Home News dalle aziende Controsoffitti sicuri a prova di sisma per la sicurezza scolastica (e non...

Controsoffitti sicuri a prova di sisma per la sicurezza scolastica (e non solo)

La nuova soluzione resiliente al sisma targata Rockfon per il mercato italiano

63

Continua il programma di sviluppo di Rockfon®, verso un futuro sicuro e sostenibile dell’edilizia in Italia. Da dieci anni sul territorio nazionale con l’obiettivo di garantire comfort acustico e sicurezza, Rockfon apre il nuovo anno con una nuova proposta che dà una forte risposta al mercato italiano: una soluzione antisismica che promuove la sicurezza, con grande attenzione al valore dell’investimento economico che viene richiesto negli interventi di consolidamento sismico.

Come ben noto, l’Italia è uno dei Paesi del Mediterraneo a maggiore rischio sismico (nota 1), per la frequenza dei terremoti che hanno storicamente interessato il territorio e per l’intensità di alcuni di essi. L’intento di Rockfon è quello di contribuire alla realizzazione di edifici sempre più resilienti al sisma in modo che continuino a essere operativi durante e dopo un evento catastrofico, minimizzando il rischio per gli utenti e abbattendo i costi di ricostruzione. Quando un edificio viene sollecitato da una scossa, che ci si trovi all’interno di un ospedale, di una scuola o di un ufficio, la caduta di materiale dal soffitto, può pregiudicare la sicurezza: può ferire le persone ed ostacolare le vie di fuga.

Realizzazioni su edifici scolastici e uffici. Courtesy Rockfon®

Attraverso un approccio tecnico-scientifico multidisciplinare, il nuovo sistema di controsoffitto modulare sviluppato da Rockfon permette di avere un’elevata prestazione sismica con elementi standard; l’ampia gamma di prodotti trasversali del catalogo Rockfon permette di comporre la soluzione antisismica più idonea alle diverse esigenze di progettazione: dalla più classica Rockfon® EklaTM fino alle più ricercate e di design come Rockfon Blanka® e Rockfon Color-All®. La soluzione è stata sottoposta a prove di simulazione sismica eseguite nei laboratori della Fondazione Eucentre di Pavia: è stata testata su una tavola vibrante che ha resistito indenne a 9 livelli crescenti di sollecitazione sismica.

Mappa della classificazione sismica del territorio italiano, aggiornata a gennaio 2019 (Dipartimento Protezione Civile)

“Non abbiamo inventato soluzioni complesse o costose tali da comportare investimenti economici importanti e straordinari”, commenta Riccardo Andreozzi, direttore vendite di Rockfon, ROCKWOOL Italia Spa. “Offriamo una soluzione antisismica testata che prevede l’utilizzo di prodotti standard, già presenti nel nostro listino, regolarmente a stock e facilmente reperibili presso la nostra rete di distribuzione. L’installazione non richiede ulteriore formazione, fa già parte della quotidianità e del know-how dei nostri installatori. Tutto questo ci dà la possibilità di essere protagonisti negli interventi di adeguamento degli edifici scolastici, e di altre realtà quali ospedali, uffici, musei, consentendoci di proteggere le persone in primis, oltre che tutelare il patrimonio artistico e culturale italiano”.

Controsoffitti sicuri a prova di sisma

Le caratteristiche del sistema Rockfon

La soluzione resiliente al sisma proposta da Rockfon prevede una struttura a vista, con pannelli 600 x 600 mm con bordo A. È possibile scegliere tra i pannelli della gamma Ekla, Blanka, Color-All, oppure optare per Blanka Activity 40 mm, soluzione che, volendo, permette di coniugare antisismica e resistenza ai carichi da sfondellamento dei solai.

Il controsoffitto sospeso è da realizzarsi con struttura Chicago Metallic T24 Click 2890 e pendini regolabili a doppia molla. É previsto un controventamento realizzato con pendini a doppia molla, installati a 45°, ogni 13 mq. Il sistema è costituito da profili portanti, profili intermedi, pendini a doppia molla, una clip di sospensione e clip perimetrali. La struttura Chicago Metallic T24 Click 2890 è caratterizzata da una clip di connessione che permette giunzioni rapide e sicure tra profili portanti, e tra profili portanti e profili intermedi. I profili portanti e intermedi hanno un’altezza uniforme pari a 38 mm, che assicura maggiore stabilità al sistema.

Ogni singolo pannello è smontabile singolarmente: in un’ottica di un sistema sostenibile e flessibile, la soluzione permette un rapido e selettivo disassemblaggio dei suoi componenti attraverso clip di giunzione.

Un momento della prova antisismica della soluzione resiliente al sisma Rockfon

La prova di simulazione sismica

La soluzione antisismica Rockfon è stata testata su una tavola vibrante nei laboratori della Fondazione Eucentre di Pavia: il controsoffitto è stato sottoposto a prove di simulazione sismica in accordo all’ICC ES AC156 (2015) e alla norma ISO 13033: 2013 secondo 9 livelli crescenti di sismicità derivati per il contesto sismico italiano.

Sono state provocate 9 scosse partendo da un livello di bassa intensità, proseguendo con un livello di media ed infine di altissima intensità. Ogni scossa è stata caratterizzata da una durata di 30 secondi, di cui i primi 5 secondi con accelerazioni crescenti, 20 secondi costanti ad alta intensità e 5 secondi finali con accelerazioni decrescenti.

I test sono stati eseguiti utilizzando due pannelli con peso e spessore differente in modo che, all’interno del range testato, fossero comprese sia applicazioni standard, sia soluzioni che più sollecitassero in peso la struttura (pannello da 600 x 600 x 20 peso 2,4 kg/ mq e pannello da 600 x 600 x 50 peso 7,9 kg/mq).

Non si sono verificati distaccamenti, alterazioni o cedimenti né durante né al termine di entrambi i test: i due campioni di controsoffitto sono stati sottoposti a 9 scosse l’uno, la struttura di sospensione della controsoffittatura (che è la medesima in entrambi i test) è stata sollecitata 18 volte.

Note

(1) Fonte: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione Civile.

Per maggiori informazioni: www.rockfon.it

Leggi anche >> Comfort acustico scuole, il controsoffitto è un’opportunità: ecco perché

 


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here