Home FISCALE Catasto, on line la nuova App delle Entrate che ti aiuta a...

Catasto, on line la nuova App delle Entrate che ti aiuta a gestirlo

Elimina code, abilita sms per i dubbi e introduce molte novità: è l'App delle Entrate, ora anche per i servizi catastali

603
catasto

Con un comunicato stampa del 3 aprile l’Agenzia delle Entrate rende noto che l’App Agenzia Entrate, con cui è possibile accedere a una serie di servizi dal proprio smartphone o tablet, si arricchisce di nuove funzioni per gli utenti catastali. Non solo servizi fiscali come assistenza su cartelle esattoriali, precompilata, codici tributo e F24, ma da oggi anche nuove funzionalità dedicate al “Catasto” ovvero a quell’area che accoglie tutte quelle informazioni correlate all’ambito catastale e ipotecario. Dati utili non solo per gli addetti ai lavori, ma spesso di primaria necessità per tanti cittadini intrappolati dalla fitta burocrazia. Leggi il comunicato del 3 aprile.

Catasto on line: la APP delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate in questo mondo sempre più “in rete” diventa un prezioso interlocutore per i contribuenti, infatti, se da un lato chiede – tutti sappiamo che dal 1° giugno 2015 è fatto obbligo dell’uso delle procedure telematiche per la trasmissione degli atti tecnici di aggiornamento catastale (Provvedimento del Direttore dell’Agenzia n.35112/2015); dall’altro mette in campo servizi 2.0 e staff qualificati con operatori pronti a supportare tutti, tecnici e cittadini, nei diversi adempimenti.

Proprio nel mese di aprile l’Agenzia esordisce con nuove funzionalità disponibili nel sito o dall’App Agenzia Entrate per offrire agli utenti dei servizi catastali sempre più servici, come la possibilità di accedere in modo più semplice all’ufficio desiderato attraverso il Web ticket “catastali” oppure facilitare l’acceso ai chiarimenti, attraverso un numero dedicato, per inoltrare via sms dubbi o richiedere maggiori informazioni.

Vediamo di capire insieme quali sono allora a oggi le modalità per contattare l’Agenzia, sia mediante i mezzi dedicati agli utenti tradizionali che attraverso quelli più telematici per gli utenti evoluti.

L’APP DELLE ENTRATE SUL CATASTO

CLICCA QUI per l’App dell’Agenzia

Ecco come contattare l’Agenzia.

Basta un sms per contattare l’agenzia

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato che da oggi gli utenti dei servizi catastali possono inviare semplicemente un SMS a un numero dedicato.

Si tratta del nuovo numero 339 9942645 che accoglie le richieste di informazioni inoltrate all’Agenzia. Il servizio SMS è stato ottimizzato ampliando il numero dei caratteri messi a disposizione per i messaggi di testo da inviare all’Agenzia.

Questo nuovo numero è attivo anche per il canale Fisco. Infatti, da aprile il numero del fisco cambia e bisognerà comporre il 339 9942645 per poter recapitare i messaggi per l’assistenza, in forma sintetica, per le informazioni relativamente a scadenze, codici tributo e in genere risposte a quesiti semplici in ambito fiscale. I messaggi, tra l’altro con la nuova funzionalità, potranno essere di testo più lunghi e dettagliati contenenti fino a 640 caratteri.

Servizio “web ticket”

Nel comunicato l’Agenzia informa che anche per i servizi catastali è adesso disponibile un servizio di web-ticket, cioè un nuovo sistema che, attraverso un ticket “virtuale” , permette a professionisti e cittadini di:

  • ricevere informazioni in ambito catastale e ipotecario;
  • fissare un appuntamento presso l’ufficio desiderato, prenotandolo on-line direttamente dal proprio PC o tramite l’App.

Grazie proprio a questa nuova modalità di prenotazione web dell’appuntamento sarà semplice presentarsi direttamente allo sportello dell’ufficio desiderato, senza doversi “autenticare” fisicamente.

Infatti, basterà accedere al sito o tramite l’App Agenzia Entrate e prenotare online il proprio biglietto “elimina code” per l’Ufficio di proprio interesse.

Si riceverà, una volta inviata la richiesta, una e-mail per la conferma del web ticket e, a questo punto, si riceverà direttamente nella propria mail il biglietto (ticket) da stampare e presentare in ufficio.

Il ticket può essere prenotato dalle ore 6 del mattino sino a esaurimento della disponibilità, è valido esclusivamente nella giornata in cui è stato richiesto e deve essere utilizzato dall’orario indicato nella prenotazione.

L’Agenzia ha implementato l’APP anche con alcune nuove funzionalità dedicate proprio agli utenti dei servizi catastali che includono 2 nuovi servizi:

  • la web mail
  • l’assistenza telefonica.

Sarà possibile contattare l’Agenzia anche a mezzo di e-mail e ricevere informazioni in materia di:

  • catasto
  • cartografia
  • Osservatorio Mercato Immobiliare
  • Pubblicità Immobiliare
  • Stime

A seconda del servizio da utilizzare e, dunque, in relazione ai quesiti e informazioni di carattere generale da richiedere su Catasto, Omi e Pubblicità Immobiliare l’Agenzia mette a disposizione specifiche sezioni per inviare le relative richieste.

L’Agenzia annuncia l’assistenza telefonica anche per tutti gli utenti dei servizi catastali. Ricordiamo che, come noto, già grazie a una telefonata al numero verde 800.90.96.96 un operatore del call center dell’Agenzia delle Entrate fornisce assistenza su questioni fiscali generali, sui rimborsi e su cartelle e comunicazioni di irregolarità.

