Home Fiscale L’Ecobonus ti regala (quasi) rubinetti e soffioni doccia!

L’Ecobonus ti regala (quasi) rubinetti e soffioni doccia!

Perché quindi chiamarlo Bonus sanitari, o Bonus rubinetti? In ogni caso, è solo uno degli emendamenti presentati alla Manovra 2020, e promette "grandi cose". Ecco quali

118

Questa è solo l’ultima novità che il Governo vorrebbe introdurre per continuare sulla linea dell’attenzione verso l’ambiente. Parliamo di bagni e sanitari “ecosostenibili”.
La proposta viene da alcuni parlamentari del Partito Democratico che hanno suggerito di estendere l’Ecobonus (già previsto per alcuni interventi di ristrutturazione dei bagni) a rubinetti, soffioni della doccia, scarichi dei sanitari e altri dispositivi che gravano sul consumo di acqua nelle abitazioni.

Vediamo in dettaglio di cosa si tratta!

Ecobonus 65% rubinetti e soffioni doccia, come funziona?

Se l’emendamento verrà approvato dalla Camera dei Deputati e del Senato, l’Ecobonus al 65% verrebbe esteso anche a chi decide di sostituire i vecchi rubinetti, scarichi e soffioni della doccia con nuovi dispositivi che consentono di ridurre il consumo di acqua.

La nuova detrazione coprirebbe le spese sostenute dal 1º gennaio 2020 al 31 dicembre 2022, e il valore massimo di spesa sarebbe pari a 3 mila euro.

Leggi anche: Ecobonus? Il fornitore può dire no allo sconto

Come ottenere la detrazione?

Per ottenere sgravi fiscali o uno sconto sul prezzo totale degli interventi, i nuovi rubinetti o soffioni dovranno garantire un effettivo risparmio idrico rispetto a quelli sostituiti.

Nella proposta di emendamento vengono infatti specificate le “caratteristiche tecniche” dei rubinetti che rientrano nell’Ecobonus, ovvero:
rubinetteria sanitaria con portata uguale o inferiore ai 6 litri al minuto;
soffioni doccia o colonne doccia attrezzate con portata uguale o inferiore ai 9 litri al minuto;
– cassette di scarico e sanitari con volume medio di risciacquo uguale o inferiore ai 4 litri.

Potrebbe interessarti: Rifacimento pavimentazione del terrazzo, è attività edilizia libera?

Si potranno detrarre lespese sostenute per l’acquisto e quelle per la posa in opera.

Per usufruire del bonus rubinetti ci sono due modalità:
– lo sconto diretto in fattura, con cessione del credito fiscale alla ditta che esegue i lavori;
detrazione del 65% della spesa sostenuta in dichiarazione dei redditi.

In quest’ultimo caso, i costi dei lavori dovranno essere suddivisi in 10 rate annue di pari importo da “scontare” sul 730 nei 10 anni successivi.

Ecco tutti gli altri Bonus confermati per il 2020.

>> Bonus Mobili e Arredi 2020

>> Bonus facciate

>> Bonus ristrutturazioni

Ti potrebbe interessare:

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Nicola Mordà - Chiara Carlucci - Carmine De Simone - Monica Stroscia, 2019, Maggioli Editore

Questo manuale è una riedizione, aggiornata e ampliata, del volume “Demolizioni e Ricostruzioni” resa necessaria per rispondere alla crescente attenzione verso i temi della sostenibilità, del consumo di suolo, della riqualificazione dell’esistente, della sicurezza...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here