Home Edilizia Sopraelevazioni: per alcune, niente verifiche strutturali

Sopraelevazioni: per alcune, niente verifiche strutturali

L’emendamento vorrebbe semplificare il regime dei controlli previsti per la realizzazione di piccoli ampliamenti degli edifici.

1364
sopraelevazioni

Arriva l’ok ad alcuni emendamenti al DL Semplificazioni, uno dei quali contiene una novità interessante per l’edilizia privata: la realizzazione di piccole sopraelevazioni degli edifici senza la necessità di rinnovare le “pratiche sismiche”.

Se l’emendamento venisse approvato, alcune sopraelevazioni sarebbero esentate dalla necessità di calcolare l’impatto sulla la tenuta strutturale di tutto l’edificio. Quali? Ecco qui:
– per poter godere della semplificazione, la sopraelevazione deve essere di modeste dimensioni, più precisamente deve essere contenuta nel limite del 5% della “volumetria complessiva debitamente autorizzata”,
– il carico dell’intervento di adeguamento nella sua totalità non deve superare quello preesistente all’intervento,
– evitare di rinnovare le pratiche sismiche non sarà possibile “in classe sismica 1” in termini di localizzazione dell’edificio.

L’emendamento punta a semplificare il regime dei controlli previsti per la realizzazione di piccoli ampliamenti degli edifici. Dunque: se questo emendamento sarà approvato definitivamente, non sarà necessario ripetere le verifiche strutturali per le sopraelevazioni, se sono di piccole dimensioni, se l’edificio interessato non è situato nelle zone a maggiore rischio sismico e se le necessità di resistenza delle strutture non aumenta.

Tra le altre novità che ci riguardano, intanto… la maggioranza continua a lavorare sul pacchetto più corposo di correzioni al Codice Appalti.

Sopraelevazioni e sottotetti, tutte le regole Regione per Regione

I sottotetti sono ambienti con un grande potenziale a livello di progettazione. I vantaggi dati da luce dell’ultimo piano e tranquillità non sono pochi. Intervenendo nei sottotetti, l’immobile può acquisire ulteriore valore e i lavori possono essere effettuati recuperando in parte l’investimento economico mediante agli incentivi fiscali. Leggi tutto l’articolo

Sopraelevazione in condominio, serve il consenso dei condomini?

Una sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (n. 45/2017) afferma che, in condominio, non serve il consenso dei condomini sulla sopraelevazione edificata dal proprietario dell’ultimo piano. Sia per quanto riguarda la trasformazione di locali preesistenti, con aumento di superfici e volumetrie, sia per quanto riguarda la costruzione di nuovi piani. Nel testo si legge infatti che:  “il diritto di sopraelevare (art. 1127 Codice Civile) spetta ex lege al proprietario dell’ultimo piano dell’edificio, o al proprietario esclusivo del lastrico solare, e non necessita di alcun riconoscimento da parte degli altri condomini”. Continua a leggere

Ti potrebbe interessare

Ampliamenti sopraelevazioni e recupero sottotetti

Ampliamenti sopraelevazioni e recupero sottotetti

Mario Di Nicola, 2016, Maggioli Editore

Per far fronte alla profonda crisi economica del Paese, sono state varate norme per il rilancio del comparto delle costruzioni, dando la possibilità alle regioni di favorire le opere di sopraelevazione e di ampliamento degli edifici esistenti, nonché il recupero, a fini abitativi,...




Condividi

1 COMMENTO

  1. Demenziali e mentecatti. Condominio, ogni appartamento fa un intervento locale non superando il 10 % di carico alle fondazioni tranne la Siora Pina al piano terra che si accolla la sonmatoria dei carichi fatti e degli interventi fatti dagli altri, non solo non viene chiesto neppure un fascicolo dell’opera, ma si liberalizzano anche le Sopraelevazione. Una banda di debosciati.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here