Home SICUREZZA Testo unico sicurezza sul lavoro: il DLgs 81/2008 in pillole, come applicarlo

Testo unico sicurezza sul lavoro: il DLgs 81/2008 in pillole, come applicarlo

Il DLgs 81/2008, noto anche come “Testo Unico della sicurezza sul lavoro”, riunisce in unico testo tutte le norme esistenti in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

444

I principali obiettivi di tale decreto riguardano la ricerca dei rischi lavorativi al fine di eliminarli o, quanto meno, contenerli prima che producano effetti indesiderati. Per far ciò, vengono coinvolti attivamente diversi soggetti, ognuno dei quali ha compiti ed obblighi precisi a cui ottemperare.

Il DLgs 81/2008 a scuola si applica “a tutte le Istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado, relativamente al personale ed agli utenti delle medesime istituzioni” (art. 1, co.1 del D.M. 29/09/98, n. 382).

TU Sicurezza sul lavoro: implementazione

Per implementare il TU per la Sicurezza a scuola, il Dirigente Scolastico ha l’obbligo di istituire il Servizio di Prevenzione e Protezione che lo supporterà nella valutazione dei rischi, nell’individuazione delle misure di prevenzione più adeguate e nella scelta dei mezzi di protezione collettiva e individuale più idonei. Esso è composto dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione “RSPP”, dal “Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza “RLS” e Medico Competente, nei casi previsti dalla norma. È necessario, inoltre, comporre il Servizio di Gestione Emergenze nominando gli Addetti al Servizio Antincendio, gli Addetti al Primo Soccorso, gli Addetti all’Evacuazione.

Leggi anche Sicurezza nei cantieri, evoluzione della normativa a 10 anni dal Testo Unico

Condizioni minime luoghi di lavoro

I locali e gli spazi di lavoro dovranno soddisfare determinati requisiti minimi e mantenere la conformità alle norme vigenti, così come le attrezzature di lavoro dovranno essere a marcatura “CE” ai sensi del D. Lgs. 81/08.

Sicurezza gestionale

Tra le misure generali di tutela, è necessario effettuare una valutazione dei rischi da formalizzare all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), predisporre un Piano d’Emergenza, effettuare le verifiche periodiche di tutti i presìdi antincendio e aggiornare il “Registro dei Controlli Antincendio”, effettuare almeno due prove di evacuazione nel corso dell’anno scolastico e darne evidenza oggettiva e indire la Riunione Periodica per la sicurezza a inizio anno scolastico.

Metodologia operativa

Il personale docente e non deve essere adeguatamente formato e informato ai sensi dell’art. 36 del D. Lgs. 81/08 sui rischi individuali relativi all’Istituto e sulle conseguenti misure di tutela, sulle procedure operative di sicurezza da adottare e sugli ordini di servizio.

A questo link è possibile scaricare uno schema e una sintesi di quanto detto. Consulta il sito www.tommasobarone.it per saperne di più.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here