Home Bonus Edilizia Superbonus, il cappotto termico deve essere antincendio

Superbonus, il cappotto termico deve essere antincendio

Attenzione ai materiali utilizzati per intervenire sull'involucro dell'edificio e della facciata; devono rispettare la norma di prevenzione incendi in vigore dal 6 maggio 2019

1974

Uno dei 3 macro-interventi che prevedono il Superbonus al 110% riguarda la coibentazione dell’edificio (con riduzione di due classi di consumo energetico). Si può parlare quindi di cappotto termico o di soluzioni alternative (>> leggi: Ecobonus 110%, come intervenire sul cappotto termico).

Attenzione però alle classi di reazione al fuoco dei materiali che compongono il cappotto termico e alla propagazione dell’incendio attraverso la facciata. È infatti recente l’emanazione di una normativa antincendio (in vigore dal 6 maggio 2019), che bisognerà tenere a mente nel caso si vogliano intraprendere lavori di coibentazione dell’edificio.

Vediamo quali accorgimenti progettuali si possono adottare per ostacolare la propagazione di un eventuale incendio attraverso la facciata, rimandando ovviamente nelle prescrizioni per l’ottenimento del Superbonus.

Superbonus, il cappotto termico deve essere antincendio

Il riferimento normativo che prescrive l’obbligo di progettare l’involucro soffermandosi sulle cosiddette misure di protezione passiva deriva dal Dm dell’Interno del 25 gennaio 2019, con il quale sono state aggiornate ed integrate le norme tecniche antincendio degli edifici di civile abitazione, risalenti al 1987.

** SUPERBONUS – INTERVENTI ABBINATI **
Cappotto + nuovo impianto di riscaldamento
Ecco come funziona

Cosa prescrive il DM per cappotto e facciate?

Il documento è in vigore dal 6 maggio 2019, e obbliga i progettisti a prestare la massima attenzione alla sicurezza antincendio delle facciate dei condomìni soggetti ai controlli di prevenzione incendi. Attenzione, queste regole valgono sia per gli edifici di nuova costruzione, sia gli interventi sull’esistente che comportano il rifacimento di oltre la metà della superficie complessiva delle facciate.

Perché un condominio sia soggetto al controllo di prevenzione incendio, deve avere un’altezza antincendio superiore a 24 metri. (>> Per capire meglio l’argomento: Antincendio, sì alla regola tecnica per condomini).

Per altezza antincendio si intende l’altezza massima misurata dal livello inferiore dell’apertura più alta dell’ultimo piano abitabile e/o agibile (vanno escluse le aperture dei vani tecnici) al livello del piano esterno più basso (generalmente la strada).

Se questa condizione e se l’intervento di coibentazione termica incide su almeno il 50% della superficie complessiva delle facciate che compongono l’edificio, allora i progettisti devono perseguire tre obiettivi.

  1. Evitare che la propagazione dell’incendio per mezzo dell’involucro edilizio vada a compromettere le compartimentazioni;
  2. Limitare il rischio di propagazione, all’interno dell’edificio, di fiamme originatesi all’esterno;
  3. Scongiurare il rischio che in caso di incendio parti della facciata possano cadere compromettendo l’esodo e la sicurezza dei soccorritori.

** Ecobonus 110% – FOTOVOLTAICO **
Come ottenerlo? Tutte le regole 

Cosa si deve fare?

Bisogna prestare molta attenzione ai materiali utilizzati e alla conformazione della facciata, compresi il posizionamento delle aperture e la presenza di eventuali cavità verticali nell’involucro.

Sarebbe opportuno seguire la Guida tecnica per le facciate degli edifici civili, valida per edifici di altezza antincendio superiore a 12 metri. Non è obbligatoria, ma ricca di suggerimenti e soluzioni pratiche.

SUPERBONUS 110%
Vale per interventi edili già avviati?

Accorgimenti progettuali

Nella Guida, con “cappotto termico” ci si riferisce alle facciate definite “semplici”, ossia multistrato e senza intercapedini d’aria, per le quali c’è da verificare, in corrispondenza di ogni solaio con funzione di compartimentazione, la resistenza al fuoco delle fasce di piano, ossia delle porzioni di facciata poste tra le aperture di due piani successivi.

Inoltre, i prodotti isolanti presenti in facciata devono avere precisi requisiti di reazione al fuoco, devono essere almeno di classe 1 o di classe B-s3-d0 secondo il sistema di classificazione europeo.

In merito alla reazione al fuoco degli isolanti, le linee guida dei Vigili del Fuoco sono molto dettagliate e – ad esclusione delle fasce (di larghezza pari a 60 cm) intorno ai vani finestra e porta-finestra e della parte basamentale (per un’altezza di almeno 3 metri) – consentono l’utilizzo di isolanti di classi inferiori alla 1 o alla B-s3-d0. Gli isolanti, però, vanno protetti da materiali incombustibili di adeguato spessore.

Leggi anche: Superbonus 110% per sostituire la caldaia. Conviene sempre?

Cappotto termico, quali regole?

Sono agevolati gli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio per oltre il 25% della superficie disperdente lorda.

La detrazione è calcolata su un tetto di spesa di 60.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i Criteri Ambientali Minimi – CAM (di cui al DM 11 ottobre 2017).

** CAPPOTTO TERMICO **
10 errori da evitare nella posa

Il bonus è riconosciuto sulle parti comuni condominiali e sugli immobili cielo-terra, purché prima casa: non è riconosciuto per le seconde case unifamiliari. Nel caso dei condomini ovviamente non fa differenza che l’appartamento di proprietà sia prima o seconda casa.

In realtà non è possibile fornire una soluzione univoca poiché ogni intervento è differente e soggetto a requisiti tecnologici, normativi e amministrativi diversi. Il progettista è, quindi, chiamato a fare una scelta idonea e conforme all’oggetto d’intervento, tenendo conto di condizioni quali: il contesto climatico in cui l’edificio è collocato, la tipologia dell’intervento (ristrutturazione o nuova costruzione), la destinazione d’uso (pubblica o privata), i vincoli normativi e amministrativi, le disponibilità economiche.

>> Per sapere tutto su Isolamento in intercapedine, a cappotto interno, a cappotto esterno e le soluzioni alternative, leggi questo approfondimento: Ecobonus 110%, come intervenire sul cappotto termico.

NOVITÀ SUPERBONUS 110%

Tutte le informazioni a portata di click, aggiornato agli ultimi passaggi legislativi

SUPERBONUS 110% - eBook

SUPERBONUS 110% - eBook

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Superbonus al 110 per cento con sconto in fattura o cessione del credito per tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata, comprese le villette a schiera, a patto che si riduca di due classi il consumo...



NOVITÀ CALCOLO APE

Ebook con i criteri per la nuova metodologia di calcolo APE + prescrizioni per nuovi edifici e ristrutturazioni + agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici aggiornate al Dl Rilancio e al Superbonus 110%
LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

Cinzia De Stefanis, 2020, Maggioli Editore

Il decreto legislativo n. 48 del 10 giugno 2020 (G.U. 10 giugno 2020, n. 146) recepisce nel nostro ordinamento le direttive Ue 2018/844 sulla prestazione energetica nell'edilizia e 2012/27 sull'efficienza energetica, modificando il d.lgs. 192 del 2005. Diverse e tutte importanti le...



Foto: iStock/Animaflora


1 COMMENTO

  1. parliamo sempre e solo di condomini vero? per unità abitativa indipendente non vale la regola della classe di incendio vero?

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here