Home Energia Linee guida diagnosi energetica degli edifici, partecipa all’inchiesta pubblica!

Linee guida diagnosi energetica degli edifici, partecipa all’inchiesta pubblica!

Mai partecipato a un'inchiesta pubblica preliminare? Ecco l'occasione! Avrai tempo fino a mercoledì 23 ottobre 2019 per commentare e dire la tua sul progetto di norma UNI1604716 per la diagnosi energetica degli edifici

49

Destinato alla pubblicazione come rapporto tecnico UNI/TR, ci sarà tempo fino a mercoledì 23 ottobre 2019 per commentare il progetto di norma UNI1604716 (per l’applicazione della UNI CEI EN 16247-2) intitolato Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici, sia di tipo residenziale che terziario.

Ma per quale motivo serve un’inchiesta pubblica preliminare? A cosa serve? Vediamolo assieme.

Linee guida diagnosi energetica degli edifici, come lasciare un commento?

Il progetto di norma è in questo caso di competenza dell’Ente federato CTI (Comitato Termotecnico Italiano), e rappresenta un valido strumento per l’esecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici, a supporto della legislazione nazionale e del settore di riferimento.

Cosa indica il progetto di norma?

Fornisce indicazioni e modalità operative per:
– la raccolta e l’analisi delle spese energetiche;
– la raccolta e l’analisi delle documentazioni tecniche disponibili e la definizione dei controlli e delle verifiche edili e impiantistiche;
– la definizione dei fattori di aggiustamento dei consumi fatturati;

Potrebbe interessarti: Nuovo APE – Attestato Prestazione Energetica Edifici

– l’analisi dei servizi energetici;
– la costruzione dell’inventario energetico;
– il calcolo degli indicatori di prestazione energetica;
– l’individuazione di azioni di miglioramento dell’efficienza energetica;
– l’analisi costi-benefici;
– la valutazione della priorità degli interventi.

Inchiesta pubblica parlamentare, perché?

Come ribadisce l’UNI sulla sua pagina dedicata, «vagliando preventivamente le concrete esigenze del mercato è possibile avviare in maniera utile ed efficace i lavori di normazione, perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco, in modo che ci sia una “rappresentanza adeguata”».

In tal senso, l’esigenza di trasparenza del processo di normazione tecnica volontaria si evidenzia in un passaggio fondamentale: l’inchiesta pubblica preliminare.

Come e dove commentare?

C’è una banca dove vengono raccolti tutti i progetti avviati da UNI, quindi sia quelli la cui inchiesta pubblica preliminare è attualmente in corso, sia quelli la cui fase di inchiesta è terminata.

Leggi anche: Efficienza energetica in edilizia, pronte le nuove regole per il 2020

La banca dati dell’inchiesta pubblica preliminare dei progetti di norma UNI fornisce i riferimenti generali del progetto (titolo, scopo/sommario, giustificazioni, benefici attesi) così da informare tempestivamente il pubblico circa l’intenzione di avviare lavori di normazione in determinati settori o su specifici temi.

Questo servizio di informazione offre la possibilità per i progetti di norma nazionale di inviare commenti e di dichiarare il proprio interesse alla partecipazione ai lavori di normazione sui documenti attualmente in inchiesta, mentre per i progetti di adozione di norme ISO e di rapporti CEN (CEN/TR) offre la possibilità di segnalare se i documenti già emanati da CEN o ISO, di cui si propone l’adozione, possono rispondere, da un punto di vista tecnico, alle esigenze nazionali.

Clicca qui per accedere direttamente alla pagina dell’UNI per l’inchiesta pubblica preliminare e lasciare il tuo commento sul progetto di norma UNI1604716 per la diagnosi energetica degli edifici! Tempo fino a mercoledì 23 ottobre 2019.

Ti potrebbe interessare
APE ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

APE ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

Sebastiano Ciciriello, 2017, Maggioli Editore

Il presente  manuale  fornisce  tutte  le  informazioni  utili  al  certificatore  energetico al fine di redigere un completo e corretto Attestato di Prestazione Energetica (APE)   ed è aggiornato ai d.m. 26 giugno 2015  e alle...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here