Home Professionisti Coronavirus, gli studi professionali chiudono?

Coronavirus, gli studi professionali chiudono?

Il dpcm 11 marzo 2020 non impone la chiusura degli studi professionali ma indica le regole da seguire assolutamente per evitare il contagio.

3452

Nel dpcm dell’11 marzo, che elenca le attività che devono essere aperte e quelle che devono essere chiuse per l’emergenza Coronavirus, non si parla mai esplicitamente di studi tecnici o professionisti tecnici. Si parla però di “attività professionali”, che non sono obbligate a chiudere. Per tutte le attività professionali si raccomanda che:

a) sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attivita’ che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
b) siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonche’ gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
c) siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
d) assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
e) siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
8) per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;
9) in relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 7 e 8 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali:
10) Per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.

A quanto pare, ma non ci sono indicazioni precise in merito, non è obbigatorio chiudere ma non lo è neanche tenere aperto. Per la salute di tutti, sarebbe opportuno chiudere (questo è un suggerimento di Ediltecnico). Se si decide di tenere aperto, bisogna seguire le indicazioni sopra riportate.

Coronavirus, bonus mensile per i professionisti

Il consiglio dei ministri ha portato a 25 miliardi di euro (approvati da Camera e Senato, aggiornamento del 12 marzo) lo stanziamento per far fronte all’emergenza Coronavirus. Dovrebbero esserci risorse anche per i professionisti a partite IVA: l’allargamento a tutt’Italia dell’indennità inizialmente prevista solo per le zone rose. Il 13 marzo, si riunirà il CdM sul nuovo decreto economico.

Indennità professionisti Coronavirus: ecco il DL per quelle che all’inizio erano le primissime «zone rosse»

Articolo del 4 marzo. È stato approvato venerdì 28 febbraio dal Consiglio dei ministri il decreto legge 9/2020 che introduce misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. 500 euro al mese per un massimo di tre mesi e pagamenti sospesi. Questa indennità per le partite IVA dovrebbe essere estesa a tutto il territorio nazionale con il decreto che il CdM discute domani. Leggi tutto

Ti potrebbero interessare: le novità del Decreto Cura Italia

Foto: istock/Sushiman


Condividi

1 COMMENTO

  1. Salve
    I Geometri liberi professionisti che sono costretti a pagare la loro Cassa (CIPAG) con i contributi obbligatori chiamati “minimi” che ammontano a €uro seimila anche se non fatturano ?
    Non sarebbe il momento per pagare i Contributi Previdenziali per ogni fattura emessa?
    Ricordiamo che qualsiasi Autorizzazione rilasciata da Enti é obbligatorio allegare il bonifico del cliente.Quindi tutto è tracciabile.Grazie,gm

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here