monitoraggio opere

Nella Circolare delle NTC pubblicata in Gazzetta ed entrata in vigore l’11 febbraio 2019, ci sono novità progettuali sulle strutture dei ponti.

Alla progettazione dei ponti, stradali e ferroviari, è infatti dedicato il capitolo C.5.

Circolare NTC: le novità

Ponti: verifiche statiche e carico di traffico

Si legge nell’introduzione al Capitolo C.5 della Circolare delle NTC: “Gli schemi di carico stradali e ferroviari da impiegare per le verifiche statiche e a fatica sono generalmente coerenti con gli schemi delle Uni En 1991-2, cui si può far riferimento per aspetti di dettaglio non trattati nelle NTC. I carichi da traffico per ponti stradali del modello principale sono indipendenti dall’estensione della zona caricata, includono gli effetti dinamici e sono indifferenziati per le verifiche locali e le verifiche globali, cosicché le possibili ambiguità e/o difficoltà applicative sono minimizzate”.

La circolare fornisce inoltre “appositi modelli di carico per il calcolo degli effetti globali in ponti di luce superiore a 300 metri”.

Cos’è la compatibilità idraulica?

La compatibilità idraulica è una novità concettuale di cui si deve tenere conto, anche sulle strutture esistenti. La Circolare esplicativa delle NTC, tra le altre cose, tratta in modo specifico la progettazione della rete dei canali per l’allontanamento dell’acqua. Bisogna affrontare in modo approfondito la questione – cosa che le NTC 2018 originali non facevano – per l’importanza dell’impatto dell’acqua degli alvei dai ponti.

Anche in questo caso viene indicato un solo percorso e una sola possibilità per la progettazione, per non dare al progettista la possibilità di scegliere a seconda della propria discrezionalità

“Anche se poi questa cosa – spiega il presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici – non la considero così positiva e stimolante per la ricerca ingegneristica, perché ritengo che il progettista debba anche essere creativo”.

Circolare NTC in Gazzetta

“La Circolare mette in evidenza il percorso interpretativo e applicativo più semplice e più evidente possibile delle norme tecniche, eliminando le diverse possibilità di interpretazione della normativa”, dice Il presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Donato Carlea. Ecco il testo definitivo

Circolare NTC e antisismica: scompare la zonazione

Per la progettazione di nuove opere, la circolare “parla” al progettista e gli suggerisce i provvedimenti che deve adottare in caso di terremoti. La circolare segnala, all’inzio del del Capitolo c.7 “Progettazione per azioni sismiche”, la scomparsa dei riferimenti alla zonazione sismica. Carlea sostiene che una delle novità di questo approccio consista nella previsione di “una strategia progettuale basata su livelli crescenti dell’azione sismica e dei danni corrispondenti”. Leggi tutto

Circolare NTC, progettazione cemento armato: cosa cambia?

Con l’obiettivo di chiarire i possibili scenari progettuali con cui gli strutturisti si confronteranno per le nuove progettazioni delle strutture in c.a., a questo link abbiamo poi cercato di fare ordine sulle innovazioni introdotte dalle NTC 2018 e approfondite dalla Circolare. A seconda, infatti, delle assunzioni fatte prima dell’inizio dell’effettiva progettazione, cambia la modalità di calcolo sia della domanda che della capacità della struttura.

Ti potrebbe interessare

Il collaudo statico delle strutture - Procedure e modelli secondo le NTC 2018

Il collaudo statico delle strutture - Procedure e modelli secondo le NTC 2018

Pietro Salomone, 2018, Maggioli Editore

Il collaudo è un atto unilaterale complesso di natura tecnica, economica ed amministrativa, disposto dal committente, al quale si perviene a conclusione dell’opera. Con il collaudo viene redatto un apposito verbale che ha lo scopo di rendere partecipe il committente dei risultati della...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here