Home Fiscale Bonus ristrutturazione, vale per il comodato gratuito?

Bonus ristrutturazione, vale per il comodato gratuito?

Per Entrate la detrazione per i lavori di ristrutturazione edilizia spetta al proprietario dell’immobile ma anche a chi lo detiene sulla base di un contratto di locazione o di comodato. Vediamo i dettagli di questo caso

357

Eccoci a un caso che capita molto di frequente: un appartamento dato in comodato gratuito dai genitori, proprietari dell’immobile, ai figli. Ma il punto è: in questo caso si gode comunque del bonus ristrutturazione?

Analizziamo il quesito cui risponde Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.

Bonus ristrutturazione e comodato gratuito, quali regole?

Così ha risposto Agenzia delle Entrate: la detrazione per i lavori di ristrutturazione edilizia, spetta al proprietario dell’immobile ma anche a chi lo detiene sulla base di un contratto di locazione o di comodato, sempre che abbia il consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Attenzione però, è necessario che l’atto che determina la detenzione risulti regolarmente registrato al momento di avvio dei lavori o al momento del pagamento delle spese ammesse in detrazione, se precedente.

Ti consigliamo

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Manutenzione, ricostruzione e risparmio energetico

Nicola Mordà - Chiara Carlucci - Carmine De Simone - Monica Stroscia, 2019, Maggioli Editore

Questo manuale è una riedizione, aggiornata e ampliata, del volume “Demolizioni e Ricostruzioni” resa necessaria per rispondere alla crescente attenzione verso i temi della sostenibilità, del consumo di suolo, della riqualificazione dell’esistente, della sicurezza...



In pratica non sarà possibile usufruire della detrazione se il contratto di comodato non era stato registrato nel momento in cui hanno avuto inizio gli interventi di ristrutturazione, anche se si regolarizza successivamente la registrazione dell’atto (come già era stato spiegato nella circolare 13/E del 31 maggio 2019).

Ristrutturazioni: il punto sulle detrazioni e tutti gli aggiornamenti

Tra le principali novità pubblicate nell’edizione di luglio 2019 della Guida alle ristrutturazioni dell’Agenzia delle entrate:

– le regole per cedere il credito per gli interventi effettuati per il risparmio energetico nell’ambito delle ristrutturazioni;
– la conferma della possibilità di evitare la comunicazione all’Enea per gli stessi interventi e per il Bonus mobili, senza perdere le detrazioni.

Altri utili approfondimenti sul tema:
Ristrutturazioni: tra chi vende e chi compra, chi ne ha diritto?
Bonus ristrutturazioni: lo perdi se affitti la casa (ereditata)


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here