Le regioni Lombardia, Puglia, Toscana, Veneto e Friuli Venezia Giulia chiamando ricevevano anche un servizio sperimentale di assistenza su materie catastali, disponibile in tutti i giorni feriali dalle ore 9 alle 13.

TI SERVE ASSISTENZA?

Clicca qui per l’assistenza dell’Agenzia

Quali sono le altre procedure telematiche?

Sono molteplici i servizi messi in campo dall’Agenzia delle Entrate per supportare i professionisti e i contribuenti in prima persona, ancor più da quando i dati catastali vanno comunicati on-line. Riepiloghiamo di seguito i principali strumenti telematici a disposizione degli operatori.

Il software DOCFA

Il software DOCFA: mediante il quale sono comunicati al catasto i dati relativi all’edificazione di nuovi immobili e le variazioni di stato di quelli esistenti, nel caso essi influiscono sul classamento o sulla consistenza dell’unità immobiliare.

La dichiarazione telematica Docfa, a carico degli intestatari dell’immobile, permette, con la presentazione all’Agenzia, la comunicazione dei dati aggiornati.

Si ricorda che nei soli casi di prima iscrizione in catasto dei beni immobili presentano la dichiarazione Docfa anche i possessori, in caso di inerzia da parte dei titolari dei diritti reali. Il professionista tecnico abilitato che presenta l’atto di aggiornamento, attraverso il Docfa, può essere un:

  • architetto
  • ingegnere
  • dottore agronomo e forestale
  • geometra
  • perito edile
  • perito agrario limitatamente ai fabbricati rurali
  • agrotecnico

Queste figure possono utilizzare il software Docfa per compilare il modello di dichiarazione della proprietà immobiliare urbana per l’accertamento:

  • delle unità immobiliari urbane di nuova costruzione (accatastamento);
  • delle variazioni dello stato, consistenza e destinazione delle unità immobiliari urbane censite;
  • delle unità afferenti edificate su area urbana, in sopraelevazione o su aree di corte;
  • dei beni immobili non produttivi di reddito urbano, compresi i beni comuni e relative variazioni

Leggi anche Catasto fabbricati, il nuovo software Docfa 5: cosa cambia?

Il software PREGEO

Il software PREGEO: è utilizzato per gestire l’aggiornamento dei dati dei terreni che devono essere dichiarati al Catasto e, nello specifico, la dichiarazione ha per oggetto ogni cambiamento nello stato di terreni che deve, avvenuto per effetto di edificazione, ampliamento, demolizione, anche parziale, di unità immobiliari, o per frazionamento di una particella di terreno, di norma ai fini di un passaggio di proprietà.

La dichiarazione, a carico degli intestatari dell’immobile, avviene con la presentazione all’Agenzia di un atto di aggiornamento predisposto dal professionista che utilizza il software Pregeo per compilare l’atto di aggiornamento catastale che può essere costituito da

  • tipo frazionamento
  • tipo mappale
  • tipo frazionamento e tipo mappale
  • tipo particellare.

La piattaforma tecnologica SISTER

La piattaforma tecnologica SISTER: grazie alla quale i professionisti e gli altri soggetti privati possono accedere alla consultazione telematica delle banche dati per effettuare visure e ricerche catastali e ispezioni ipotecarie delle banche dati per effettuare visure catastali in formato pdf e anche in formato elaborabile, nonché effettuare ricerche catastali e ispezioni ipotecarie.

Per accedere occorre stipulare una convenzione e prevede il pagamento di un canone. L’Agenzia stipula con ciascun Ente una sola convenzione per ciascuna tipologia di accesso, sarà la stessa struttura firmataria a gestire poi gli utenti appartenenti all’Ente.

L’accesso alle planimetrie catastali per via telematica è consentito ai professionisti e ai pubblici ufficiali abilitati su SISTER ai servizi di “Presentazione Documenti” per l’aggiornamento degli atti catastali e su mandato dei titolari di diritti reali sull’immobile.

Piattaforma tecnologica Certitel Catasto Web

La piattaforma tecnologica CERTITEL CATASTO WEB: un servizio a pagamento curato da Poste Italiane SPA che prevede il recapito a domicilio di visure sintetiche catastali.

Il canale telematico Civis

Il canale telematico CIVIS: grazie a questa sezione dedicata è possibile ricevere assistenza sulle comunicazioni di irregolarità, sugli avvisi telematici e le cartelle di pagamento. I contribuenti potranno da un lato chiedere chiarimenti in merito agli avvisi ricevuti a seguito del controllo dei dichiarativi presentati, dall’altro avere assistenza sulle cartelle esattoriali emesse a seguito di comunicazioni di irregolarità e avvisi telematici. Il canale permette di ricevere anche un sms o una mail a chiusura della pratica.

Ti potrebbe interessare

DOCFA 4.00.3 e il catasto fabbricati

DOCFA 4.00.3 e il catasto fabbricati

I. Milazzo, 2016, Maggioli Editore

Lacronimo DOCFA non altro che labbreviazione di DOcumento Catasto FAbbricati. Sono passati ben quattordici anni da quando usc la prima versione DOCFA 1.0 trasmessa agli uffici in data 12 novembre 1996 e lAgenzia del Territorio ha fatto da allora passi da gigante, creando una banca dati...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here