Home in evidenza Cantieri edili, come far accedere i fornitori esterni

Cantieri edili, come far accedere i fornitori esterni

Ci sono procedure specifiche di sicurezza anche in questo caso, e tra quelle elencate, fondamentale è l'integrazione in appendice del piano di sicurezza e coordinamento

192

In tempi “normali” non ci sarebbe molto da dire sull’accesso dei fornitori esterni in cantiere. Ma dato che siamo alle prese con una riorganizzazione generale delle attività lavorative, nemmeno questo caso va dato per scontato.

Tuttora vigente è il Protocollo operativo per la gestione dei cantieri contenuto nel nuovo Dpcm 26 aprile 2020 all’interno dell’Allegato 7 (>> per maggiori info, visita questa pagina speciale).

Che si siano o meno iniziati i lavori, consigliamo la lettura di questo breve elenco che prescrive tutte le regole per poter operare in sicurezza e prevenzione da contagio del Covid-19, e allo stesso tempo garantire l’efficienza che serve a chi opera in cantiere e deve organizzarlo.

Cantieri edili, come far accedere i fornitori esterni

In generale, sarebbe opportuno ridefinire l’articolazione del lavoro con orari differenziati (anche nei confronti di operatori esterni), in modo tale da favorire il distanziamento e ridurre il numero di presenze in contemporanea nel luogo di lavoro. In questo senso, si preverranno assembramenti all’entrata e all’uscita con flessibilità di orari.

** SICUREZZA IN CANTIERE **
Aggiornamenti, Protocolli vigenti, Sicurezza, DPI
Dalla Check list del datore di lavoro ai moduli operativi

Modalità di accesso dei fornitori esterni: le 4 regole

1. Procedure di accesso – Integrazione PSC

Per l’accesso di fornitori esterni devono essere individuate procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite, al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale presente nel cantiere, con integrazione in appendice nel piano di sicurezza e coordinamento.

>> Come aggiornare il PSC di cantiere? Riorganizzare cronoprogramma, turni di lavoro, rivedere i costi della sicurezza e il layout di cantiere. Clicca qui per indicazioni e suggerimenti

2. Attività di carico e scarico

Se possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi: non è consentito l’accesso ai locali chiusi comuni del cantiere per nessun motivo. Per le necessarie attività di approntamento delle attività di carico e scarico, il trasportatore dovrà attenersi alla rigorosa distanza minima di un metro.

3. Servizi igienici dedicati

Per fornitori, trasportatori e/o altro personale esterno individuare/installare servizi igienici dedicati, prevedere il divieto di utilizzo di quelli del personale dipendente e garantire una adeguata pulizia giornaliera.

** SUPERBONUS 110% **
Come scegliere l’agevolazione più adatta al tuo edificio?
Scoprilo in 5 punti

4. Spostamenti

Nel caso in cui ci sia un servizio di trasporto organizzato dal datore di lavoro per raggiungere il cantiere, va garantita e rispettata la sicurezza dei lavoratori lungo ogni spostamento, se del caso facendo ricorso a un numero maggiore di mezzi e/o prevedendo ingressi ed uscite dal cantiere con orari flessibili e scaglionati oppure riconoscendo aumenti temporanei delle indennità specifiche, come da contrattazione collettiva, per l’uso del mezzo proprio. In ogni caso, occorre assicurare la pulizia con specifici detergenti delle maniglie di portiere e finestrini, volante, cambio ecc. mantenendo una corretta areazione all’interno del veicolo.

** SISMABONUS 110% **
Come accedere alle detrazioni previste? Con quali lavori?
Leggi l’approfondimento sugli interventi “locali”

Acquista e Scarica subito questo ebook su COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO, aggiornato al DPCM 17 maggio 2020!
È un vademecum completo per orientarsi nel nuovo contesto giuridico e normativo di riferimento.

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

Pierpaolo Masciocchi, 2020, Maggioli Editore

L’e-book, aggiornato al DPCM 17 maggio 2020, si propone come un vero e proprio vademecum completo per orientare il lettore nel nuovo contesto giuridico e normativo di riferimento. Esso si propone di illustrare, con esempi pratici ed estrema chiarezza, quali sono le procedure di sicurezza...



Ecobonus 110%, tutte le novità per edilizia e professionisti

Detrazioni ristrutturazioni, bonus professionisti, provvedimenti utili. Leggi tutti gli approfondimenti:
>> Ecobonus 110%, i 6 lavori subito scontabili
>> Decreto rilancio, tutte le novità per edilizia e professionisti
>> Superbonus 110%, non vale per lavori in appartamento
>> Decreto rilancio, per il Superbonus 110% serve attestazione Ape

Se vuoi sapere tutto sull’ecobonus, acquista l’ebook:

Ecobonus e risparmio energetico. Le novità e le conferme 2020 con quesiti risolti

Ecobonus e risparmio energetico. Le novità e le conferme 2020 con quesiti risolti

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore

Ecobonus confermato con aliquote al 50 e 65 per cento a seconda dei lavori. Detrazioni più elevate per gli interventi in condominio. Sempre ammessa la cessione del credito. Previsto anche lo sconto in fattura ma solo per i lavori condominiali di importo superiore ai 200.000 euro relativi...



Foto: iStock/Kyryl Gorlov


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here