Home Professionisti Decreto Crescita, assunzione di 80 Professionisti Tecnici: i dettagli

Decreto Crescita, assunzione di 80 Professionisti Tecnici: i dettagli

Alte professionalità tecniche per opere pubbliche, gare e contratti: quali caratteristiche devono avere? Come verranno assunte?

890
decreto crescita cercasi 80 tecnici

Si tratta di una misura concreta per sbloccare cantieri non operativi e dare slancio forte e spinta propulsiva all’avanzamento delle opere pubbliche: come riportato all’articolo 47 del decreto crescita, è prevista l’assunzione di personale di alta professionalità tecnica (e di altri 20 di professionalità giuridica) da assegnare con urgenza nei Provveditorati interregionali alle Opere Pubbliche, uffici decentrati del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che svolgono compiti fondamentali in materia di programmazione, progettazione realizzazione delle opere pubbliche, puntuali e infrastrutturali. Il Decreto Crescita è stato approvato dal Governo settimana scorsa: clicca qui per le novità in edilizia e per i professionisti tecnici. Ma vediamo nel dettaglio la novità dell’assunzione degli 80 progettisti:

Decreto Crescita, cercasi 80 tecnici

Le 80 assunzioni di tecnici riguardano i seguenti settori:
– ingegneria (stradale, strutturale, edile e idraulica – no meccanica perché già autorizzate 148 assunzioni per le motorizzazioni)
– architettura
– geologia.

Dovranno tutti possedere “alta specializzazione”, cioè laurea specialistica, e “elevata professionalità“, ossia esperienza certificata nel settore di riferimento, per almeno un anno. Richiesta l’iscrizione all’albo professionale di riferimento.

Con decreto interministeriale MIT e Funzione pubblica da adottarsi entro 30 giorni dalla pubblicazione del Decreto Crescita saranno definiti gli specifici requisiti da possedere, i livelli di ingresso, e modalità rapide di selezione improntate ai criteri suddetti. Si prevede di svolgere procedure di assunzione in deroga alla disciplina della mobilità, ma non anche alla procedura del concorso unico (procedura di cui all’articolo 1 comma 300 della Legge finanziaria per l’anno 2019).

Scarica gratis l’ebook sul Decreto Crescita: le novità in edilizia e per i progettisti

Download per scaricare il file devi essere iscritto alla newsletter: se sei già iscritto, inserisci l'indirizzo email, oppure registrati

Come vengono assunti? Procedure

È prevista una procedura semplificata nelle more dell’emanazione del decreto di cui al riportato comma 300 di cui sopra, e precisamente una procedura che preveda:
a) la nomina e la composizione della commissione d’esame, prevedendo la costituzione di sottocommissioni anche per le prove scritte e stabilendo che a ciascuna delle sottocommissioni non può essere assegnato un numero di candidati inferiore a duecentocinquanta;
b) la tipologia e le modalità di svolgimento delle prove di esame, prevedendo: 1) la facoltà di far precedere le prove di esame da una prova preselettiva, qualora le domande di partecipazione al concorso siano in numero superiore a due volte il numero dei posti banditi; 2) la possibilità di svolgere prove preselettive consistenti nella risoluzione di quesiti a risposta multipla, gestite con l’ausilio di enti o istituti specializzati pubblici e privati e con possibilità di predisposizione dei quesiti da parte degli stessi.

L’urgenza di avvalersi di detto personale è connessa anche ai prossimi massicci collocamenti a riposo di molteplici unità di personale di Area terza nei Provveditorati, per cui è divenuto impellente un passaggio di consegne attraverso la trasmissione dell’esperienza acquisita sul campo”.

Il ruolo dei provveditorati interregionali

I provveditorati interregionali alle OOPP sono per legge stazione unica appaltante delle amministrazioni centrali e locali (art. 38 del Codice appalti). Le loro funzioni gli sono state attribuite dal decreto legislativo 300/1999, dal DPCM 72/2014 e dal DM 346/2014 e non possono essere svolte senza adeguate risorse umane.

A ogni Provveditorato verranno assegnate 12 professionalità tecniche (14 per il Provveditorato di Roma). La misura compensa parzialmente il blocco del turnover degli ultimi anni che ha depauperato di risorse adeguate queste strutture fondamentali per il rilancio concreto delle infrastrutture del Paese.

>>> Quindi le cose sono un po’ cambiate rispetto al 16 aprile, quando abbiamo pubblicato Decreto Crescita, caccia aperta a 100 ingegneri e progettisti e in tutto si cercavano 100 progettisti, non 80.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here