Home Ambiente Il dissesto idrogeologico vale 315 milioni di euro: ecco il Piano stralcio

Il dissesto idrogeologico vale 315 milioni di euro: ecco il Piano stralcio

Firmato dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa il Piano che finanzia 263 interventi caratterizzati da urgenza e indifferibilità

115

Roma, 3 luglio 2019, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa firma il Piano Stralcio che stanzia 315 milioni di euro per finanziare progetti esecutivi di tutela del territorio dal dissesto idrogeologico. Era ora, ma… ora? Le popolazioni dei territori che negli ultimi anni sono stati “martoriati” da frane, alluvioni, terremoti, saranno finalmente sicure e potranno utilizzare roulotte, case mobili e camper solo per le vacanze?

Con il DPCM del 20 febbraio 2019 (GU Serie Generale n.88 del 13-04-2019) il Governo aveva approvato il Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico per il ripristino e la tutela della risorsa ambientale. Dopo sessanta giorni, le amministrazioni competenti, tra cui Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dell’ambiente, Ministero delle politiche agricole, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, hanno predisposto e sottoposto sia alla Cabina di Regia Strategia Italia istituita presso la Presidenza del Consiglio dei ministri che ad «InvestItalia» e al CIPE, un Piano stralcio 2019 con elenchi settoriali di progetti e interventi infrastrutturali immediatamente eseguibili già nel 2019.

Vediamo in dettaglio come sono state ripartite le risorse, e a quale regione spetta il maggior compenso per “risanare” il proprio territorio.

Dissesto idrogeologico: il Piano stralcio salverà l’Italia?

ll Ministro, all’atto della firma dello scorso 3 luglio, ha dichiarato: Abbiamo impresso una forte accelerazione, il piano firmato in tre mesi prevede 263 interventi, che partiranno già quest’anno.

Fonte: Ministero dell’Ambiente


Ai fini del Piano stralcio 2019, gli elenchi sopra citati sono stati definiti per liste regionali dai competenti Ministeri, mediante apposite conferenze di servizi, sulla base dei fabbisogni e delle proposte delle regioni interessate e delle province autonome, con il contributo e la partecipazione dei commissari per l’emergenza, dei commissari straordinari per il dissesto, e delle autorità di bacino distrettuale.

Leggi anche: Dissesto idrogeologico, in Gazzetta le cure per il nostro territorio

Dalla mappa si nota l’ubicazione degli interventi:
frane, n. 132;
alluvioni, n. 125;
erosione costiera, n. 6.

Sempre il Ministro, nella lettera, dichiara: Abbiamo quindi impresso una fortissima accelerazione e grazie alla proficua collaborazione con i Commissari per l’emergenza, i Commissari per il dissesto e le Autorità di bacino distrettuali in soli tre mesi abbiamo stabilito il dettaglio degli interventi più urgenti, che partiranno già quest’anno.

Approfondisci anche con: Dissesto idrogeologico, il nostro Paese sarà sempre in stato di emergenza?

Sono quindi in totale 263 interventi, tutti caratterizzati da urgenza e indifferibilità.

Fonte: Ministero dell’Ambiente

Si tratta – ha concluso il Ministro – delle azioni che regioni e province autonome hanno ritenuto necessarie per la sicurezza della popolazione e del territorio.

Puoi approfondire con:

Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti

Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti

Piergiuseppe Froldi, 2015, Maggioli Editore

Il consolidamento dei versanti e dei pendii in terreni non lapidei a mezzo di pali strutturali, costituisce ad oggi il principale e più diffuso sistema di stabilizzazione laddove sono richieste prestazioni di funzionalità, affidabilità e sicurezza caratteristiche delle opere...



 

 


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here