti di un intervento indifferibile. «L’amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente, ma in questo caso deve riferirne nella prima assemblea» (articolo 1135, comma 2, del Cc). Nel caso in cui l’assemblea non riesca a deliberare, e di conseguenza l’ascensore non risulti collaudato, l’amministratore è legittimato a inibire l’utilizzo dell’impianto, dandone comunicazione al Comune di riferimento.

SUPERBONUS 110% – CAPPOTTO TERMICO
Come ridurre di due classi il consumo energetico dell’edificio

Ascensore e Covid-19: chi decide le regole?

Come si diceva, sul trattamento anti contagio non ci sono orme specifiche che impongono al professionista di adottare determinate misure sugli ascensori. È vero però che l’impianto costituisce uno di quegli spazi “sensibili” che possono favorire la diffusione del virus.

Vietare l’utilizzo dell’ascensore è illegittimo, soprattutto per le persone più anziane che vivono ai piani alti o per i disabili impossibilitati a utilizzare le scale. Per questo motivo, molti amministratori impongono ai condòmini di occupare uno (o al massimo due) alla volta la cabina, indossando guanti monouso e mascherine a norma, così da poter toccare pulsante, maniglia e bottoniera in tutta sicurezza.

Ogni quanto sanificare?

La situazione è imprevedibile e di emergenza, pertanto anche senza il consenso dell’assemblea l’amministratore può disporre la sanificazione periodica dell’impianto, tanto più se in presenza di un’ordinanza comunale che lo preveda. (Fermo restando che il richiamato allegato 4 al Dpcm 10 aprile 2020 prevede la pulizia delle superfici «con disinfettanti a base di cloro e alcool»).

RIFARE IL TETTO col SUPERBONUS 110%
Coibentazione e sostituzione delle tegole fanno accedere alla maxi agevolazione?
Leggi qui

Ti potrebbero interessare:

La nuova assemblea condominiale

La nuova assemblea condominiale

Gianfranco Di Rago, 2020, Maggioli Editore

Il volume espone e chiarisce le attribuzioni e le modalità di funzionamento dell’assemblea condominiale, tenendo conto delle pronunce giurisprudenziali di merito e di legittimità sopravvenute nel corso degli ultimi anni, proponendosi come un essenziale...



LA GESTIONE DEL CONDOMINIO NELLA FASE 2 DEL COVID 19

LA GESTIONE DEL CONDOMINIO NELLA FASE 2 DEL COVID 19

Giuseppe Bordolli, Gianfranco Di Rago, 2020, Maggioli Editore

Questa nuovissima guida operativa, aggiornata al d.P.C.M. 26 aprile 2020, fornisce all’amministratore di condominio tutte le indicazioni per la corretta gestione delle attività condominiali nella fase 2 di graduale ripresa dopo l’emergenza sanitaria Covid 19. L’opera...



NOVITÀ SUPERBONUS 110% 

>> Acquista il Manuale sulle procedure per le ristrutturazioni edilizie, in omaggio riceverai la Guida al Superbonus 110% + Cessione del Credito + Altre detrazioni in edilizia.
Chi acquista dal nostro shop l’ottimo manuale di Alessandro Mezzina avrà immediatamente il PDF (di oltre 50 pagine di contenuti) con la guida che spiega tutte le novità nel settore edilizio e del risparmio energetico contenute nel DL rilancio.
Procedure per le ristrutturazioni edilizie residenziali

Procedure per le ristrutturazioni edilizie residenziali

Alessandro Mezzina, 2017, Maggioli Editore

Questo prontuario, unico nel suo genere, analizza in modo rigoroso e completo tutta la normativa nazionale (compresa quella tecnica di settore), che il professionista deve conoscere e applicare quando affronta un intervento di ristrutturazione della casa, al fine di impostare...



SUPERBONUS 110% DOPO IL DECRETO RILANCIO. TUTTI I LAVORI AGEVOLABILI - eBook

SUPERBONUS 110% DOPO IL DECRETO RILANCIO. TUTTI I LAVORI AGEVOLABILI - eBook

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Superbonus al 110% per tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata, ma solo nel caso in cui l'immobile unifamiliare sia destinato a prima casa.Il bonus potrà essere ceduto alle imprese a fronte di uno sconto in...



Foto: iStock/Ababsolutum

Fonte: Il Sole 24 Ore


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here