Home Professionisti Coronavirus: nuovo modulo per l’autocertificazione degli spostamenti

Coronavirus: nuovo modulo per l’autocertificazione degli spostamenti

Ecco le istruzioni per gli spostamenti e il nuovo modulo per l'autodichiarazione aggiornato con il dpcm 22 marzo e con le nuove disposizioni del Ministro della Salute, per chiunque DEBBA spostarsi.

11346

Aggiornamento del 26 marzo 2020. Dopo il decreto 25 marzo 2020, cambia di nuovo il modulo per l’autocertificazione dei cittadini che devono spostarsi. Il nuovo modulo si può scaricare a questo link ma anche dal sito del Ministero dell’Interno, oppure, se non hai la stampante a casa, si può anche ricopiare a mano. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto 25 marzo che inasprisce le sanzioni per chi viola i divieti: ci sono sanzionsalati per vìola la legge.

Le novità del nuovo modulo per l’autocertificazione spostamenti

Da presentare in caso di controllo. Nel nuovo modulo occorre inoltre indicare da dove lo spostamento è cominciato e la destinazione.

Biogna dichiarare che che lo spostamento è determinato da:
– comprovate esigenze lavorative;
– assoluta urgenza (“per trasferimenti in comune diverso”, come previsto dall’art. 1, comma1, lettera b) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 marzo 2020);
– situazione di necessità (per spostamenti all’interno dello stesso comune o che rivestonocarattere di quotidianità o che, comunque, siano effettuati abitualmente in ragione dellabrevità delle distanze da percorrere);
– motivi di salute.

Puoi scaricare qui il nuovo modulo del 23 marzo 2020.

Sono validi i vecchi moduli?

No, non sono validi i moduli emessi nei giorni scorsi.

Devo avere anche un documento d’identità con me?

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha dichiarato: “Il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità”.

E se faccio sempre lo stesso percorso?

Se ne può compilare anche uno solo nel caso in cui si debba giustificare un percorso che si effettua in modo ripetuto (per esempio, casa-lavoro).

E se non ho la stampante?

Se non puoi stampare il modulo – perché non hai la stampante — e si viene fermati dalle forze dell’ordine, si può rilasciare loro una dichiarazione verbale, che sarà trascritta e sulla quale potranno poi essere effettuate verifiche. Oppure puoi trascivere il modulo a mano.

E se lo dimentico o comunque non ce l’ho?

Se lo dimentichi, e si viene fermati dalle forze dell’ordine, si può rilasciare una dichiarazione verbale, che sarà trascritta e sulla quale potranno poi essere effettuate verifiche.

Serve a chiunque debba spostarsi. L’autocertificazione è necessaria in qualsiasi caso, anche se ci si muove a piedi.

Non tutti possono spostarsi: chi può farlo?

Lo spostamento deve essere sempre motivato da comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. Sono stati attivati posti di controllo su alcune delle principali arterie stradali. Le forze dell’ordine controlleranno quindi il rispetto delle prescrizioni del decreto.

Tra l’altro, ricordiamo che è vietato spostarsi a chi è in quarantena o è risultato positivo al tampone.

Foto: istock/chameleonseye

Ti potrebbero interessare: le novità del Decreto Cura Italia


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here