Home Bonus Edilizia Cessione Ecobonus, come funziona per le parti comuni di edifici?

Cessione Ecobonus, come funziona per le parti comuni di edifici?

Lo spiega Entrate con la risposta n. 481 del 13 novembre 2019

459

A chiarire ancora una volta i dubbi relativi al funzionamento dell’Ecobonus, è Agenzia delle Entrate con la risposta n. 481 del 13 novembre 2019.

Il tema è la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni di edifici (art. 14, comma 2-ter del D.L. n. 63 del 2013).

Cessione Ecobonus, ecco come funziona

Citiamo il quesito dell’istante, che «chiede chiarimenti in merito alla cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante prevista per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni di edifici. In particolare chiede se possa acquisire, unitamente agli altri comproprietari di un’unità abitativa facente parte di un condominio, il credito corrispondente alla detrazione spettante prevista per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni di edifici di un altro condomino (art. 14, comma 2-ter delD.L. n. 63 del 2013)».

Secondo l’istante, i cessionari del credito possono essere più persone, e la cessione del bonus è possibile soprattutto quando, come nel caso in esame, si tratti di comproprietari di un’unità immobiliare facente parte di un condominio.

Ti potrebbe interessare: Il Bonus Facciate è nella Legge di Bilancio 2020: svelati tutti i dettagli

Il parere di Entrate 

L’Agenzia specifica che il seguente parere viene fornito nel presupposto (non verificato) che gli interventi siano effettivamente detraibili (per tipologia di interventi eseguiti e per sussistenza delle condizioni per l’applicazione), che le spese sostenute rientrino tra quelle per le quali è possibile cedere il credito (Ecobonus) e che gli atti, i fatti e gli elementi rappresentati, siano completi, veritieri e di concreta realizzazione. 

>> Leggi qui per quali interventi l’Ecobonus è al 65% o più

Con riferimento ai soggetti in favore dei quali può essere effettuata la cessione del credito, nella circolare n. 11/E del 2018 è stato chiarito, sulla base di un parerereso dalla Ragioneria Generale dello Stato, che per soggetti privati cessionari devono intendersi i soggetti diversi dai fornitori, sempre che siano collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione. 

La detrazione potrà essere, dunque, ceduta, a titolo esemplificativo, nel caso di interventi condominiali, nei confronti degli altri soggetti titolari delle detrazioni spettanti per i medesimi interventi condominiali. Oppure, nel caso in cui i lavori vengano effettuati da soggetti societari appartenenti ad un gruppo, potrà essere ceduta nei confronti delle altre società del gruppo ad esclusione, dei soggetti diversi dai cd. no tax area, degli istituti di credito e degli intermediari finanziari. 

Come stabilito dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 28 agosto 2017 al punto 3.2 «il condomino può cedere l’intera detrazione calcolata o sulla base della spesa approvata dalla delibera assembleare per l’esecuzione dei lavori, per la quota a lui imputabile, o sulla base delle spese sostenute nel periodo d’imposta dal condominio, […] per la quota a lui imputabile». Il successivo punto 3.3 del medesimo provvedimento stabilisce che «il cessionario può cedere, in tutto o in parte, il credito d’imposta acquisito solo dopo che tale credito è divenuto disponibile». 

Approfondisci con: Ecobonus ai genitori, ora si può: le condizioni necessarie

Dunque la detrazione è cedibile a un unico soggetto?

L’utilizzo del termine cessionario della detrazione al singolare e la circostanza che la stessa non possa essere oggetto di frazionamento (ogni singolo condomino può infatti cedere solo l’intera detrazione) porta a ritenere che, all’atto della prima cessione, la detrazione debba essere ceduta ad un solo soggetto (cessionario). 

Nel caso rappresentato dall’istante, solo uno dei comproprietari dell’unità abitativa in condominio, nel rispetto delle modalità previste, potrà ricevere sotto forma di credito d’imposta la detrazione spettante ad un altro condomino per le spese da questi sostenute per interventi di riqualificazione energetica. 

