Home Edilizia Abuso edilizio, posso vendere l’immobile e non risponderne?

Abuso edilizio, posso vendere l’immobile e non risponderne?

Il proprietario di un immobile ha realizzato un intervento di ristrutturazione con cambio di destinazione d’uso e poi.. ha venduto. Si è salvato?

317
abuso edilizio

C’è un abuso edilizio in un immobile. Cosa succede se l’immobile viene venduto prima che il Comune lo accerti? Risponde il Consiglio di Stato con la Sentenza 4251/2019, piuttosto chiaramente: chi commette un abuso edilizio deve risponderne.

Il proprietario di un immobile ha realizzato un intervento di ristrutturazione con cambio di destinazione d’uso, da commerciale a residenziale. Finiti i lavori, vende l’immobile. Due anni dopo, la Polizia Municipale scopre che le condizioni igienico sanitarie dell’immobile non ne garantiscono l’abitabilità. A quel punto, la ASL ordina lo sgombero dell’immobile ed emana un provvedimento per il ripristino della situazione preesistente. E i lavori sono a carico del precedente proprietario.

Il vecchio proprietario fa ricorso. Ma secondo i giudici il responsabile dell’abuso deve sempre risponderne, visto che risulta esecutore e committente dei lavori, anche se ha venduto l’immobile. L’ordine di demolizione ha natura “ripristinatoria” a prescindere dalla valutazione sui requisiti soggettivi del trasgressore.

Leggi anche Abuso edilizio, la prescrizione? Non esiste in campo amministrativo

Ti potrebbe interessare..

Come sanare gli abusi edilizi

Come sanare gli abusi edilizi

Nicola D’Angelo, 2017, Maggioli Editore

L’opera contiene gli strumenti utili al professionista per affrontare le criticità legate agli abusi edilizi e alle sanatorie, anche in considerazione della recente giurisprudenza e delle significative novità normative in materia, tra le quali si segnalano:- il D.P.R. 13...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here