Home Fiscale Novità ecobonus serramenti e infissi: ora serve la marcatura CE

Novità ecobonus serramenti e infissi: ora serve la marcatura CE

Aggiornato il vademecum ENEA: nuove indicazioni sulla documentazione di tipo “tecnico” da conservare

134

ENEA ha pubblicato da qualche giorno un importante aggiornamento per quanto riguarda interventi di sostituzione di finestre comprensive di infissi, delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati, e che rispettino i requisiti di trasmittanza termica U (W/m2K) riportati in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.

La novità è fondamentale per poter ottenere l’ecobonus: da ora in poi senza marcatura CE degli infissi, nessuna agevolazione.

Novità ecobonus serramenti e infissi: ora serve la marcatura CE

Ricordiamo velocemente che l’aliquota di detrazione è pari al:
50% delle spese totali sostenute dal 01/01/2018 al 31/12/2020 nel caso delle singole unità immobiliari (con la clausola che per le spese sostenute fino al 31/12/2017 si applica un’aliquota di detrazione pari al 65%);
65% delle spese totali sostenute dal 01/01/2020 al 31/12/2020 4 nel caso di interventi che interessino le parti comuni degli edifici condominiali o tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Leggi anche: Ecobonus, vale per la serra solare?

Il limite massimo di detrazione ammissibile è pari a 60 mila euro per unità immobiliare, e se l’intervento è eseguito contestualmente alla coibentazione dell’involucro opaco verticale e/o orizzontale, la detrazione massima complessiva rimane la stessa.

Cosa prescrive il nuovo vademecum ENEA?

Viene specificato che la documentazione di tipo “tecnico” da conservare a cura del cliente è la seguente.

>> Originale della “scheda descrittiva dell’intervento”
riportante il codice CPID assegnato dal sito ENEA, firmata dal soggetto beneficiario e, nei casi previsti, dal tecnico abilitato.

>> Asseverazione
redatta da un tecnico abilitato ai sensi degli articoli 4 e 7 del D.M. 19/02/2007 e successive modificazioni attestante il rispetto dei requisiti tecnici specifici di cui sopra e, in particolare, i valori di trasmittanza termica dei nuovi infissi installati e di quelli sostituiti.

Approfondisci anche: Nuovo APE – Attestato Prestazione Energetica Edifici

Soltanto nel caso di interventi in singole unità immobiliari, l’asseverazione può essere sostituita dalla certificazione del fornitore/assemblatore/installatore di detti elementi, che attesti il rispetto dei medesimi requisiti;

Il valore di trasmittanza termica degli infissi ante intervento, che può essere stimato anche in modo approssimativo utilizzando l’algoritmo appositamente elaborato dall’ENEA e che può essere riportato:
– all’interno della certificazione del produttore in una zona a campo libero;
– in un’autocertificazione del produttore;
– nell’asseverazione;

>> Schede tecniche di prodotto e marcatura CE

** Scarica il vademecum Enea aggiornato

Ti potrebbe interessare:

Ecobonus e risparmio energetico. Le novità e le conferme 2020 con quesiti risolti

Ecobonus e risparmio energetico. Le novità e le conferme 2020 con quesiti risolti

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore

Ecobonus confermato con aliquote al 50 e 65 per cento a seconda dei lavori. Detrazioni più elevate per gli interventi in condominio. Sempre ammessa la cessione del credito. Previsto anche lo sconto in fattura ma solo per i lavori condominiali di importo superiore ai 200.000 euro relativi...



Foto: iStock/dima_sidelnikov


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here