Home Fiscale Bonus facciate e isolamento termico: le risposte a tutti i quesiti

Bonus facciate e isolamento termico: le risposte a tutti i quesiti

Facciamo un rapido recap dopo la pubblicazione della Guida Entrate e della Circolare n.2 del 14 febbraio 2020. Ecco tutte le regole per l'agevolazione

2046

Come sappiamo da qualche mese, la Legge di Bilancio ha introdotto una nuova agevolazione fiscale che prevede la detrazione da ripartire in dieci anni corrispondente al 90% della spesa sostenuta nel corso del 2020, per interventi finalizzati al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici ubicati in specifiche zone del piano regolatore comunale.

>> Ne abbiamo parlato anche qui: Bonus facciate, e se il Comune non ha zone A o B?

Bonus facciate e isolamento termico: leggi le risposte a tutti i quesiti

La detrazione è infatti possibile solo per i fabbricati che si trovano nelle zone che il piano regolatore individua come:
Zone A, centri storici;
Zone B, zona di completamento comprendente aree edificate o parzialmente edificate.

Tra gennaio e febbraio l’Agenzia delle Entrate ha chiarito alcuni aspetti tramite la guida pubblicata sul sito e la circolare n. 2 del 14/02/2020 riassumendo grossolanamente che i lavori possono riguardare la manutenzione ed il rifacimento di tutte le superfici opache del fabbricato mentre sono esclusi gli interventi sulle finestre che invece godono della detrazione fiscale per risparmio energetico.

Leggi anche: Bonus Facciate: tutti i dettagli

Bonus facciate, quali interventi sono agevolati?

Di fatto, gli interventi che possono usufruire della detrazione fiscale del 90% sono i seguenti:
tinteggiatura della facciata e delle ringhiere;
– rifacimento dei cornicioni, dei basamenti e dei pilastrini;
– rifacimento dell’intonaco;
restauro dei marmi di facciata (ad esempio mensole o altri inserti).

Sono inclusi anche i pluviali e le grondaie, i parapetti ed i cornicioni (considerati elementi caratteristici di una facciata) mentre restano escluse le spese per portare l’illuminazione in facciata o qualunque altro particolare impianto posto lungo in facciata. Se la facciata è prospiciente un cortile interno o una chiostrina la detrazione è possibile solamente se la facciata è visibile dalla pubblica via, altrimenti si perde il diritto alla detrazione.

Cappotto termico, quali regole?

Quando i lavori riguardano il rifacimento dell’intonaco per più del 10% della superficie disperdente dell’edificio, allora è obbligatorio provvedere ad installare il cappotto termico per diminuire le dispersioni di calore; in tutti gli altri casi, come ad esempio la mera ritinteggiatura, non è obbligatorio installare il cappotto termico ma resta comunque un intervento abbinabile.

Il calcolo del 10% della superficie disperdente va eseguito tenendo conto non solo della facciata su cui si intende intervenire, ma considerando anche le altre superfici disperdenti come ad esempio i pavimenti o il tetto o le eventuali ulteriori facciate su cui non si intende apportare modifiche.

Ti potrebbe interessare: Bonus facciate, ora c’è anche l’extrabonus

Chiaramente quando si installa il cappotto termico è necessario rispettare i limiti di trasmittanza indicati nell’Appendice B del Decreto Requisiti Minimi:

Trasmittanza termica U massima delle strutture opache verticali, verso l’esterno soggette a riqualificazione

Dal punto di vista della detrazione del 90% bisogna escludere le spese per l’isolamento termico che possono fruire dell’ecobonus 65% e devono essere contabilizzate separatamente dalle finiture che invece godono del 90% del Bonus Facciata.

Bisognerà comunque rispettare i valori di trasmittanza minima già elencati in precedenza oltre a procedere con la compilazione della pratica ENEA e la redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica dell’immobile verificando altresì la necessità della Notifica Preliminare all’ASL nel caso di presenza di due o più imprese.

Infine è bene presentare una pratica all’ufficio tecnico comunale prima di iniziare i lavori, quand’anche sia solo una comunicazione di inizio lavori per manutenzione ordinaria della facciata.

Approfondisci anche: Detrazione ristrutturazione per l’edilizia libera: facciamo chiarezza

Abbiamo realizzato un eBook con tutte le NOVITÀ (e le conferme) in materia fiscale che riguardano l’edilizia. Tra queste, prima di tutto, il Bonus facciate.

BONUS FACCIATE E AGEVOLAZIONI FISCALI 2020 IN EDILIZIA

BONUS FACCIATE E AGEVOLAZIONI FISCALI 2020 IN EDILIZIA

Lisa De Simone, 2019, Maggioli Editore

Esordisce dal 1° gennaio 2020 il nuovo Bonus Facciate che garantisce un super sconto fiscale del 90% per il miglioramento e l’abbellimento delle facciate degli edifici. Nella Manovra Finanziaria 2020 non c’è solo questa importante novità. Accanto al super bonus,...




Condividi

2 Commenti

  1. Nel caso di voler rifare intonaci nel centro storico su facciata di edificio in pietra confinante con strada comunale molto stretta. Non potendo aumentare gli spessori esistenti, come si può rispettare la trasmittanza minima andando ad agire su più del 10%? È possibile derogare dai limiti di trasmittanza?

  2. Buongiorno, avrei cortesemente bisogno di un chiarimento, Risiedo in un paese della provincia di Como e la mia abitazione si trova inserita nella fascia A, quindi centro storico, confermatomi anche dall’ufficio tecnico del mio comune. Il quesito che pongo e al quale gli addetti dell’ufficio tecnico non hanno saputo darmi dei chiarimenti è il seguente: poiché la mia abitazione si trova all’interno di un cortile e solo una piccola porzione della facciata è visibile dalla strada (circa il 20% dell”intero perimetro) ho diritto ad avere la detrazione al 110% considerando che unitamente al rifacimento della facciata eseguirò altri interventi (sostituzione infissi, sostituzione caldaia). Nel caso non avessi diritto alla detrazione del 110% potrei avere altri tipi di agevolazioni?Grazie per la cortese risposta. Carmen

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here