Home Sicurezza Uso dei Social per la sicurezza in cantiere: perchè si?

Uso dei Social per la sicurezza in cantiere: perchè si?

L’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione è un aiuto, un supporto importante alle operazioni, non una “scorciatoia” per evitare l’obbligo di presenza nel cantiere

26

Oggi il 90% delle persone utilizza social network per comunicare con familiari e conoscenti, per ritrovarsi con amici di vecchia data o per incontrare nuove persone, anche potenzialmente utili per il loro lavoro; allora perché non sfruttare questi nuovi strumenti di comunicazione per lo svolgimento dei propri mestieri?

Sicuramente un luogo di lavoro in cui possono essere utilizzati al meglio è il cantiere. In cantiere infatti sono tantissimi i soggetti che intervengono, dalla fase di progettazione dell’edificio alla manutenzione. Chi svolge la direzione dei lavori è ben consapevole che i ritmi di lavoro siano serrati e nella consegna di un progetto al cliente le risposte da parte delle aziende devono arrivare nel minor tempo possibile. Perciò l’immediatezza di internet e dei social network riesce a dare dei riscontri in tempo reale sfidando le tempistiche delle tradizionali relazioni professionali.

Con l’approccio a questi strumenti la documentazione non risulta più frammentata come un tempo (quando si usavano solo fogli cartacei, poi email, cd e chiavette usb) ma viene inserita e scambiata all’interno di un’unica piattaforma che collega il team di progettazione e il cliente mediante dispositivi elettronici ormai usuali. Lavorare insieme diventa più semplice e vantaggioso: con la condivisione di idee e consigli, il lavoro conclusivo ne risulta arricchito.

L’utilizzo dei Social nella direzione dei lavori si concretizza già con l’impiego di App create nello specifico per gestire digitalmente il cantiere e i suoi continui cambiamenti in corso d’opera, con la possibilità di condividere in tempo reale le modifiche adottate o da adottare.

Le comunicazioni avvengono nell’immediato, oltre che mediante email, anche tramite messaggi Whatsapp, Messanger o direttamente riportate nell’area “Comunicazioni” della piattaforma Workplace, in cui saranno visibili da tutti i membri del gruppo di lavoro ovunque si trovino.

Gestione del cantiere con Facebook Workplace

Facebook Workplace infatti è un nuovo strumento di lavoro che fornisce ai team uno spazio per condividere idee, fare brainstorming, è divenuto lo strumento di collaborazione online più utilizzato in quanto permette di adottare funzioni familiari come quelli dei social per scopi aziendali e lavorativi.

Realizzazione e invio dei verbali e dei registri

Come noto, nel corso dell’esecuzione delle opere, il Direttore dei lavori redige dei verbali per la registrazione dei fatti avvenuti e di quanto necessario per la determinazione dello stato del cantiere, delle opere eseguite e dei fatti che abbiano rilevanza ai fini dell’esecuzione dei lavori e della loro contabilizzazione. Ormai questi verbali, che devono essere effettuati periodicamente, possono essere redatti ovunque tramite l’utilizzo di un personal computer, tablet o smartphone ed essere inviati e visualizzati in tempo reale da tutti gli interessati, con conferma dell’invio e della visualizzazione del messaggio da parte del destinatario.

Durante la fase di sopralluogo da parte del responsabile del procedimento e della Direzione Lavori, avendo a disposizione i nuovi servizi e dispositivi elettronici, è possibile realizzare lo stesso registro di cantiere con foto e video che mostrino il reale andamento dei lavori e condividerli con tutti i membri del gruppo di lavoro iscritti alla piattaforma Workplace o nel gruppo Whatsapp.

Nello specifico, Facebook Workplace permette di creare un determinato gruppo per ogni singolo cantiere dove si possono condividere progetti, rapporti e tutta la documentazione relativa alle diverse fasi che caratterizzano la realizzazione di un cantiere:

  • per la fase di progettazione vengono raccolti tutti i piani di sicurezza (di coordinamento; dei rifiuti; dei ponteggi, ecc.) in maniera ordinata e sequenziale;
  • per la fase di gestione del cantiere vengono riportate tutte le modifiche ai piani di sicurezza o le prescrizioni operative per i maggiori pericoli presenti emersi durante le riunioni di coordinamento;
  • per la fase di manutenzione dell’opera vengono riportate tutte le lavorazioni da effettuare sulla base del fascicolo per la manutenzione, comprese le convenzioni con gli operatori dei servizi, i fornitori di materiale, le imprese esecutrici o gli artigiani del settore.

Gestione della sicurezza

In questo modo diviene possibile gestire in tempo reale la sicurezza di un cantiere mediante:

  • foto delle opere provvisionali;
  • dirette delle riunioni di coordinamento;
  • video delle fasi di realizzazione dell’opera;
  • post delle opere migliorabili tramite anche il commento da parte dei singoli componenti delle imprese esecutrici inseriti nel gruppo;
  • raccolta documentale dei piani e della messaggistica per i pericoli gravi e imminenti scambiata tra il coordinatore e le imprese/artigiani/professionisti coinvolti nella realizzazione dell’opera, che possano testimoniare il reale impegno nell’esecuzione dei lavori a regola d’arte.

Tutto ciò quindi permette di coordinare i lavori da remoto e visitare il cantiere in streaming mettendo in comunicazione per esempio il capo cantiere che sta osservando di persona il cantiere stesso e i collaboratori che lavorano sul progetto in uno studio, magari di fronte ad un pc, permettendo anche al capo cantiere di risolversi un dubbio nell’immediato, anche se non personalmente presente sul posto contattando un ispettore di cantiere presente sul luogo che con l’uso del semplice dispositivo smartphone può mostrargli l’andamento del lavoro o la semplice collocazione degli specifici cartelli.

Leggi anche Fare il Direttore Lavori aiutandosi con i Social Network

Social network sì, ma sempre nel rispetto delle regole

Azioni che comunque non escludono che il capo cantiere non debba presentarsi sul luogo dei lavori: bisogna sempre operare nel rispetto totale delle regole, senza saltare alcun passaggio.

L’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione deve essere inteso come un aiuto, un maggior supporto alle operazioni, e non come una “scorciatoia”, evadendo dall’obbligo di presenza nel cantiere.

Grazie ai social è nato dunque un approccio innovativo e supplementare al vecchio metodo, un modo ancor più accurato di gestire e affrontare i lavori di progettazione e ristrutturazione di fabbricati, diminuendo i tempi morti.

Potrà esserti utile leggere l’ebook “Direzione lavori e gestione del cantiere con facebook workplace e whatsapp“, scaricabile gratuitamente qui:

Download per scaricare il file devi essere iscritto alla newsletter: se sei già iscritto, inserisci l'indirizzo email, oppure registrati

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here