Il condomino (cessionario) una volta che il credito d’imposta è divenuto disponibile, potrà cedere, in tutto o in parte, il credito acquisito ad altri soggetti privati, sempre che siano collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione (cfr. circ. n. 11 del 2018 cit.). 

Ti potrebbe interessare:

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Questo manuale è una riedizione, aggiornata e ampliata, del volume “Demolizioni e Ricostruzioni” resa necessaria per rispondere alla crescente attenzione verso i temi della sostenibilità, del consumo di suolo, della riqualificazione dell’esistente, della sicurezza strutturale e del miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici da parte del legislatore, dei tecnici e della committenza. L’opera è aggiornata alla disciplina degli interventi di demolizione/decostruzione e ricostruzione, così come stabilito dal Testo Unico delle Costruzioni (d.P.R. 380/2001 da ultimo modificato dal d.lgs. 222/2016), e presenta un ampio approfondimento sui moduli standardizzati ed unificati predisposti per gli interventi eseguibili con la SCIA edilizia. Alle procedure di sicurezza viene inoltre affiancato un capitolo sulle tecniche di demolizione che, passando anche attraverso l’illustrazione delle attrezzature impiegabili, dedica attenzione alle verifiche di sicurezza da compiere all’inizio delle attività lavorative, sulla base della conoscenza delle caratteristiche di resistenza dei materiali costituenti gli elementi strutturali. Il volume viene completato con i capitoli dedicati all’interazione edificio/ impianto (che ben rappresenta il fulcro attorno al quale gravitano i settori della sostenibilità am- bientale e dell’efficientamento energetico) ed al mantenimento nel tempo delle caratteristiche prestazionali dei componenti e dei sistemi edilizi (progettazione e gestione della manutenzione in edilizia), per concludere con un “focus” sull’architettura dell’abitare.

Nicola Mordà, Ingegnere civile, autore di numerose pubblicazioni di carattere tecnico.Titolare di uno studio di progettazione strutturale e sismica con sedi a Torino e all’estero. Ha collaborato e seguito importanti progetti; si occupa di temi di carattere normativo, con particolare riferimento alle strutture e di nuove tecnologie in ingegneria civile.
Chiara Carlucci, Architetto, laureata presso il Politecnico di Torino. Dal 2014 si occupa di temi relativi allo spazio urbano e alla progettazione partecipata; dopo aver acquisito conoscenze sul tema nella città di Berlino, oggi si impegna a diffondere, in altri contesti ed altre città, buone pratiche berlinesi in cui la dimensione spaziale e quella sociale si incontrano promuovendo un legame più forte tra abitante e città. Attualmente svolge attività professionale a Torino nel settore della progettazione in Italia e all’estero.
Carmine De Simone, Ingegnere, CTU, attivo nella progettazione, direzione lavori e coordinamento sicurezza di insediamenti civili, commerciali ed industriali; esperto nella conduzione del processo edilizio e nella gestione del patrimonio immobiliare.
Monica Stroscia, Architetto, laureata presso il Politecnico di Torino, si occupa di progettazione architettonica, progettazione di interni e management. Dopo un’iniziale attività lavorativa in Italia si sposta all’estero dove inizia a collaborare con importanti studi di progettazione; attualmente è titolare di uno studio di progettazione a Torino dove sviluppa progetti di vario tipo, ripercorrendo l’intero iter progettuale, dalla fase di concept al collaudo finale.

Volumi collegati
• Efficienza energetica negli impianti tecnologici, E. Pacini, I ed. 2019
• La disciplina edilizia e paesaggistica dopo il c.d. Madia 2 e il d.P.R. 31/2017, C. Belcari, I ed. 2019
• Procedure per le ristrutturazioni edilizie residenziali,A. Mezzina, I ed. 2017

Leggi descrizione
Nicola Mordà - Chiara Carlucci - Carmine De Simone, 2019, Maggioli Editore
36.00 € 34.20 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here