Home in evidenza Decreto Fase 2, i cantieri riaprono il 27 aprile e il 4...

Decreto Fase 2, i cantieri riaprono il 27 aprile e il 4 maggio

Conte ha confermato la fine del lockdown per l'edilizia: ecco le nuove disposizioni e le regole dei Protocolli di sicurezza già siglati

5104

Il premier Giuseppe Conte il 26 aprile ha firmato il primo decreto della “fase 2”, che stabilisce le riaperture progressive e graduali dopo il famigerato lockdown causato dal Coronavirus e iniziato lo scorso marzo.

Si tratta potenzialmente di una grande opportunità di ripartenza per le attività produttive: tra queste, l’edilizia non aspettava altro che il via libera, anche se le domande che ci siamo posti nei giorni scorsi e le perplessità sull’efficacia operativa dei vari Protocolli, rimangono tali.

Si riuscirà a lavorare attuando tutte le prescrizioni di sicurezza? L’unico modo per scoprirlo sarà forse tornare all’attività in cantiere, la cui riapertura è stata fissata in due tappe dal decreto 26 aprile:
dal 27 aprile possono ripartire carceri, scuole, alloggi pubblici e dissesto idrogeologico. Sempre dal 27 aprile possono partire le attività preparatorie funzionali a riavviare la normale attività produttiva nei cantieri pubblici e privati;
dal 4 MAGGIO potranno riaprire tutti i cantieri pubblici e privati (la cui attività preparatoria era stata possibile già dal 27 aprile).

Decreto Fase 2, i cantieri riaprono oggi e il 4 maggio

È già da giorni che il settore edile si prepara alla Fase 2. Il Protocollo operativo del 24 aprile  (>> qui trovi una sintesi) ha infatti sintetizzato e integrato i precedenti documenti di regolamentazione, le indicazioni delle associazioni, e specificato la validità del DURC fino al 15 giugno.

Questo Protocollo operativo del MIT è ora contenuto nell’Allegato 7 del nuovo Dpcm 24 aprile.

>> PROTOCOLLO OPERATIVO MIT EDILIZIA – Allegato 7 Dpcm 26 aprile

Rispetto al precedente accordo, la “condivisione” del Mit è stata allargata a comuni e province, ma anche al ministero del Lavoro che avrà un ruolo specifico nelle verifiche del rispetto delle prescrizioni di sicurezza (come spiega la circolare n.149/2020 del 20 aprile 2020).

Edilizia, quali attività ripartono oggi?

«Le imprese, che riprendono la loro attività a partire dal 4 maggio 2020, possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura a partire dalla data del 27 aprile 2020» si legge nel Dpcm, che conferma come «dal 4 maggio riparte la tutta la manifattura, tutto il settore delle costruzioni e tutto il settore del commercio all’ingrosso funzionale alla manifattura e alle costruzioni».

** Sulla riorganizzazione del cantiere **
Fase 2 edilizia, come AGGIORNARE il PSC di cantiere

CODICI ATECO COSTRUZIONI – ATTIVITÀ AMMESSE

Nell’Allegato 3 del nuovo decreto, dove sono indicate le attività economiche che potranno riprendere, sono indicati tutti i principali codici Ateco del settore costruzioni:
– 41 (costruzione di edifici),
– 42 (ingegneria civile),
– 43 (lavori di costruzione specializzati).

Obbligo di comunicazione ai prefetti

La regione Emilia Romagna specifica che da oggi, 27 aprile, «in Emilia-Romagna (fatta eccezione per Piacenza), così come in tutto il Paese, potranno ripartire le aziende del comparto costruzioni per i soli cantieri di opere pubbliche su dissesto idrogeologico, edilizia scolastica, edilizia residenziale pubblica e penitenziaria», sempre a condizione di rispettare il nuovo protocollo del 24 aprile (Allegato 7 Dpcm 26 aprile).

La possibilità di riaprire alcuni cantieri di opere pubbliche è in ogni caso subordinata alla comunicazione alle prefetture.

Riaprire il cantiere?
Ecco la Check list da eseguire e i Moduli necessari

Si tratta di moduli utili alla gestione della misurazione della temperature corporea (compresa l’informativa sul trattamento dei dati personali), la lettera con cui il datore informa i lavoratori delle misure igieniche da adottare, i modelli di lettera rivolti ai committenti/responsabili dei lavori/coordinatori in fase di esecuzione per integrare i piani di sicurezza e coordinamento, e una Check list contenente indicazioni al fine di consentire ai tecnici dei CPT di verificare l’attuazione del Protocollo MIT durante i sopralluoghi di cantiere.

>> Check list Protocollo cantieri

>> Modulo richiesta urgente committente/responsabile dei lavori
>> Modulo richiesta urgente PSC
>> Modulo informazione lavoratori
>> Modulo informazione altri soggetti
>> Modulo informativa sui dati personali
>> Modulo effettuazione misurazione corporea
>> Modulo autocertificazione temperatura corporea

La confusione sui DPI (dispositivi di protezione individuale) e i DM (dispositivi medici) idonei da utilizzare è molta. Mascherine con filtro o senza filtro? Quali usare? Solo modelli certificati CE o anche modelli non certificati? Da chi acquistarle? Come riconoscere quelle certificate? In questo articolo su Ingegneri.cc cerchiamo di fare chiarezza, anche per il cantiere: Validazione DPI INAIL e DM ISS: quali sono i dispositivi validati in deroga?

Coronavirus, come ripartire? Vademecum per tutte le attività

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

Carmine Moretti, Marco Ballardini, 2020, Maggioli Editore

Questa pubblicazione è nata allo scopo di fornire strumenti utili e indicazioni da seguire nella gestione dell’emergenza legata alla diffusione dell’infezione da COVID-19 nei luoghi di lavoro e nei cantieri. Si è voluto dare un taglio pratico al testo, sulla base...



Foto: iStock/Morsa Images


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here