Home Edilizia Edilizia scolastica, rinviate tutte le scadenze

Edilizia scolastica, rinviate tutte le scadenze

Dopo le richieste di Anci e Upi il ministero dell’Istruzione sposta in avanti il calendario per gli adempimenti degli enti locali

50

Prorogate tutte le scadenze per quanto riguarda l’edilizia scolastica, come richiesto da Anci e Upi. Il ministero dell’Istruzione ha deciso che il primo appuntamento sarà il 10 giugno con i mutui Bei del 2015.

Lo scorso giovedì 12 marzo è stata firmata una lettera dai presidenti dell’Associazione dei comuni (Antonio Decaro) e dell’Unione delle province (Michele De Pascale), in cui Anci e Upi sottolineavano che la situazione generale negli istituti scolastici si era addirittura aggravata rispetto all’ultima riunione della Cabina di regia nazionale e chiedevano al ministero dell’Istruzione la proroga di alcuni termini per l’edilizia scolastica previsti in diversi decreti ministeriali.

Passiamo quindi in rassegna tutto quanto è stato “messo in pausa” per capire a che punto siamo con i finanziamenti e la situazione delle nostre scuole.

Edilizia scolastica, rinviate tutte le scadenze

Il ministro Azzolina ha accordato una proroga a 8 diversi interventi.
Le nuove scadenze sono:
– economie previste dal piano mutui Bei del 2015, 10 giugno 2020;
– indagini diagnostiche sugli edifici, 7 gennaio 2021;
– adeguamento antincendio, 30 giugno;
– palestre, 31 ottobre;
– fondo progettazione, 31 dicembre.

Leggi anche: Coronavirus, cosa cambia nel Codice appalti?

Precedenti interventi della legislatura in corso hanno riguardato: la previsione di adozione di un piano straordinario per l’adeguamento alla normativa antincendio delle scuole, e di un piano nazionale di interventi di efficientamento energetico; la modifica della procedura per l’individuazione degli interventi da finanziare, rispettivamente, per la costruzione di Poli per l’infanzia innovativi e di scuole innovative nelle aree interne del paese e la destinazione di risorse agli stessi Poli per l’infanzia e alle scuole innovative.

Ma anche: la previsione che, dal 2018, le risorse del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio destinate ad interventi di adeguamento strutturale e antisismico delle scuole sono ripartite secondo i criteri della programmazione triennale nazionale degli interventi di edilizia scolastica, definiti (poi) nell’ambito dell’Accordo quadro siglato il 6 settembre 2018; l’estensione della possibilità di stipulare i c.d. “mutui BEI” per l’edilizia scolastica anche agli interventi inclusi nelle programmazioni triennali successive a quella del triennio 2015-2017; l’istituzione nello stato di previsione del Ministero dell’interno del fondo «Asili nido e Scuole dell’infanzia»; l’introduzione di semplificazioni per accelerare gli interventi; la modifica della disciplina per il riparto della quota dell’8 per mille del gettito IRPEF destinata agli interventi relativi agli edifici scolastici pubblici e l’istituzione di una apposita sezione del Fondo unico per l’edilizia scolastica, destinata a finanziare le esigenze urgenti e indifferibili relative ai medesimi edifici.

Approfondisci: Edifici storici, come si comportano in caso di sisma?

Ti potrebbe interessare:

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore

Questa nuova Guida ai Piani di Sicurezza 2.0, giunta alla seconda edizione, si rinnova e si aggiorna allo stato dell’arte tecnico e normativo per offrire un vero e proprio percorso guidato per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), del Fascicolo Tecnico (FT),...



Foto: iStock/Mirjana Ristic


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here