Home Sicurezza Antincendio Sistemi di rivelazione incendi: pubblicata la nuova UNI 11224

Sistemi di rivelazione incendi: pubblicata la nuova UNI 11224

La norma descrive le procedure per il controllo iniziale, la sorveglianza e il controllo periodico, la manutenzione e la verifica generale dei sistemi di rivelazione automatica di incendio.

1590

È in vigore dal 5 settembre la nuova norma UNI 11224:2019 pubblicata dall’Ente Italiano di Normazione (UNI), dal titolo Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi.

La nuova UNI descrive le procedure per il controllo iniziale, la sorveglianza e il controllo periodico, la manutenzione e la verifica generale dei sistemi di rivelazione automatica di incendio. Altro? Vediamolo.

Sistemi di rivelazione incendi, ecco la nuova UNI11224

Ne approfittiamo per ricordare che un rivelatore d’incendio è un componente di un sistema di captazione che contiene almeno un sensore che costantemente o a intervalli frequenti sorveglia almeno un fenomeno fisico e/o chimico associato all’incendio e che fornisce almeno un corrispondente segnale alla centrale di controllo e segnalazione.

Segui la nostra pagina speciale ANTINCENDIO
Tutte le news e gli approfondimenti sulle normative le caratteristiche dei materiali resistenti al fuoco, la sicurezza degli immobili, i ruoli e le responsabilità per la sicurezza

La revisione della UNI 11224 è stata impostata tenendo conto dell’aggiornamento tecnologico e del suo allineamento ai contenuti della nuova edizione 2013 della UNI 9795 e del UNI/TR 11607:2015 e del UNI/TR 11694:2017, in particolare:
– sono state modificate e, soprattutto, implementate le prove e i controlli sulle apparecchiature di segnalazione acustica e ottica;
– sono state modificate e, soprattutto, implementate le prove e i controlli sui sistemi ASD;

– è stato rivisto il punto sulla “verifica generale del sistema”, modificandone la periodicità;
– è stata modificata la percentuale del numero di punti da controllare in allarme nel corso dei dodici mesi in funzione dell’anzianità dell’impianto.

Questi cambiamenti sono dovuti all’allineamento del documento all’approccio seguito da taluni paesi con riferimento alla DIN 14675, l’UNE 23007 e NBN S 21-100-1, NFPA 72.

Dove vale la norma?

La norma è un riferimento per l’attuazione nei luoghi di lavoro e nelle attività soggette alle visite ed i controlli di prevenzione incendi delle verifiche, dei controlli e della manutenzione delle misure di protezione antincendio.

Per quanto riguarda i luoghi di lavoro, si applica il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i., testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106, Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro; allo stato di stesura del presente documento le verifiche i controlli e la manutenzione dei sistemi di protezione antincendio sono trattati nell’allegato VI del DM 10 marzo 1998.

Leggi anche Antincendio scuole e asili nido, tutte le novità per l’adeguamento

Per quanto riguarda invece l’elenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi, esso è contenuto nell’Allegato I Decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151; l’art. 6 “Obblighi connessi con l’esercizio dell’attività” stabilisce che i sistemi, i dispositivi le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio per essere mantenuti in stato di efficienza devono essere sottoposte a verifiche di controllo ed interventi di manutenzione.

Quando si applica la nuova UNI?

La norma si applica sia ai nuovi sistemi che a quelli esistenti, e vale anche quando il sistema di rivelazione incendi è impiegato per attivare un sistema di estinzione automatica o attuare dispositivi di sicurezza antincendio. L’obiettivo delle attività di manutenzione è la verifica della funzionalità degli impianti e non della loro efficacia, per la quale si fa riferimento alla UNI 9795.

Se un sistema di rivelazione incendio non è conforme alla regola dell’arte, le azioni correttive non rientrano nell’ambito della norma.

Qui trovi il link diretto per la UNI 11224:2019

Ti consigliamo

Nuovo manuale di prevenzione incendi

Nuovo manuale di prevenzione incendi

Aggiornata con il recente Decreto del Ministero dell’Interno riguardante “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività commerciali con superficie lorda superiore a 400 m2”, la IV edizione di quest’apprezzatissima Opera, realizzata dall’Ing. Giacalone, Dirigente del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, si qualifica come supporto di riferimento e verifica della corretta esecuzione degli interventi di sicurezza antincendio per i Professionisti tecnici. 

Il Manuale raccoglie in un unico testo organico e sistematico le disposizioni di prevenzione incendi applicabili alle attività a rischio di incendio, con approfondimenti sulle casistiche più problematiche, alla luce del Codice di prevenzione incendi, che introduce nuovi strumenti di progettazione in grado di pervenire a soluzioni tecniche più efficaci.

La trattazione fornisce tutti gli strumenti operativi necessari per gestire le procedure e gli adempimenti documentali, progettuali, impiantistici inerenti le attività produttive e le strutture edilizie ed è arricchita da un formulario online di 23 modelli editabili.

1. Modello Richiesta di valutazione del progetto
2. Modello Segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio
3. Modello Asseverazione ai fini della sicurezza antincendio
4. Modello Certificazione di resistenza al fuoco di prodotti/elementi costruttivi in opera
5. Modello Dichiarazione inerente i prodotti impiegati
6. Modello Dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell’impianto
7. Modello Certificazione di rispondenza e di corretto funzionamento dell’impianto
8. Modello Dichiarazione di non aggravio del rischio incendio
9. Modello Segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio GPL
10. Modello Attestazione ai fini della sicurezza antincendio
11. Modello Dichiarazione di installazione serbatoio per GPL, in depositi sino a 5 m3 di capacità complessiva
12. Modello Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio
13. Modello Asseverazione ai fini della attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio
14. Modello Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio GPL
15. Modello Dichiarazione di avvenuta manutenzione per depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità non superiore a 5 m3
16. Modello Richiesta di deroga
17. Modello Richiesta di nulla osta di fattibilità
18. Modello Verifica in corso d’opera
19. Modello Dichiarazione per voltura
20. Modello Dichiarazione di conformità ai sensi del d.m. 37/2008
21. Modello Dichiarazione di corrispondenza in opera
22. Modello Dichiarazione di corretta posa in opera porte ed elementi di chiusura
23. Modello Dichiarazione corretta posa in opera materiali classificati per la reazione al fuoco e le porte resistenti al fuoco

Completo di tabelle dati e prospetti di sintesi che intervallano l’esposizione, di esempi di calcolo e di relazioni tecniche, questo volume chiarisce i molteplici aspetti critici di un’attività professionale particolarmente delicata, sviluppando l’intera materia nel dettaglio di 1.636 pagine.

Claudio Giacalone, laureato in ingegneria civile e in ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell’ambiente, è un dirigente del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. Svolge attualmente la funzione di Comandante dei Vigili del fuoco di Alessandria. È stato componente della speciale commissione di vigilanza integrata EXPO, che ha valutato la sicurezza dei padiglioni espositivi di EXPO MILANO 2015.

Leggi descrizione
Claudio Giacalone, 2019, Maggioli Editore
89.00 € 84.55 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here