Home Appalti Procedure di affidamento: quale scegliere? Quali tempi hanno?

Procedure di affidamento: quale scegliere? Quali tempi hanno?

Le principali procedure di scelta del contraente nei settori ordinari e le loro caratteristiche

137

In linea sintetica, le principali procedure di scelta del contraente nei settori ordinari sono: procedura aperta, procedura ristretta, procedura competitiva con negoziazione, procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara, dialogo competitivo e partenariato per l’innovazione. Le modalità di gestione delle varie procedure indicate varia in relazione alla diversa tipologia e, in linea di massima, è possibile focalizzare le principali differenze nello schema seguente:

  • nella procedura aperta il progetto è compiuto, senza particolari complessità o variazioni di prezzo = il contraente può essere scelto in una sola fase;
  • la procedura competitiva con negoziazione interessa progetti  complessi su cui si apre una negoziazione = due fasi;
  • dialogo competitivo = fasi successive per la costruzione del progetto;
  • partenariato per l’innovazione = fasi successive – specificità tecnologica e innovativa del progetto o servizi  da realizzare;
  • i sistemi dinamici di acquisizione – mercato elettronico – si applica la procedura ristretta.

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: novità per i lavori sotto soglia

Le modifiche dello Sblocca Cantieri

Per i lavori sotto soglia, le ultime modifiche normative sono state introdotte dall’articolo 1, comma 20, punto 2), lettere c, c-bis, d della legge 55/2019 (Sblocca Cantieri) che ha sostituito le precedenti prescrizioni dell’articolo 36 del codice.

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: e per le sopra soglia?

Per le procedure sopra soglia restano in essere le norme già esistenti del Codice e che non sono state oggetto di recenti modifiche o integrazioni da parte del legislatore.

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: la procedura ristretta

Perchè utilizzarla?

La procedura ristretta trova la sua ragione principale nella possibilità, per la stazione appaltante, di accertare preventivamente il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione da parte degli operatori che intendono partecipare. Una volta selezionati i partecipanti, la presentazione dell’offerta interessa soltanto gli operatori invitati.

Procedure affidamento

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: il dialogo competitivo

Cos’è?

Il dialogo competitivo è una procedura caratterizzata dalla possibilità, per la stazione appaltante, di avviare un confronto, durante la procedura di scelta del contraente, finalizzato all’individuazione della soluzione più idonea alle proprie necessità.

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: partenariato per l’innovazione

A cosa serva?

Per quanto riguarda il partenariato per l’innovazione, consente di identificare un operatore in grado di sviluppare delle soluzioni di prodotti, opere o servizi non disponibili sul mercato.

Procedure affidamento

Procedure di affidamento: quando si usano le procedure di somma urgenza?

Nei settori ordinari e in casi particolari disciplinati dagli articoli 148 (per interventi nel settore dei beni culturali) e 163 del Codice (nei casi ordinari), sono attivabili anche delle procedure di somma urgenza finalizzate alla realizzazione di opere improcrastinabili (pericolo per persone o cose) con procedure semplificate rispetto a quelle attivabili negli altri casi. Le fasi della procedura di somma urgenza sono sinteticamente riportate di seguito:

  • viene nominato il Rup o un tecnico – sopralluogo – verbale di somma urgenza sulle motivazioni che hanno reso necessaria tale procedura;
  • ordine di esecuzione del Rup con affidamento diretto fino a 200 (ordinari) o 300 mila (beni culturali) – affidamento diretto ad esecutore;
  • entro 10 giorni dall’ordine di esecuzione = perizia giustificativa da parte del Rup da trasmettere alla stazione appaltante;
  • prezzari ufficiali ridotti del 20%;
  • approvazione della stazione appaltante;
  • somma urgenza nei beni culturali fino a 300.000 euro (art. 148, c. 7 del codice);
  • somma urgenza ordinaria e protezione civile fino a 200.000 euro o più se rischio incolumità (art. 163, c. 1 del codice).

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here