Home Professionisti Esplodono gli Ingegneri: boom di assunzioni dei civili

Esplodono gli Ingegneri: boom di assunzioni dei civili

Lo rileva l’analisi dei dati realizzata grazie alla collaborazione di Fondazione CNI e ANPAL Servizi.

838
ingegneri boom assunzioni

In forte crescita la domanda di ingegneri in Italia soprattutto nel settore IT. Nei primi sei mesi del 2018 sono stati assunti quasi 37mila profili attinenti alle professioni ingegneristiche, oltre la metà dei quali per mansioni relative all’area informatica. Ma anche i civili stanno andando bene.

È quanto emerge dall’analisi dei dati relativi al primo semestre 2018 dell’Osservatorio sulla domanda di professioni ingegneristiche, realizzato grazie ad una collaborazione tra Fondazione CNI e ANPAL Servizi.

Ingegneri civili sulla cresta dell’onda

La domanda nel primo semestre 2018 si rivela molto consistente anche per altre categorie di ingegneri, soprattutto energetici e meccanici (circa 3.500 assunzioni) e civili (2.234 assunzioni). Una buona notizia, visto che gli ingegneri civili sono stati i più colpiti dalla crisi degli ultimi anni.

In circa il 46% dei casi è stata offerta un’assunzione a tempo indeterminato, il 61% degli assunti ha un’età inferiore ai 35 anni e il 77% è composto da uomini. Circa un quarto delle assunzioni è stato effettuato nella sola provincia di Milano. Seguono Roma con 4.500 assunzioni e Torino con poco meno di 2.500.

In una fase in cui la disoccupazione tra i giovani con età compresa tra i 25 e i 34 anni si aggira in Italia intorno al 17%, è importante dire che nel 35% dei casi è stato offerto un contratto a tempo indeterminato. Resta tuttavia consistente il ricorso alle forme contrattuali più flessibili: il 23,1% sta svolgendo un tirocinio e il 18,3% è stato assunto con un contratto di apprendistato.

Per un’analisi più approfondita dei risultati, si rimanda alla mappa interattiva, realizzata in collaborazione con ANPAL Servizi, presente nella sezione WI_Report del portale www.cni-working.it, dove è possibile visualizzare i dati fino al livello provinciale.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here