Home Ambiente Rischio idrogeologico, svelate le opere subito cantierabili

Rischio idrogeologico, svelate le opere subito cantierabili

L'ammontare complessivo dello stanziamento (che viene dal famoso Piano stralcio 2019) è pari a 315 milioni di euro. Basterà a "mitigare" il rischio e a salvaguardare il nostro paese? Se sarà speso "subito", forse sì...

119

Mantenersi “belli” non è facile: richiede impegno, tempo, dedizione, e in certi casi, un non indifferente esborso economico. Lo sa bene chi vuole risanare o preservare in salute il proprio corpo. Nella stessa situazione (e viene facile dirlo, di questi tempi), si trova il nostro caro paese; la differenza è che c’è una certa fretta, e più che mantenere infrastrutture, opere, beni pubblici, oramai si tratta di agire in emergenza mettendo toppe sulle diverse falle aperte da nord a sud.

Ben venga quindi l’approvazione del piano degli interventi immediatamente cantierabili, ovvero la prima fase della pianificazione stralcio 2019, proposta dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, con la quale sono stati selezionati gli interventi infrastrutturali eseguibili subito, già nel 2019.

Nemmeno dire che questi hanno carattere di urgenza e indifferibilità, soprattutto dato l’ammontare complessivo che si attesta su oltre 315 milioni di euro tra Regioni e provincia autonoma di Bolzano. Vediamo in dettaglio la ripartizione dei fondi e i principali punti del testo in Gazzetta Ufficiale.

Rischio idrogeologico, ecco l’elenco dei progetti da cantierizzare subito

Il titolo della delibera pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 188 del 12 agosto 2019 è Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico, il ripristino e la tutela della risorsa ambientale di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 febbraio 2019. Approvazione del piano stralcio relativo agli interventi immediatamente cantierabili individuati dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Leggi anche: Il dissesto idrogeologico vale 315 milioni di euro: ecco il Piano stralcio

Precisamente si tratta di 315.119.117,19 di euro, ripartiti secondo la tabella A allegata alla delibera del CIPE.

(*) La Provincia Autonoma di Trento, ad oggi, non ha dato riscontro alla nota DGSTA n. 7762 del 19/04/2019 e successivi solleciti n. 9283 del 14/05/2019 e n. 10522 del 29/05/2019.

La Tabella B riporta, invece, l’elenco dei progetti di cui si compone la prima fase del «Piano stralcio 2019».

 

Scarica i documenti ufficiali direttamente dalla Gazzetta Ufficiale 12/08/2019, n. 188
Delibera CIPE
Allegato 1
Allegato 2

Potrebbe interessarti: Dissesto idrogeologico, il nostro Paese sarà sempre in stato di emergenza?


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here