testo unico edilizia

Tra gli interventi più importanti successivi al correttivo D. Lgs. 106/2009, ricordiamo la Legge n. 177 del 10 ottobre 2012 relativa alla bonifica degli ordigni bellici inesplosi che prevede particolare disposizioni sia per i coordinatori della sicurezza che per le imprese interessate da attività di scavo e movimento terra nonché i requisiti cui queste ultime devono fare riferimento ai fini dell’iscrizione all’albo delle imprese specializzate in bonifiche da ordigni esplosivi residuati bellici presso il ministero della difesa.

Sicurezza cantieri, il vuoto colmato dal Testo Unico dell’Edilizia

Dopo gli incidenti del 2011 e del 2012, rispettivamente di Trieste e Raggio Calabria in cui persero la vita due lavoratori addetti al montaggio di palchi adibiti a concerti musicali, si avvertì l’esigenza di intervenire rapidamente per colmare un vuoto normativo che dava quasi sempre luogo ad interpretazioni della norma non sempre in linea con i principi di prevenzione e tutela dei lavoratori. Il 22 luglio 2014 fu pubblicato il Decreto Interministeriale, seguìto dalla Circolare n. 35 del 24 dicembre, necessaria ai fini di fornire istruzioni concrete circa l’applicazione del nuovo testo di legge.

Nello stesso anno fu pubblicato anche il Decreto Interministeriale 9 settembre 24, inerente le misure di semplificazione del campo di applicazione del Titolo IV. Per la prima volta il legislatore fornice dei modelli guida per la redazione dei piani di sicurezza e anche del fascicolo dell’opera che, a dire il vero, non prevedeva alcuna disposizione aggiuntiva rispetto a quanto già definito all’Allegato XVI del testo unico. Merito dei modelli semplificati è stato chiarire molti dubbi in riferimento al trattamento dei contenuti con particolare riferimento ai POS, la cui redazione non richiede una competenza certificata come invece avviene per il PSC.

L’ultimo aggiornamento che riguarda il Titolo IV è in vigore dallo scorso 5 ottobre in seguito alla pubblicazione del Decreto Legge 4 ottobre 2018, n. 113. In pratica, la notifica preliminare deve essere indirizzata al prefetto del lavoro territorialmente competente oltre che all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale

Blumatica Sicurezza Cantieri

Il software sviluppato da Blumatica per la redazione e l’aggiornamento in fase di esecuzione dei documenti previsto dal Titolo IV, costantemente aggiornato alle disposizioni legislative. La possibilità di acquisire moduli specializzati consente a coordinatori e imprese di modulare la propria soluzione in funzione delle specifiche esigenze.

Tutorial audio/video, help contestuali e interfacce studiate ad hoc aprono nuovi orizzonti alla vecchia concezione del software inteso come mero strumento operativo.

Clicca qui per ulteriori dettagli e chiarimenti


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here