Home Fiscale Bonus mobili, come dimostrare la data di inizio lavori di ristrutturazione?

Bonus mobili, come dimostrare la data di inizio lavori di ristrutturazione?

Niente CILA, ma cosa si deve portare in comune? Una Dichiarazione dell’Atto di Notorietà?

588
bonus mobili arredi 2018

Il quesito è stato inviato alla posta di FiscoOggi da un contribuente che domanda come si fa a dimostrare la data di inizio dei lavori di ristrutturazione, dato che non è obbligatorio presentare al comune la Cila (comunicazione di inizio lavori asseverata)? Si deve forse portare in comune una Dichiarazione dell’Atto di Notorietà?

>>> Per un ripasso: Lavori edilizi: quando serve CIL, CILA o SCIA (e quando nulla)

Bonus mobili, come si fa a dimostrare la data di inizio lavori?

Con l’approvazione della Manovra finanziaria 2020, Bonus Ristrutturazioni, Ecobonus e Bonus Mobili hanno ricevuto l’ok dal Governo anche per il 2020, con le stesse aliquote e caratteristiche. C’è anche un nuovo Bonus, il Bonus facciate: leggi di cosa si tratta.

È di febbraio invece la nuova guida Bonus mobili ed elettrodomestici per beneficiare dell’agevolazione.

Vi consigliamo la lettura perché contiene tutte le informazioni suddivise per aree tematiche: quando si può avere la detrazione; per quali acquisti; l’importo detraibile; i pagamenti; i documenti da conservare; i quesiti più frequenti.

* Scarica qui la Guida al Bonus Mobili di Febbraio 2020 *

Leggi anche: Detrazione ristrutturazione per l’edilizia libera: facciamo chiarezza

Inizio lavori, come si dimostra?

Ecco cosa serve per dimostrare l’inizio lavori. Per avere diritto al bonus mobili ed elettrodomestici bisogna usufruire della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, ed è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione sia precedente a quella di acquisto dei beni.

Non è fondamentale però che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile ristrutturato.

Uno dei modi per dimostrare la data di avvio dei lavori può essere mediante abilitazioni amministrative o dalla comunicazione preventiva all’Asl, se è cogente. Per gli interventi per cui invece non servono comunicazioni o titoli abilitativi, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (come prevede il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 149646 del 2 novembre 2011). La dichiarazione va conservata ed esibita a richiesta degli uffici che effettuano il controllo sulla spettanza dell’agevolazione.

Approfondisci anche: Decreto Cura Italia in vigore: gli aiuti per i Professionisti

Abbiamo realizzato un eBook con tutte le NOVITÀ (e le conferme) in materia fiscale che riguardano l’edilizia. Tra queste, prima di tutto, il Bonus facciate.

BONUS FACCIATE E AGEVOLAZIONI FISCALI 2020 IN EDILIZIA

BONUS FACCIATE E AGEVOLAZIONI FISCALI 2020 IN EDILIZIA

Lisa De Simone, 2019, Maggioli Editore

Esordisce dal 1° gennaio 2020 il nuovo Bonus Facciate che garantisce un super sconto fiscale del 90% per il miglioramento e l’abbellimento delle facciate degli edifici. Nella Manovra Finanziaria 2020 non c’è solo questa importante novità. Accanto al super bonus,...



Foto: iStock/damircudic


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here