Home Bonus Edilizia Superbonus 110%, iniziare i lavori a costo zero

Superbonus 110%, iniziare i lavori a costo zero

Per gli interventi agevolati c'è la possibilità di un accordo sulla cessione del credito o lo sconto in fattura, dunque gli anticipi sono quasi nulli. Ma come si fa? Ecco le dritte per attivare il meccanismo

3660

Il decreto Rilancio ha ridato speranza all’edilizia mettendo in campo la cessione del credito al fornitore e lo sconto in fattura con possibilità di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari. Certo, la misura piace a molti, ma sul primo molte imprese hanno storto il naso. (>> Leggi: Superbonus 110%, lo sconto in fattura fa gola, non alle imprese).

Mancano ancora le modalità attuative della norma, ma molto è già contenuto nel decreto. Come si fa dunque a iniziare i lavori pagando un minimo anticipo (praticamente nulla)? Ecco come funzionano cessione del credito e sconto in fattura, inclusi i procedimenti per attuarli.

Superbonus 110%, iniziare i lavori a costo zero

Il Superbonus al 110% è previsto per questi lavori (Articolo 119 del DL Rilancio):
isolamento termico superfici opache verticali e orizzontali;
– materiali isolanti in rispetto ai criteri minimi ambientali;
impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda;
– impianti a pompa di calore;
– impianti ibridi o geotermici abbinati ad impianti fotovoltaici.

** SUPERBONUS – INTERVENTI ABBINATI **
Cappotto + nuovo impianto di riscaldamento
Ecco come funziona

Inoltre, secondo i Commi 3-5 si prescrivono:
miglioramento di almeno 2 classi energetiche da dimostrare attraverso l’APE (>> leggi: Per il Superbonus 110% serve attestazione Ape);
– installazione impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo (>> leggi: Ecobonus 110%, come ottenerlo per il fotovoltaico).

> Leggi anche l’approfondimento Superbonus 110%, i 3 macro-interventi agevolati

Come partire a costo zero?

I soggetti che dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 sosterranno spese per le sopra dette tipologie di lavori, incluso il bonus facciate al 90% e gli altri interventi edilizi per i quali è prevista la detrazione del 50% (oltre che per l’Ecobonus 65%, comprese le vecchie rate non ancora utilizzate), potranno optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione di imposta:

1. per la trasformazione del corrispondente importo in credito di imposta con possibilità di successiva cessione ad altri soggetti quali fornitori, istituti di credito e altri intermediari finanziari;

2. per un contributo sotto forma di sconto sul dovuto, pari, al massimo, all’importo della spesa fatturata, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

SUPERBONUS 110%
Vale per interventi edili già avviati?

Va specificato che al comma 1 dell’articolo 119 viene utilizzata l’espressione «soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per gli interventi elencati», e occorrerà pertanto fare riferimento al criterio di cassa, ossia alla data dell’effettivo pagamento, indipendentemente dalla data di avvio degli interventi cui i pagamenti si riferiscono. Diversamente, per le imprese individuali, per le società e per gli enti commerciali, si dovrà far riferimento al criterio di competenza (vedasi la circolare agenzia Entrate n. 2/E/2020).

Chi fruisce della detrazione?

Tutti i contribuenti, anche quelli non obbligati a versare imposta sul reddito, a patto che siano beneficiari della detrazione d’imposta prevista per gli interventi di cui all’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013.
– I fornitori esecutori dei lavori.
Soggetti privati come persone fisiche, anche lavoratori autonomi o d’impresa, società ed enti collegabili però al rapporto che ha permesso la detrazione stessa (chiarimenti espressi nelle circolari n. 11/E e n. 17/E del 2018).
Intermediari finanziari e istituti di credito ma soltanto se il creduto proviene da soggetti ricadenti nella no tax area.

Leggi anche: Superbonus 110% per sostituire la caldaia. Conviene sempre?

Ecobonus e bonus casa, i siti per l’invio dati a ENEA

Finalmente attivi i siti ENEA per l’invio della documentazione relativa ai lavori di efficienza energetica che possono beneficiare dei cosiddetti ecobonus o bonus casa conclusi nel 2020.

Il termine per trasmettere i dati all’ENEA è di 90 giorni dalla data di fine lavori; per tutti gli interventi conclusi tra il 1 gennaio 2020 e 25 marzo 2020, il termine di 90 giorni decorre dal 25 marzo 2020.

** Accedi direttamente al sito ENEA ecobonus
per compilare e inviare la dichiarazione di detrazione **

NOVITÀ SUPERBONUS 110%

Tutte le informazioni a portata di click, aggiornato agli ultimi passaggi legislativi

SUPERBONUS 110% - eBook

SUPERBONUS 110% - eBook

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Superbonus al 110 per cento con sconto in fattura o cessione del credito per tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata, comprese le villette a schiera, a patto che si riduca di due classi il consumo...



NOVITÀ CALCOLO APE

Ebook con i criteri per la nuova metodologia di calcolo APE + prescrizioni per nuovi edifici e ristrutturazioni + agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici aggiornate al Dl Rilancio e al Superbonus 110%
LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

Cinzia De Stefanis, 2020, Maggioli Editore

Il decreto legislativo n. 48 del 10 giugno 2020 (G.U. 10 giugno 2020, n. 146) recepisce nel nostro ordinamento le direttive Ue 2018/844 sulla prestazione energetica nell'edilizia e 2012/27 sull'efficienza energetica, modificando il d.lgs. 192 del 2005. Diverse e tutte importanti le...



Foto: iStock/SeventyFour


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here