Home Fiscale Ecobonus 2020, novità da Enea sulle rinnovabili

Ecobonus 2020, novità da Enea sulle rinnovabili

Installare pannelli solari garantisce l'ecobonus anche nel caso in cui vi sia un obbligo di legge? O vale solo per l'energia prodotta in eccedenza? Come si calcola il risparmio energetico per l’installazione di una schermatura solare? Si possono correggere dati sbagliati sui documenti inviati per la detrazione?

212

ENEA ha pubblicata una nuova serie di FAQ utili a rispondere a una serie di quesiti riguardanti l’installazione di schermature solari, il calcolo da eseguire per avere una stima di quanto si risparmia ad installarle e un utile vademecum che guida alla procedura di correzione dei dati (errati) inseriti nella documentazione obbligatoria per fruire dell’ecobonus.

Vediamo in dettaglio le FAQ più rilevanti.

Ecobonus 2020, ecco le nuove FAQ Enea sulle rinnovabili

Ristrutturazione radicale di un immobile: installare una nuova pompa di calore e pannelli solari garantisce l’ecobonus 65% solo per la parte di spesa sostenuta per l’impianto eccedente al vincolo di legge?

Sì, vale solo per la spesa sostenuta per l’impianto che produce la quota di energia termica eccedente vincolo di legge.

Inoltre, ENEA precisa che per “ristrutturazioni rilevanti” si intendono gli edifici demoliti e ricostruiti e quelli con superficie utile di almeno 1000 metri quadri ristrutturati integralmente.

Leggi anche: Detrazione 50%. Ristrutturazioni per tutto il 2020

Subentra poi il c.4 dell’art. 11 del D.Lgs. 28/2011, che aggiunge: “Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati ai fini dell’assolvimento degli obblighi di cui all’allegato 3 del presente decreto accedono agli incentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obblighi. In concreto, quindi, riteniamo possa essere ammissibile al beneficio fiscale del 65% unicamente la parte di spesa sostenuta per l’impianto che produce la quota di energia termica eccedente il vincolo cogente sopra identificato”. 

Come si calcola il risparmio energetico per l’installazione di una schermatura solare?

Per eseguire il calcolo da inserire nella documentazione tecnica relativa all’installazione di una schermatura solare, ENEA suggerisce di avvalersi delle due applicazioni gratuite (che trovi cliccando qui) e e che si basano su metodologie coerenti con le norme tecniche di riferimento.

La risposta di ENEA specifica che:
– per le chiusure oscuranti parte integrante della chiusura trasparente (persiane, avvolgibili ecc.), il calcolo è da riferirsi al consumo energetico invernale, in quanto queste esercitano la loro funzione di risparmio energetico essenzialmente nella stagione invernale, riducendo la trasmittanza della finestra a cui sono applicate.

– per le schermature solari a protezione di superfici vetrate, il calcolo dovrà essere riferito al consumo energetico estivo, in quanto queste esercitano la loro funzione di risparmio energetico essenzialmente nella stagione estiva.

Ti potrebbe interessare: Bonus facciate: la grande novità della Legge di Bilancio 2020

Per entrambe le tipologie, solo in caso di assenza dello specifico impianto, di riscaldamento per le chiusure oscuranti e di raffrescamento per le schermature solari, è consentito inserire il valore “0” nel campo relativo al “Risparmio stimato di energia primaria non rinnovabile”.

Come correggere dati sbagliati sui documenti inviati per la detrazione?

È possibile apportare correzioni ai documenti inviati, ma tutto dipende dall’anno in cui è stata trasmessa ad ENEA la richiesta di detrazione.

Approfondisci con: Trasmittanza e ponti termici delle facciate: calcolo e rilievo per l’APE

Per i lavori completati entro il 31 dicembre 2017, per quanto non sia più possibile modificare la richiesta già inviata, Entrate riconosce il diritto del contribuente a fruire della detrazione anche per quelle spese che erroneamente non siano state riportate, purché l’importo delle spese sostenute sia stato indicato correttamente nelle relative dichiarazioni dei redditi e tali spese.

Per i lavori completati nel 2018 è possibile rettificare i dati entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, presumibilmente il 30 novembre 2019, accedendo al sito d’invio 2018.

Scarica qui il documento ENEA contenente questi e altri quesiti 

Tutto sui possibili lavori detraibili
Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Nicola Mordà - Chiara Carlucci - Carmine De Simone - Monica Stroscia, 2019, Maggioli Editore

Questo manuale è una riedizione, aggiornata e ampliata, del volume “Demolizioni e Ricostruzioni” resa necessaria per rispondere alla crescente attenzione verso i temi della sostenibilità, del consumo di suolo, della riqualificazione dell’esistente, della sicurezza...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here