Home Edilizia Cantieri edili, la parata dei contratti “diversi”

Cantieri edili, la parata dei contratti “diversi”

Assumere un operaio con contratto da colf. È legale? Ecco le trovate (a volte geniali) per raggirare il fisco. E i cantieri sembra siano luogo privilegiato per questi raggiri. Perché?

1235

Sarebbe interessante fare un viaggio nei cantieri italiani e intervistare chi li bazzica tutti i giorni: operai, muratori, direttori dei lavori… ma a quanto pare, c’è anche chi, pur di lavorare, ricopre un ruolo non suo. Giardinieri muratori, badanti operaie, metalmeccanici asfaltatori… Sembra infatti esserci una gran confusione di fondo, a partire dalle tipologie contrattuali che i datori di lavoro offrono ai loro sottoposti. All’imprenditore costa infatti meno assumere un operaio con contratto da colf. Ma è tutto legale? Non sempre, e le trovate (a volte geniali) per raggirare il fisco, sono varie e cambiano di regione in regione. Una delle ultime è il «contratto a chiamata con qualifica da inserviente», e non c’è dubbio che il contrasto al fenomeno del dumping contrattuale dovrà passare anche dai cantieri. Ma come e perché l’edilizia è uno dei settori maggiormente colpiti da questo problema? Vediamo alcuni dettagli e casi specifici.

Cantieri edili, emergenza contratti?

Nel girone dei contratti “sbagliati” sembra siano coinvolti 150 mila lavoratori del settore edile. Di base questo implica che il datore di lavoro fa lavorare l’operaio in cantiere come edile apllicando però una tipologia di contratto diversa, come per esempio quella riservata a giardinieri o badanti.

Leggi sullo stesso argomento: Cantieri edili, l’Ispettorato dice sì al contratto libero

Perché? Perchè costa meno! Sono infatti varianti contrattuali dal minor costo fisso e che prevedono stipendi più bassi: se un muratore (sulla carta) dovrebbere arrivare a fine mese con circa 1500 euro in tasca, di stipendio base, un muratore con contratto diverso vede la busta paga ridotta di almeno il 30%. L’imprenditore risparmia infatti su cassa edile, mensa e trasporto del lavoratore, così come non paga le ore di formazione obbligatoria che bisogna possedere prima di metter piede in cantiere. L’ammontare che intasca quindi l’operaio è ridotto a 1000 euro al mese, circa.

Dal nord al sud c’è differenza?

A quanto pare sì: se nelle regioni del nord Italia (a detta di Andrea Tafaria, segretario generale della Filca Cisl in Liguria), […] hanno trovato quest’altro modo per evadere applicando tipologie contrattuali che non c’entrano nulla con il tipo di attività svolta, al sud è il lavoro nero a farla da padrone e spesso i contratti non ci sono proprio.

C’è ancora altro da sapere: il fenomeno dumping contrattuale riguarda non solo imprese edili di piccole dimensioni, a gestione poco più che familiare, ma anche società che lavorano per Enel, Open Fiber, Ferrovie dello Stato e persino le ditte che si sono aggiudicate gli appalti per la demolizione del ponte Morandi, continua il segretario Cisl Liguria. Pazzesco che nel cantiere che al momento è più sotto i riflettori di tutti gli altri ci si domandi “chi vigila chi”, e che fossero all’opera lavoratori con contratti non da muratori ma da metalmeccanici, trasportatori o addetti multiservizi.

C’è stata più di una denuncia in merito, e non solo al Morandi, dove è intervenuto prontamente il commissario per la ricostruzione Marco Bucci riportando ordine (al momento). Viene naturale domandarsi se sia bene o male la pace apparente che regna negli altri cantieri. Sembra servano sempre scandali o casi eclatanti per riportare attenzione a questo tema. E siamo tutti, alla fine, a pagare le conseguenze di questa guerra al ribasso.

Leggi per approfondire

Costruire un edificio

Costruire un edificio

Spiegare le fasi di costruzione di un edificio non è cosa semplice: l’architettura storicamente è sempre stata più una disciplina fortemente pratica che teorica.

Nell’attività di progettazione, il professionista deve saper coniugare creatività, aspetto estetico, comfort, funzionalità e soluzioni tecniche, arrivando fino alla definizione dei particolari costruttivi.

Obiettivo di questo libro è fornire uno strumento operativo (sia per il progettista che per lo studente) che spieghi le caratteristiche strutturali e tipologiche degli edifici (dalle fondazioni all’involucro dell’edificio, dalle elevazioni verticali ed orizzontali alle coperture, per finire con gli impianti), dei materiali da costruzione e dei procedimenti costruttivi praticati nell’ampio contesto della tecnologia per l’architettura (PRG e PGT, Regolamento Edilizio, Regolamento d’Igiene, ecc.).

Il libro contiene un ampio repertorio delle tecniche esecutive del settore delle costruzioni, soffermandosi su quelle che ormai fanno parte della prassi consolidata.

L’apparato iconografico a corredo del testo (schemi funzionali e dettagli costruttivi in scala) è integrato con una vasta casistica di immagini di cantiere che descrivono le fasi delle lavorazioni delle varie unità tecnologiche analizzate.

Valentina Puglisi Architetto, Ricercatore e Dottore di ricerca in “Tecnologia e progetto per l’ambiente costruito” presso il Dip. ABC del Politecnico di Milano dove collabora dal 2008 alle attività di ricerca, formazione e consulenza. È membro del gruppo REC (Real Estate Center). È docente di Tecnologia dell’Architettura nel corso di Laurea di Architettura al Politecnico di Milano. Svolge attività di docenza a Master, Corsi Executive, di formazione, di dottorato e di specializzazione. È membro del comitato scientifico del convegno internazionale “Energy Forum” ed è membro del consiglio di redazione e reviewer di giornali internazionali. È relatrice e chair a diversi convegni nazionali e internazionali ed è autrice di svariate pubblicazioni scientifiche sulle tematiche inerenti alle tecnologie costruttive innovative, alla gestione immobiliare e alla valorizzazione dell’ambiente costruito. Collabora ad attività di ricerca per enti pubblici e privati.

Matteo Cazzaniga Architetto, laureato al Politecnico di Milano, è Imprenditore e libero professionista. È socio della Società di Costruzioni di famiglia (Cazzaniga Costruzioni civili ed industriali S.r.l.), all’interno della quale svolge attività di controllo e gestione commessa e Project Management con ruolo di Direttore tecnico. È Segretario del Secondo Collegio del Consiglio di Disciplina e membro della Commissione Tecnica e Sostenibilità dell’Ordine degli Architetti di Monza e Brianza. È membro referente per Milano nella Commissione Centro Studi ed Innovazione di Ance Nazionale (Associazione Nazionale Costruttori Edili). Partecipa ai lavori della Commissione Prezzi Opere Edili della Camera di Commercio di Milano. Svolge da anni attività di collaborazione editoriale con riviste tecnico-scientifiche del settore costruzioni e opera come Collaboratore Didattico con la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, Dip. ABC.

Valentina Puglisi - Matteo Cazzaniga, 2019, Maggioli Editore
35.00 € 33.25 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here