Home Fiscale Dichiarazione IMU scadenza spostata: chi deve farla? Chi no?

Dichiarazione IMU scadenza spostata: chi deve farla? Chi no?

Spostata dal 30 giugno al 31 dicembre la scadenza della dichiarazione IMU. La devono fare tutti? Vediamo.

163
ristrutturazione casa

Più tempo da quest’anno per presentare la dichiarazione IMU e meno soggetti obbligati. Grazie agli emendamenti introdotti al decreto Crescita, infatti, è stata introdotta una complessiva semplificazione degli adempimenti fiscali e burocratici compresa, appunto, la dichiarazione IMU e TASI.

Dichiarazione IMU: scadenza spostata da giugno a dicembre

Per prima cosa, dunque, viene spostata in avanti dal 30 giugno al 31 dicembre la scadenza della dichiarazione. Questa deve essere presentata dell’anno successivo a quello in cui si sono verificati i fatti che incidono sul pagamento o sul diritto ad utilizzare determinate agevolazioni. A essere tenuti alla dichiarazione sono gli stessi soggetti obbligati al pagamento dell’imposta.

In quali casi NON c’è l’obbligo?

Non c’è obbligo di dichiarazione in caso di acquisto, o vendita o eredità dell’abitazione perché si tratta di tutte informazioni disponibili per il Comune in quanto presenti nei registri pubblici.

In quali casi c’è obbligo di presentazione?

La comunicazione al Comune è invece obbligatoria quando si tratta di situazioni che non risultano da atti pubblici. In dettaglio la dichiarazione è obbligatoria nei seguenti casi:

  • riconoscimento dell’immobile come di interesse storico o artistico;
  • immobili dichiarati inagibili e di fatto inutilizzati;
  • coniugi proprietari di due immobili nello stesso Comune per la casa scelta come abitazione principale;
  • assegnazione provvisoria di case in cooperativa;
  • immobili di proprietà di appartenenti alle Forze armate;
  • terreni agricoli divenuti area edificabile se non posseduti da coltivatori o imprenditori del settore;
  • area divenuta edificabile a seguito della demolizione del fabbricato;
  • immobili non produttivi di reddito in quanto utilizzati dalle imprese commerciali e immobili strumentali utilizzati da professionisti e lavoratori autonomi;
  • fabbricati classificabili nella categoria catastale D sprovvisti di rendita, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati;
  • immobili per cui si è verificato l’acquisto o la cessazione di un diritto reale per effetto di legge (es. usufrutto legale dei genitori);
  • immobili posseduti, a titolo di proprietà odi altro diritto reale di godimento, da persone giuridiche, interessate da fusione, incorporazione o scissione;
  • casa assegnata dal giudice a seguito di separazione o divorzio che si trova in un Comune diverso da quello nel quale è stato celebrato il matrimonio o diverso da quello di nascita;
  • concessione di un immobile con un contratto di leasing.

La presentazione della dichiarazione vale anche ai fini della TASI.

Ti potrebbe interessare IMU, ICI… e le unità immobiliari unite di fatto?


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here