Home in evidenza Identità digitale a uso professionale, ecco le linee guida

Identità digitale a uso professionale, ecco le linee guida

È in Gazzetta il comunicato dell'AgID secondo cui sono definite le modalità di rilascio delle nuove identità cui i gestori del sistema SPID devono attenersi

107

Sono state pubblicate le Linee guida per il rilascio dell’identità digitale per uso professionale, come comunicato dall’AgID nella Gazzetta Ufficiale n.26 del 1 febbraio 2020.

SPID diventa così uno strumento che consente alle pubbliche amministrazioni e ai privati di verificare l’appartenenza di una persona fisica ad un’organizzazione e/o la sua qualità di professionista. Ma vediamo in dettaglio le novità!

Identità digitale a uso professionale, ecco le linee guida

Ricordiamo che:
– con identità digitale uso professionale, si intende l’identità digitale SPID contenente un attributo che dichiara tale caratteristica;
– con identità digitale uso professionale della persona fisica, si intende l’identità digitale che contiene gli attributi della persona fisica cui sono state rilasciate le credenziali di autenticazione;

Leggi anche: Spid, Ipa, PagoPA, tutte le funzioni utili della PA online

– con identità digitale uso professionale per la persona giuridica, sin intende l’identità  digitale che contiene gli attributi della persona giuridica e della persona fisica cui sono  state rilasciate le credenziali di autenticazione;
– con organizzazione, si intende la persona giuridica che stipula un accordo con un IdP (identity provider) al  fine del  rilascio delle  identità digitali in favore di soggetti che agiscono in qualità di  dipendenti o, comunque, a nome o per conto dell’organizzazione stessa.

Le indicazioni contenute nel regolamento individuano le modalità che gli Identity Provider devono seguire per il rilascio delle identità per uso professionale, consentendo di veicolare attraverso SPID, oltre ai dati della persona fisica, anche i dati dell’organizzazione di appartenenza per la quale si sta agendo su un servizio reso disponibile da un service provider.

Approfondisci anche: I protocolli di legalità nei contratti pubblici

Le identità rilasciate non identificano lo status persona giuridica né l’appartenenza di un professionista a un determinato ordine professionale o altro elenco qualificato.

Le linee guida, emanate ai sensi dell’art. 71 del CAD, sono state emanate con la Determina AgID n. 318/2019 e sono entrate in vigore il 1 dicembre 2019.

>> Leggi le linee guida per l’Identità digitale qui


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here