Home Edilizia Bandi di gara, come predisporli? La check-list degli elementi da inserire

Bandi di gara, come predisporli? La check-list degli elementi da inserire

Un utile elenco in cui sono riportati l’articolo e il comma di riferimento del codice dei contratti e una breve indicazione del contenuto che deve essere inserito nel bando di gara

142

Le informazioni di questo articolo costituiscono un’integrazione alle indicazioni contenute nell’Allegato XIV del codice (Informazioni che devono figurare negli avvisi e nei bandi nei settori ordinari e speciali) e nei bandi tipo dell’ANAC ai fini della predisposizione dei bandi di gara.

Si tratta di un semplice elenco in cui, per ogni ambito, sono riportati l’articolo e il comma di riferimento del codice dei contratti e una breve indicazione del contenuto che deve essere inserito nel bando di gara (in relazione alle varie tipologie di procedura).

È possibile, in questo modo, semplificare le operazioni di controllo dei contenuti che devono essere necessariamente inseriti nel bando di gara (ovviamente non tutti i contenuti indicati nell’elenco devono essere riportati per ciascun bando) anche a completamento dei format riportati negli Allegati del codice o nei bandi tipo dell’ANAC.

Bandi di gara, quali elementi è necessario inserire?

Articoli del d.lgs. 50/2016 e contenuti

  • 24, c. 6 – somma di servizi – indicare il responsabile delle parti dei servizi;
  • 26, c. 8 – indicare estremi validazione;
  • 31, c. 2 – indicare nominativo Rup;
  • 32, c. 8 – eventuale indicazione di un termine diverso dai 60 giorni per la stipula del contratto;

Leggi anche: FER1, pubblicati i bandi per l’iscrizione a registri e aste

  • 32, c. 14 bis – richiamare i capitolati e il computo metrico nel bando (costituiscono parte integrante del contratto) ;
  • 48, comma 2 – raggruppamenti temporanei – le SA indicano la prestazione principale e quelle secondarie;
  • 50 – clausole sociali – clausole per promuovere la stabilità occupazionale;
  • 51, c. 1 – motivare la mancata suddivisione in lotti;
  • 51, c. 2 – indicare se le offerte possono essere presentate per uno o più lotti;
  • 51, c. 3 – indicazione del numero massimo dei lotti aggiudicabile ad un solo offerente;
  • 56, c. 4 – indicazione dell’utilizzo dell’asta elettronica;
  • 57, c. 3, lett ”a” – presentazione offerta sotto forma di cataloghi elettronici;
  • 62, c. 8 – aggiudicazione senza negoziazione se previsto dal bando (procedure competitive con negoziazione);
  • 62, c. 11 – indicazione della previsione di più fasi per la procedura;
  • 65, c. 8 – indicazione della previsione di più fasi per la procedura (partenariato per l’innovazione);
  • 83, c. 8 – indicazione della misura di possesso dei requisiti da parte di ciascun concorrente;

Approfondisci con: Procedure di affidamento: quale scegliere? Quali tempi hanno?

  • 89, c. 3 – indicazione dei casi in cui l’operatore deve sostituire un soggetto per motivi non obbligatori (requisiti tecnici) di esclusione – (avvalimento);
  • 91, c. 2 – indicazione dei criteri per la riduzione del numero dei candidati;
  • 93, c. 5 – indicazione del termine maggiore o minore dei 180 giorni previsti per l’efficacia della garanzia provvisoria;
  • 95, c. 5 – indicazione del criterio art. 95, c. 12 – applicato per la scelta secondo il minor prezzo;
  • 95, c. 12 – volontà della SA di non procedere ad aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente;
  • 95, c. 14, lett. “a” – autorizzazione o richiesta di presentare varianti da parte degli offerenti;
  • 97, c. 8 – previsione di esclusione automatica delle offerte con ribasso superiore alla soglia di anomalia;
  • 100, c. 1 – richiesta di requisiti particolari purché compatibili con il diritto europeo;

Potrebbe interessarti: Ambiti di responsabilità del Rup: quali sono

  • 105, c. 6 – appalti sotto soglia – tempi di verifica delle condizioni di esclusione;
  • 106, c. 11 – previsione della possibilità di proroga del contratto;
  • 112, c. 3 – indicazione di appalto o concessione riservata;
  • 133, c. 8 – esame delle offerte delle procedure aperte prima della verifica dell’idoneità degli offerenti;
  • 153, c. 1 – concorso di progettazione – intenzione di aggiudicare servizi successivi al concorso;
  • 154, c. 4 – concorso di progettazione – intenzione di affidare la progettazione definitiva e esecutiva + corrispettivi al vincitore del concorso;
  • 154, c. 5 – concorso di progettazione – affidamento diretto del progetto esecutivo al miglior progetto definitivo;
  • 156, c. 6 – concorso di idee – affidamento al vincitore dei successivi livelli di progettazione;
  • 157, c. 1 – affidamento – motivato – della sicurezza e direzione dell’esecuzione per incarichi sopra soglia;
  • 165, c. 3 – equilibrio finanziario nelle concessioni – previsione di consultazione preliminare con gli operatori;
  • 165, c. 4 – concessioni – prevedere la sottoscrizione dell’offerta da parte di istituti finanziari interessati a sostenere economicamente l’operazione;
  • 165, c. 5 – concessioni – prevedere che il contratto di concessione stabilisca la risoluzione del rapporto per mancata sottoscrizione del contratto di finanziamento o mancato collocamento obbligazionario;
  • 165, c. 5 – concessioni – in caso di parziale finanziamento, realizzazione di una stralcio funzionale;
  • 167, c. 6 – concessioni – eventuale frazionamento motivato della concessione
  • 183, c. 13 – finanza di progetto – ulteriore garanzia del 2,5% del valore dell’investimento;

Leggi anche: Appalti, frazionamento in lotti: come funziona

  • 183, c. 15 – finanza di progetto – richiesta di presentazione di offerta con varianti al progetto + promotore con diritto di prelazione;
  • 184, c. 1 – società di progetto – possibilità per l’aggiudicatario, dopo l’aggiudicazione, di costituire una società di progetto;
  • 184, c. 1 – prevedere che la costituzione della società sia un obbligo dell’aggiudicatario;
  • 191, c. 1 – cessione in cambio – trasferimento di proprietà in cambio del corrispettivo;
  • 194, c. 10 – affidamento a contraente generale – indicazione del capitale minimo della società;
  • 194, c. 12 – affidamento a contraente generale – determinazione della quota che deve essere realizzata dal contraente generale con risorse proprie;
  • 194, c. 16 – affidamento a contraente generale – indicazione della data ultima di pagamento dei crediti riconosciuti definitivi;
  • 194, c. 20 – affidamento a contraente generale – indicazione della quota per le misure per la prevenzione della criminalità;
  • 195, c. 3 – affidamento a contraente generale – indicazione del numero minimo e massimo dei concorrenti da invitare;
  • 209, c. 2 – arbitrato – indicazione se il contratto conterrà o meno la clausola compromissoria.

Ti potrebbe interessare

Progettazione, verifica, validazione e approvazione del progetto dopo lo Sblocca Cantieri

Progettazione, verifica, validazione e approvazione del progetto dopo lo Sblocca Cantieri

Marco Agliata, 2019, Maggioli Editore

La legge 14 giugno 2019, n. 55 (c.d. Sblocca Cantieri) ha introdotto importanti novità in materia di appalti e, in modo particolare, sulle attività da svolgere nelle varie fasi della progettazione e affidamento delle opere pubbliche, che vengono puntualmente analizzate e illustrate in questo...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here