Home Fiscale Decreto rilancio, per il Superbonus 110% serve attestazione Ape

Decreto rilancio, per il Superbonus 110% serve attestazione Ape

Sarà necessario migliorare di almeno due classi energetiche l'edificio e i materiali isolanti per il cappotto dovranno avere requisiti specifici

4010

C’è una nuova condizione per ottenere il Superbonus 110%: l’edificio dovrà migliorare di almeno due classi energetiche e la dimostrazione andrà effettuata mediante Ape. Inoltra, i materiali isolanti utilizati per il “cappotto” termico dovranno rispettare i requisiti minimi ambientali previsti dal decreto Ambiente 11 ottobre 2017.

Da giorni non si fa altro che parlare delle misure previste dal Decreto rilancio la cui ultima versione è ormai stata confermata, e uno dei maggiori provvedimenti riguarda la riqualificazione energetica di condomini e singole abitazioni. Il cosiddetto Superbonus 110%, permetterà infatti un maxicredito d’imposta per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, e servirà soprattutto per intervenire su caldaie, cappotti termici e pannelli solari.

Vediamo in dettaglio le due modifiche dell’ultima ora in merito a certificazione energetica e materiali isolanti.

Decreto rilancio, per il Superbonus 110% serve attestazione Ape

Le principali novità aggiunte al Decreto rilancio riguardano l’Ecobonus 110%: come precedentemente annunciato, la riqualificazione energetica di condomini e singole abitazioni dovrà garantire «il miglioramento di almeno due classi energetiche da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (Ape)»

>> Leggi lo speciale: Nuovo APE – Attestato Prestazione Energetica Edifici

Condizione ulteriore: quella sui materiali isolanti per il “cappotto” termico, che come anticipato dovranno rispettare i requisiti minimi ambientali previsti dal decreto Ambiente 11 ottobre 2017.

Queste specifiche servono essenzialmente per evitare che qualcuno faccia il “furbo” e agevoli spese non ammesse.

DECRETO RILANCIO || BONUS CASA
** Come scegliere l’agevolazione più adatta? **
Spieghiamo tutto in 5 punti

Asseverazione del progetto

Servirà un’asseverazione del progetto da parte dei tecnici abilitati e una copia sarà trasferita all’Enea. Le modalità di trasmissione e le relative modalità attuative saranno definite con un decreto del Ministero dello Sviluppo economico entro trenta giorni dalla data di conversione del decreto legge.

Novità Sismabonus

Un’ultima novità riguarda il Sismabonus, il cui sconto arriverà anch’esso al 110%. La nuova condizione vuole che si sottoscriva una polizza assicurativa anticalamità in concomitanza alla richiesta dell’agevolazione.

L’effettività degli interventi sarà dimostrata da «professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico». Lo stesso tecnico dovrà attestare «la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati».

Potrebbe interessarti: Superbonus 110%: come cambia lo sconto in fattura?

Per conoscere i casi pratici sull’Ecobonus:

>> Scarica l’ebook “Bonus casa 2020: più di 300 risposte a casi pratici”

Cantieri, ambienti di lavoro e Coronavirus

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

Pierpaolo Masciocchi, 2020, Maggioli Editore

L’e-book, aggiornato al DPCM 17 maggio 2020, si propone come un vero e proprio vademecum completo per orientare il lettore nel nuovo contesto giuridico e normativo di riferimento. Esso si propone di illustrare, con esempi pratici ed estrema chiarezza, quali sono le procedure di sicurezza...



Condominio, come gestire la Fase 2 Covid-19?

Guida operativa per amministratori di condominio con modulistica e aiuto nella gestione di:
  • Assemblee condominiali a distanza
  • Gestione della privacy e accesso agli estranei
  • Pagamento delle spese condominiali
  • Impugnazione delle delibere
  • Sanificazione delle parti comuni
LA GESTIONE DEL CONDOMINIO NELLA FASE 2 DEL COVID 19

LA GESTIONE DEL CONDOMINIO NELLA FASE 2 DEL COVID 19

Giuseppe Bordolli, Gianfranco Di Rago, 2020, Maggioli Editore

Questa nuovissima guida operativa, aggiornata al d.P.C.M. 26 aprile 2020, fornisce all’amministratore di condominio tutte le indicazioni per la corretta gestione delle attività condominiali nella fase 2 di graduale ripresa dopo l’emergenza sanitaria Covid 19. L’opera...



Foto: iStock/DNY59


Condividi

1 COMMENTO

  1. Salve, per quanto riguarda il “miglioramento di almeno due classi energetiche”, nel caso di un condominio con più unità immobiliari si dovrà dimostrare tale miglioramento tramite gli APE ante e post intervento di ogni singolo appartamento?

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here