Home Edilizia Abusi edilizi, chi noleggia macchine da cantiere è responsabile

Abusi edilizi, chi noleggia macchine da cantiere è responsabile

Di cosa? Deve rispondere all'inosservanza delle norme antinfortunistiche relative all'utilizzo del macchinario noleggiato. Ecco tutti i dettagli

157

Niente permessi per realizzare opere edilizie? Il noleggiatore delle macchine da cantiere, utilizzate è responsabile degli abusi edilizi commessi. È quanto ha dichiarato la Corte di Cassazione con la sentenza 49022/2019.

Abusi edilizi, è responsabile anche chi noleggia le macchine da cantiere

Ecco il caso: in esame ci sono una serie di interventi abusivi riguardanti la realizzazione dell’ampliamento di un piazzale in una zona vincolata paesaggisticamente, e lo sbancamento di parte di versante di una collina adiacente.

Leggi anche: È abuso edilizio se l’opera non si vede?

Il committente, che aveva dato inizio ai lavori senza aver ottenuto il permesso di costruire e l’autorizzazione paesaggistica, era stato dichiarato colpevole assieme a chi aveva eseguito materialmente l’opera, ovvero noleggiatore delle macchine da cantiere. A sua discolpa il noleggiatore sosteneva la sua totale estraneità agli illeciti commessi, dato che da contratto, era obbligato solo alla consegna di un mezzo e di un manovratore esperto.

Cosa ha stabilito la Cassazione?

I giudici hanno spiegato che nei noleggi a caldo (noleggio della macchina da cantiere insieme al manovratore), è il noleggiatore il responsabile unico per la mancata osservanza delle norme antinfortunistiche relative all’utilizzo del macchinario noleggiato.

In pratica chi esegue i lavori materiali e presta la sua attività alle dipendenze del costruttore, è responsabile se non accerta preventivamente il rilascio dei titoli abilitativi.

Approfondisci anche: Abuso edilizio, la foto di Google Earth vale come prova?

Quali sono le conseguenze?

Sono previste dall’art. 44 del Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001), appartenendo alla categoria di reati comuni. La Cassazione ha quindi concluso che l’esecutore materiale dei lavori ha il dovere di controllare che siano state rilasciate tutte le autorizzazioni necessarie e che agisce a “dolo”, contravvenendo la norma (compiendo dunque abuso), se svolge i lavori nonostante la mancanza delle autorizzazioni; a titolo di “colpa” nel caso in cui abbia omesso l’accertamento.

Al noleggiatore è andata relativamente bene, dato che si è dovuto occupare del pagamento di una multa.

Ti potrebbe interessare:

Bonus Facciate e Agevolazioni Fiscali 2020 in Edilizia (Ebook)

Bonus Facciate e Agevolazioni Fiscali 2020 in Edilizia (Ebook)

• Bonus Facciate • Ristrutturazioni • Edilizia libera • Regole ripartizione bonus • Pagamento e documenti • Bonus Mobili • Normativa di riferimento

I contenuti dell’eBook sono stati arricchiti con le indicazioni contenute nella circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 2 del 14 febbraio 2020 “Detrazione per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti prevista dall’articolo 1, commi da 219 a 224 della legge 27 dicembre 2019 n. 160 (Legge di bilancio 2020”

Aggiornamento gratuito
L’eBook commenta il testo ufficiale della manovra contenuto nella legge 27 dicembre 2019, n. 160, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30 dicembre 2019. Tutti coloro che acquisteranno l’eBook riceveranno gratuitamente gli aggiornamenti eventualmente contenuti nella futura pubblicazione della circolare esplicativa dell’Agenzia delle Entrate sulla Legge di Bilancio 2020.

 

Lisa De Simone, 2019, Maggioli Editore
12.90 € 10.97 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here