Home Fiscale Flat Tax, il Mef specifica le cause di esclusione dal forfettario

Flat Tax, il Mef specifica le cause di esclusione dal forfettario

Le modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 impongono solo una verifica sui redditi dell’anno precedente. Ecco le altre novità

231

I limiti e le cause di esclusione dal regime forfettario, secondo le nuove regole sulla Flat Tax attuate dalla Legge di Bilancio 2020, sono state chiarite dal sottosegretario Alessio Villarosa. Le norme sono in vigore e le verifiche devono essere condotte sui redditi del 2019: vediamo in dettaglio la questione.

Flat Tax, il Mef specifica le cause di esclusione dal forfettario

In base allo Statuto del contribuente, tra l’approvazione delle modifiche in materia fiscale e la loro applicazione devono intercorrere almeno 60 giorni, ma così non è stato dato che  la Legge di Bilancio è stata approvata a fine 2019 e le novità sono in vigore dal 1° gennaio 2020.

Le interrogazioni presentate alla Camera dai deputati Trano e Centemero sono state chiarite dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef); per sostenere la loro tesi, gli onorevoli hanno ricordato i chiarimenti sulla Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018), forniti dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 9/E/2019.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2020, novità regime forfettario

Secondo la Legge di Bilancio 2019 ha stabilito che i professionisti che detengono quote di controllo di una Srl non possono accedere al regime forfettario, e nella circolare interpretativa, Entrate ha spiegato che ai professionisti era concesso un anno di tempo per cedere le quote della Srl ed evitare di uscire dalla tassazione agevolata.

È stato quindi chiesto dagli interroganti di poter slittare l’applicazione delle regole introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 al 2021.

Flat tax, le cause di esclusione sono quindi operative?

Il sottosegretario Villarosa ha chiarito che è vietato l’accesso al regime forfetario ai professionisti che abbiano percepito redditi da lavoro dipendente, o assimilati, di importo superiore a 30 mila euro lordi, come già era previsto dalla Legge 190/2014.

Tutto va verificato all’anno precedente all’applicazione del regime forfetario, cioè è escluso chi nel 2019 ha percepito redditi da lavoro dipendente superiori a 30 mila euro.

Approfondisci anche: Ecobonus sconto in fattura, ecco tutte le regole

Anche le modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2020, come ha specificato Villarosa, non impongono adempimenti a carico dei contribuenti che vogliono usufruire del regime forfetario.

I requisiti per accedere alla tassazione agevolata impongono solo una verifica sui redditi dell’anno precedente. L’applicazione immediata delle nuove regole non contrasta quindi con lo Statuto del contribuente.

Entrate sta comunque redigendo una serie di chiarimenti interpretativi sulle novità della legge di Bilancio 2020, vedremo di cosa si tratta.

Ti potrebbe interessare:

Guida fiscale per il professionista tecnico

Guida fiscale per il professionista tecnico

Questo ebook nasce con l’intento di fornire al tecnico libero professionista una sorta di mini guida in ambito fiscale.

La prima parte costituisce una panoramica generale sulle voci di spesa che possono ricorrere nello svolgere la professione soggette a deducibilità ridotta ai fini delle imposte sui redditi, o a detraibilità limitata ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (IVA). Per ogni tipologia di spesa presa in considerazione, dunque, si cercherà sempre di fornire la doppia visuale, IVA e redditi, con anche un estratto delle relative norme fiscali, oppure, ove non utile alla trattazione, la mera citazione delle fonti.

Nella seconda parte si tratteranno invece tre aspetti pratici come l’inquadramento fiscale del libero professionista, alcuni aspetti relativi alla fatturazione ovvero le ritenute d’acconto e la rivalsa dei contributi, e in fine un tema che non interessa in maniera diretta il tecnico libero professionista nella propria fatturazione attiva, ma che potrebbe tornare utile quale consulenza da fornire ai propri clienti (si tratti di Ditte che commissionano lavori in edilizia, o di Ditte che eseguono lavori edili): il reverse charge in edilizia.

A parte il capitolo dedicato alla scelta del regime fiscale IRPEF/forfettario, tutte le considerazioni fatte in questo volume riguardano i soggetti in regime IRPEF, non tiene in considerazione i soggetti ancora rientranti nel vecchio regime dei minimi di cui all’art. 27 commi 1 e 2 DL 98/2011, soppresso dal regime forfettario ex legge 190/2014, commi da 54 a 89, ma in vigore, per chi vi rientrava nel 2015, fino ad esaurimento delle condizioni di permanenza (5 anni per chi lo aveva adottato da over 35, oppure fino al compimento del trentacinquesimo anno di età per chi lo aveva adottato da under 35).

I temi affrontati sono:

1. Spese di telefonia: Detraibilità IVA e deducibilità dei costi
2. Ri-addebito in fattura delle spese: spese sostenute in proprio e spese “sostenute in nome e per conto del cliente”
3. Spese alberghiere e/o di somministrazione: detraibilità IVA, deducibilità dei costi, spese a carico del cliente e spese a carico del professionista
4. Spese di viaggio/trasporto: trasferte con mezzi pubblici e trasferta in auto
5. Spese per automezzi: detraibilità IVA e deducibilità dei costi
6. Spese di rappresentanza: detraibilità IVA e deducibilità dei costi
7. Spese per omaggi ai clienti: detraibilità IVA e deducibilità dei costi
8. Regime fiscale: IRPEF (contabilità ordinaria, contabilità semplificata) e Forfettario
9. Fatturazione: Ritenute d’acconto e rivalsa contributi
10. Vecchio reverse charge: subappalti in edilizia. Nuovo reverse charge: finiture e impianti.

Renzo Semprini Cesari, Ragioniere Commercialista, iscritto all’ODCEC di Rimini.

Leggi descrizione
Renzo Semprini Cesari, 2019, Maggioli Editore
12.90 € 10.97 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here