Home SICUREZZA Servizio di Prevenzione e Protezione, un supporto per il RSPP interno. Perchè?

Servizio di Prevenzione e Protezione, un supporto per il RSPP interno. Perchè?

Sostanzialmente, il SPP è uno strumento di supporto tecnico e operativo per il datore di lavoro. E quali sono i suoi compiti?

145
sicurezza sul lavoro

Il Servizio di Prevenzione e Protezione SPP è definito dall’art. 31 e dall’art. 33 del D. Lgs. 81/08 come l’“insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori”.

Il datore di lavoro organizza il Servizio di Prevenzione e Protezione prioritariamente all’interno dell’azienda o della unità produttiva, o incarica persone o servizi esterni costituiti anche presso le associazioni dei datori di lavoro o gli organismi paritetici.

Prima di optare per un SPP interno o esterno, il datore di lavoro deve verificare l’assenza di professionisti interni. In quel caso, potrà avvalersi di servizi esterni che siano in possesso di tutti i requisiti professionali e le capacità richiesti dall’art. 32 del D. Lgs. 81/08 e devono essere comunque in numero sufficiente a seconda delle caratteristiche dell’azienda.

RSPP: quali requisiti e quali responsabilità

Quali sono i compiti?

Secondo l’art. 33 il SPP provvede:

  1. All’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;
  2. Ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all’art. 28, co. 2, e i sistemi di controllo di tali misure;
  3. Ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;
  4. A partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica di cui all’art. 35;
  5. A fornire ai lavoratori le informazioni di cui all’art. 36.

SPP a supporto del RSPP interno

Sostanzialmente, il SPP è uno strumento di supporto tecnico e operativo per il datore di lavoro per quanto riguarda l’implementazione della sicurezza all’interno dell’azienda.

L’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione “ASPP” affianca il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione “RSPP” nello svolgimento dei suoi compiti, finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori. Nel caso in cui il RSPP sia interno all’azienda o alla scuola, avere il supporto di un ASPP esterno può essere un importante vantaggio in quanto il RSPP potrebbe essere oberato da altro lavoro e compiti che svolge all’interno dell’azienda e potrebbe non avere la possibilità di svolgere a pieno le sue funzioni.

Tommaso Barone, a tal proposito, offre un servizio di consulenza pensato e organizzato per chi svolge l’incarico di RSPP a scuola, ai sensi del D. Lgs. 81/08, proponendosi come componente esperto del Servizio di Prevenzione e Protezione. Per saperne di più visita il sito www.tommasobarone.it.

Ti potrebbe interessare

Il coordinatore per la sicurezza nel cantiere

Il coordinatore per la sicurezza nel cantiere

De Filippo Danilo G.M., 2015, Maggioli Editore

Quando fu predisposta la prima edizione, nellagosto 2010, il Coordinatore aveva assunto un ruolo centrale per lintera giurisprudenza prevenzionistica riferita al settore delle costruzioni: era stato tratteggiato come un dominus assoluto del sistema antinfortunistico, divenendo poi di fatto il...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here