Home Appalti Autostrade e concessioni, ecco il maxi bando. Ma qual è la strategia?

Autostrade e concessioni, ecco il maxi bando. Ma qual è la strategia?

La gara da 2 miliardi per assegnare alcune tratte è aperta, ma tutti i 26 mila km di strade hanno bisogno di una visione strategica e non di "toppe e pezze" qua e là

170

«Manutenzione delle strade assurda, inchieste, arresti, una struttura in cui chi gestisce i cantieri non sa neppure dire quanti sono quelli aperti». È il ritratto delle infrastrutture italiane, perfettamente delineato da questa dichiarazione di Gianni Armani, ormai ex Presidente Anas.

Secondo l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, il 40 per cento delle infrastrutture ha più di 35 anni, e il nuovo contratto di programma che scade nel 2020 ha stanziato 23 miliardi, 11 dei quali per la manutenzione. Soldi provenienti dalle imposte, e la cui provenienza andrebbe meglio controllata.

E di chi è la colpa di questo sfacelo? Dei gestori privati, pubblici, Governo, amministrazioni? Forse basterebbe, come ipotizza nella sua tesi il giornalista Stefano Cigolani, che lo Stato svolgesse la sua funzione di controllo e indirizzo strategico.

Intanto, il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ha pubblicato il maxi bando per assegnare le autostrade attualmente gestite da Sias (gruppo Gavio). Vediamo i dettagli di questa importante gara!

Autostrade e concessioni, 2 miliardi per cosa?

Le tratte autostradali interessate da gara sono:
– la A21 Torino-Alessandria-Piacenza;
– la A5 Torino-Ivrea-Quincinetto;
– la bretella di collegamento A4/A5 Ivrea-Santhià;
– la diramazione Torino-Pinerolo;
– il Satt (Sistema autostradale tangenziale torinese).

Leggi anche: Autostrade, ecco la mappa dei tesori infrastrutturali da mantenere

L’importo totale è di 2.022.185.799 euro, e la concessione prevede la gestione delle tratte autostradali nonché la progettazione e l’esecuzione dei lavori finalizzati al miglioramento delle condizioni di sicurezza delle infrastrutture stradali.

Il nuovo concessionario, quando entrerà a pieno regime lavorativo, si dovrà occupare di tutti i rapporti attivi e passivi, escludendo quelli finanziari esistenti alla data dell’effettivo subentro. Dovrà anche occuparsi di pagare i concessionari uscenti di un valore di indennizzo, se dovuto, di importo pari agli interventi realizzati e non ancora ammortizzati (prevedendo un tetto massimo di 305.614.000 euro).

Quanto dura la concessione?

La concessione ha durata di 12 anni e sarà aggiudicata in base a seguenti criteri:
– modalità di gestione dell’infrastruttura (massimo 10 punti);
analisi trasportistica (10);
– individuazione di un sistema di esazione che al contempo assicuri la tutela dei diritti dei consumatori, favorisca la crescita economica del territorio e sia orientata alla tutela ambientale (5);
– modalità di gestione/trasmissione informazioni per il concedente ai fini del monitoraggio delle attività in concessione e del mantenimento della corretta allocazione rischi in capo al concessionario (5);

Approfondisci con: Manutenzione viadotti: monitoraggio tradizionale e monitoraggio attivo, le differenze

– tariffa unitaria iniziale di gestione per la tratta autostradale A21 Torino Alessandria Piacenza (17);
– tariffa unitaria iniziale di gestione per le tratte autostradali A5 Torino Ivrea Quincinetto, bretella di collegamento A4/A5 Ivrea Santhià e Sistema autostradale Tangenziale Torinese Satt (16);
– tariffa media unitaria di costruzione per le tratte autostradali A5 Torino Ivrea Quincinetto, bretella di collegamento A4/A5 Ivrea Santhià e Satt (12);
– tariffa media unitaria di costruzione per la tratta A21 Torino Alessandria Piacenza (10);
– corrispettivo di concessione da riconoscere al concedente non ammissibile ai fini tariffari (5);
sostenibilità economico-finanziaria, DSCR medio (5);
cronoprogramma interventi (3);
– durata della concessione (2).

Fino a quando è aperto il maxi bando?

Considerato che la concessione Ativa è scaduta nel 2016 mentre la Satap A21 è giunta a conclusione il 30 giugno 2017, le due autostrade vanno in gara in forma accorpata, per affidare con bando europeo una sola concessione.

Il bando rimane aperto fino al 18 novembre.

Leggi la nostra pagina speciale
Ponti, gallerie e infrastrutture
Approfondimenti e aggiornamenti per i progettisti


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here