Home Edilizia Strategie di Homestaging: come presentare i bagni

Strategie di Homestaging: come presentare i bagni

I bagni di una casa ancora abitata ma che viene messa in vendita devono essere desiderabili agli occhi dei potenziali acquirenti o futuri conduttori. Come fare le cose per bene?

157
homestaging bagno

Siamo probabilmente tutti d’accordo nel dire che il bagno e il suo stato di conservazione costituiscano elementi estremamente significativi nelle valutazioni di acquisto dei visitatori di un’abitazione in vendita o in locazione. Tuttavia, nella mia esperienza di agente immobiliare, lunga quasi trent’anni, ho potuto vedere pochissimi bagni presentati adeguatamente. Le tecniche di Homestaging sono di grande aiuto, soprattutto nei casi in cui le case siano ancora abitate. In questo articolo vedremo quali strategie adottare per rendere i nostri bagni desiderabili agli occhi dei potenziali acquirenti o futuri conduttori.

Homestaging bagno: i 4 passaggi fondamentali

1. Rimozione di accessori di uso quotidiano e personale

Durante le visite capita di frequente che le persone guardino i bagni velocemente, mettendo appena un piede dentro e uscendo immediatamente; questo capita perché nella maggior parte dei casi, provano una sensazione di imbarazzo nell’entrare in una stanza molto personale degli attuali proprietari e alle volte perché provano un impeto sgradevole che in qualche caso sfocia nel disgusto. Quasi nessuno ci pensa ma gli spazzolini da denti a vista, ad esempio, appaiono ripugnanti agli occhi degli estranei.

Lo stesso vale per accappatoi, oggetti per il maquillage, pettini, spazzole, prodotti per l’igiene personale e asciugamani visibilmente usati. Il consiglio è quello di farli sparire prima di ogni visita, tenendo magari libero un ripiano di un mobile dove riporre velocemente queste cose.

homestaging bagno
Spugne e asciugamani, oggetti personali e spazzole (e non parliamo degli spazzolini!) sono tutte “dotazioni” normali in un bagno, ma durante una visita è obbligatorio fare sparire tutto per non generare disagio nei nostri visitatori: non sono solo ospiti, ma possibili clienti!

2. Rimozione di ogni traccia di calcare, muffa e umido

Sarà opportuno fare attenzione agli angoli dei box doccia e dei muri prospicienti la zona dove l’acqua scorre più spesso: bisogna renderli assolutamente puliti. Il ritinteggio delle parti murarie è da considerarsi quasi indispensabile per i bagni.

I gruppi rubinetti e i sanitari dovranno brillare e, ove non fosse più possibile pulirli adeguatamente, per la troppa presenza di calcare o ruggine è consigliatissimo sostituirli con nuovi e luccicanti elementi acquistabili oggi a prezzi più che ragionevoli.

Gli specchi e i vetri dovranno essere accuratamente puliti e lucidati poco prima di ogni visita.

3. Attenzione ai tessili

I tessili, come tende e pedane, dovranno essere pulitissimi e gli asciugamani dovranno essere freschi di bucato e ben piegati.

Le tende potranno essere in tessuto leggero bianchissimo in modo da apparire discrete ma disposte a far passare l’eventuale luce naturale del sole. Potranno arrivare fino a terra anche in presenza di una semplice finestra di dimensioni standard.

Gli asciugamani e le pedane dovranno essere in tinte coordinate tra loro.

4. Profumi, non odori

Il ritinteggio dei muri contribuisce, senza dubbio a conferire un’impressione di fresco agli ambienti, allo stesso tempo nei bagni così come nelle cucine, si rende necessario l’ausilio di profumatori d’ambiente da applicare alle prese di corrente in modo che un buon profumo, magari di lavanda, accolga immediatamente i visitatori che entrano in questi vani.

homestaging bagno
Ordine, pulizia, luci accese durante tutta la visita e nessun oggetto troppo personale in vista … sono queste alcune delle strategie di homestaging vincenti per presentare il locale bagno nella migliore veste possibile ai potenziali acquirenti.

Homestaging bagno: conclusioni

Se vendiamo casa, ricordiamo sempre che coloro che stanno guardando con gli occhi di chi potrebbe abitare in quelle stanze possono essere fortemente influenzati da un bagno non pulito e profumato e colmo di oggetti estremamente intimi dei precedenti occupanti. Le luci, anche quelle dei pensili, dovranno essere già accese anche di giorno e mai spente fino a che i visitatori non se ne saranno andati.

Un bagno mal presentato contribuisce alla formazione di un’opinione molto pericolosa ai fini di una possibile trattativa e cioè che la casa abbia troppi lavori da fare con conseguente probabile proposta molto più bassa della richiesta. Applicare sapientemente le strategie di Homestaging aiuta a raggiungere l’obiettivo della collocazione del bene in tempi rapidi e con soddisfazione.

Solo una parola può descrivere il modo giusto di presentare un bagno: IMPECCABILE ad ogni visita.

Tutto sull’homestaging? 👇

Home Staging

Home Staging

Roberta Boni, 2018, Maggioli Editore

L'Home Staging è una tecnica di marketing immobiliare che mira a facilitare la vendita o la locazione di immobili. In un mercato difficile e competitivo come quello della compravendita, dotarsi di strumenti di promozione e valorizzazione della propria proposta rappresenta un vantaggio...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here