Antincendio, prevenzione: nuova regola tecnica verticale dal 2 gennaio

Il Decreto Ministeriale 23 novembre 2018 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. A partire dal 2 gennaio 2019, verrà introdotta la nuova regola tecnica verticale inerente alla prevenzione antincendio nelle attività commerciali (di superficie lorda superiore a 400 metri quadri). La nuova regola tecnica verticale, quindi, si va a sommare alle regole tecniche già introdotte dal Decreto Ministeriale 23 agosto 2015.

Antincendio, attività commerciali

Le attività commerciali verranno catalogate sulla base della loro dimensione (in metri quadri) e del numero dei piani dell’immobile. Al fine di calcolare la superficie lorda utile, non devono essere prese in considerazione solo le aree destinate alla vendita, ma anche quelle usate per depositi, servizi e spazi comuni coperti adeguati all’attività commerciale.

Mentre possono essere escluse le quote dei piani dei percorsi di collegamento dell’attività commerciale con altre attività come i locali di pubblico spettacolo e le autorimesse.

Le misure di sicurezza di cui sarà necessario dotarsi, subiranno modifiche sulla base delle dimensioni: le misure saranno più rigide se si supereranno i 1500 metri quadri.

Inoltre, le regole richiedono di considerare la presenza di aree a rischio, come i piani interrati e le aree dove si svolgono lavorazioni pericolose o indirizzate alla ricarica dei muletti. Si dovrà tenere conto, considerando le dimensioni e il numero dei piani, delle prescrizioni per la reazione e la resistenza al fuoco dei materiali. Dopodiché, sarà necessario preparare l’uscita antincendio, considerando il tutto, tra cui anche la densità di affollamento attesa. Le attività saranno obbligate ad attrezzarsi dei sistemi di controllo antincendio e saranno tenute ad impiegare determinate accortezze per quanto riguarda la sicurezza degli impianti tecnologici.

Antincendio, regole tecniche verticali: cosa sono?

Le nuove regole tecniche verticali per le attività commerciali, sono necessarie a qualificare una determinata attività, attraverso informazioni aggiuntive rispetto a quelle già stabilite dal Codice Prevenzione Incendi. Chiaramente, le nuove regole tecniche verticali, faranno parte del Codice Prevenzione Incendi. Le nuove regole tecniche verticali sono diverse dalla regola tecnica orizzontale che, invece, si occupa di uniformare le varie fasi della progettazione antincendio per stabilire i criteri operativi e progettuali validi per più attività.

Leggi anche Antincendio, nuove regole per la sicurezza dei condomini

Antincendio, Codice di prevenzione incendi

È importante ricordare che il Codice viene applicato sia alle attività di nuova realizzazione che a quelle esistenti, alla progettazione, realizzazione ed esercizio di attività industriali e produttive, tra cui:

– Officine meccaniche
– Stabilimenti per la lavorazione di alimenti, di carta e cartone
– Per la produzione di arredamento e abbigliamento, di prodotti in gomma, plastica e metalli
– Stabilimenti di produzione di laterizi
– Cementifici
– Centri informatici di elaborazione e archiviazione dati
– Depositi di combustibili

Vengono perciò esclusi gli alberghi, le strutture sanitarie, gli edifici di civile abitazione ecc. Grazie al Codice, quindi, sono state introdotte delle norme più flessibili, permettendo ai professionisti di poter selezionare una soluzione tra quelle prescrittive (soluzione progettuale di istantanea applicazione in determinati casi e assicura il conseguimento del relativo livello di prestazione senza aver bisogno di altre valutazioni tecniche), quelle alternative (dove il progettista deve dimostrare l’ottenimento del connesso livello di prestazione, utilizzando una metodologia di progettazione della sicurezza antincendio consentita) e il procedimento in deroga (in cui il progettista deve dimostrare l’ottenimento degli obiettivi di sicurezza, usando una metodologia di progettazione della sicurezza consentita).

Sull’argomento consigliamo:

Prevenzione incendi - Procedure, modulistica ed esempi

Prevenzione incendi - Procedure, modulistica ed esempi

Pietro Salomone, 2017, Maggioli Editore

Come si redige una SCIA antincendio? Come si compilano i modelli PIN? Che documenti bisogna allegare alla SCIA? Come si calcola l’importo dei diritti di istruttoria da versare alla Tesoreria Provinciale dello Stato? Il testo guida il tecnico nell’aggrovigliato mondo normativo...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here