Home Sicurezza Gli immobili contenenti amianto si possono vendere?

Gli immobili contenenti amianto si possono vendere?

Le sentenze uscite dalle varie cause non lo impediscono, però è consigliabile non comprare case con l'amianto... o farsi fare almeno un preventivo per la rimozione

7888
amianto in casa

Il titolo pone un quesito apparentemente irriverente, ma al quale i giudici hanno spesso già dovuto dare risposta in chiusura a cause sorte nel corso degli anni, specie dopo che la Legge n. 257 del 1992 citava nell’articolo 1 che “[…]sono vietate l’estrazione, l’importazione, l’esportazione, la commercializzazione e la produzione dell’amianto, di prodotti di amianto o di prodotti contenenti amianto[…]”.

Sorge allora spontaneamente il dubbio se un bene immobile sia considerabile o meno un “prodotto”, dato che l’articolo citato parla di prodotti senza approfondire se si tratti di mobili o di immobili. Se si interpretasse il dettato in maniera restrittiva si potrebbe affermare che qualunque immobile contenente amianto non può essere messo in commercio e, cioè, che non possa esser oggetto di compravendita.

Pensiamo che l’amianto era, fino agli anni ‘90, non solo utilizzato nelle classiche lastre di copertura, ma anche impastato con molte altre sostanze da cantiere: massetti per pavimenti, mastici per serramenti, vinil-laminato per pavimenti, isolanti per trombe di ascensori, canne fumarie eccetera. Allora è facile comprendere la quantità di immobili che in Italia contengono ancora amianto, anche se non è visibile ma nascosto o mescolato all’interno dei materiali che compongono le strutture e le finiture.

Ti potrebbe interessare:

Bonifica Amianto: le procedure per gli interventi e le detrazioni

Bonifica Amianto: le procedure per gli interventi e le detrazioni

L'ebook è una guida operativa alle pratiche necessarie e alle detrazioni fiscali relative agli interventi di bonifica dell'amianto da abitazioni, uffici, capannoni e manufatti edilizi in genere. Nell'opera sono illustrate le istruzioni per la corretta procedura da seguire per le opere di rimozione dell'amianto e per lo sfruttamento delle detrazioni fiscali o degli incentivi previsti per il settore.

Vengono illustrate tutte le formalità da rispettare nei confronti delle ASL per la predisposizione del cantiere (predisposizione del piano di lavoro, notifica, notifica preliminare, coordinatori, ultimazione dei lavori) e quelle nei confronti dei Comuni e degli enti locali.

L'ebook tratta dettagliatamente anche la fiscalità relativa alla bonifica dell'amianto, esaminando l'inquadramento IVA, la possibilità di accedere alle detrazioni fiscali del 50% IRPEF per le ristrutturazioni, il credito d'imposta del 50% per i titolari di reddito di impresa con l'indicazione, passo per passo, di come spedire le domande per accedere alle agevolazioni. Un capitolo è dedicato ai fondi messi a disposizione dagli incentivi e ai bandi (Bandi ISI INAIL).

L'opera è corredata da quattro casi pratici e da una rassegna riepilogativa della normativa di riferimento.

Davide Galfré, Geometra, svolge la libera professione nel cuneese con passione e tenacia.

Leggi descrizione
D. Galfré, 2017, Maggioli Editore
11.90 € 10.12 €

Immobili contenenti amianto, si possono vendere?

Cosa dice la giurisprudenza?

Ma l’orientamento giurisprudenziale non è restrittivo ed è assolutamente più clemente con il mercato immobiliare. Si veda ad esempio la sentenza n. 15742 del 26/06/2017 della Cassazione, sez. II: due coniugi acquistavano l’appartamento all’ultimo piano di un condominio che, nel frattempo, si è scoperto avere il tetto di copertura in lastre di amianto; gli acquirenti chiedevano l’annullamento del contratto ma la Corte enunciò il principio per cui la compravendita non poteva esser annullata poiché la Legge 257/1992 non ha imposto la rimozione generalizzata di qualunque materiale contenente amianto all’interno delle costruzioni, ma solamente la sua sorveglianza tramite il programma di controllo e manutenzione.

Di conseguenza, in base a questo principio, gli immobili non sarebbero presumibilmente considerabili prodotti e, dunque, se contenenti amianto, potrebbero essere compravenduti.

Alcune pronunce meno recenti richiamavano ulteriormente il principio dell’articolo 1490 del Codice Civile, affermando che la presenza di amianto non pregiudicherebbe l’utilizzabilità del bene immobile compravenduto.

Immobili con amianto, al massimo si riduce il prezzo

Altre sentenze (vedasi Tribunale di Cassino n. 411 del 23/03/2016 o Tribunale di Prato del 09/10/2014) mostrano che la presenza di amianto negli immobili oggetto di compravendita può causare la riduzione del prezzo di compravendita quando l’amianto è considerabile dannoso e risultano necessarie delle spese per equiparare il bene compravenduto ad un bene senza amianto.

Resta di fatto che è bene consigliare sempre di non acquistare beni contenenti amianto quando questi sia apparentemente degradato o comunque farsi dapprima preventivare il costo per una eventuale rimozione in modo da inserire tale preventivo anche in trattativa.

Leggi anche Bonifica amianto in edilizia, come procedere punto per punto


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here