Home Edilizia Il decreto Cura Italia è legge: novità per l’edilizia

Il decreto Cura Italia è legge: novità per l’edilizia

OK definitivo dalla Camera per il testo che prescrive l'obbligo di pagamento dei lavori già eseguiti, così come la proroga della validità dei titoli abilitativi e dei certificati

3135

Il 24 aprile la Camera dei deputati ha approvato, in via definitiva, il Decreto Cura Italia recante misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il provvedimento è ora legge e va in Gazzetta Ufficiale. Tra le misure ne contiene alcune di interesse per il settore delle costruzioni: vediamole in dettaglio.

Il decreto Cura Italia è legge: novità per l’edilizia

Ecco le principali novità per il settore edile:
– obbligo di pagamento dei lavori già eseguiti da parte dei committenti privati,
– proroga della validità dei titoli abilitativi e dei certificati (DURC incluso),
– responsabilità attenuate per i ritardi nelle consegne dei lavori.

Leggi anche: Fase 2 cantieri edili riaprono, ma chi paga gli oneri aggiuntivi?

Obbligo pagamento dei lavori già eseguiti

La Legge di conversione del decreto Cura Italia ha introdotto una previsione nei contratti tra privati, in corso di validità dal 31 gennaio e fino al 31 luglio 2020, in virtù della quale il committente è tenuto a pagare le imprese per i lavori eseguiti sino alla data di sospensione dei lavori, così come richiesto anche da ANAEPA e da tutta la filiera delle costruzioni. Una misura molto importante per tutte quelle imprese che sono ferme per effetto del DPCM del 22 marzo e che non sanno quando potranno completare i lavori pur avendo sostenuto le spese per l’acquisto dei materiali e per il pagamento dei lavoratori.

Proroga scadenza titoli abilitativi, certificati e DURC

Modificato la scadenza, inizialmente prevista al 15 giugno 2020, per tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni, atti abilitativi e termini di inizio e di ultimazione dei lavori, previsti dall’articolo 15 del Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001), in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, che conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.

Tale disposizione si applica anche alle segnalazioni certificate di inizio attività, alle segnalazioni certificate di agibilità, nonché alle autorizzazioni paesaggistiche e alle autorizzazioni ambientali comunque denominate. Il medesimo termine si applica anche al ritiro dei titoli abilitativi edilizi comunque denominati rilasciati fino alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. La proroga riguarda anche il Documento unico di regolarità contributiva (DURC).

Approfondisci anche: Bonus 800 euro autonomi e p.iva: nuove regole?

Ritardo consegna lavori, chi è il responsabile?

Altra disposizione per venire incontro alle imprese edili in merito a ritardi o inadempimenti contrattuali, ad esempio nella consegna dei lavori, derivanti dalle misure di contenimento del virus che devono essere tenute necessariamente in conto, al fine di escludere la responsabilità dell’appaltatore e il pagamento del risarcimento del danno, ai sensi degli articoli 1218 e 1223 del Codice Civile.

Coronavirus, come ripartire?

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

Carmine Moretti, Marco Ballardini, 2020, Maggioli Editore

Questa pubblicazione è nata allo scopo di fornire strumenti utili e indicazioni da seguire nella gestione dell’emergenza legata alla diffusione dell’infezione da COVID-19 nei luoghi di lavoro e nei cantieri. Si è voluto dare un taglio pratico al testo, sulla base...



Foto: iStock/Alina Rosanova


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here