Bonus casa, agevolazioni fiscali prorogate per altri tre anni

Il presidente della commissione Industria del Senato, On. Gianni Girotti del Movimento 5 Stelle, ha annunciato in questi giorni al Sole 24 Ore, la proroga per altri tre anni, precisamente fino al 31 dicembre 2021, di tutte le agevolazioni fiscali inerenti ai lavori in casa (Bonus Casa). Stiamo parlando dell’ecobonus, bonus ristrutturazioni e relative detrazioni. L’On Girotto ha affermato: “I bonus casa storicamente vengono prorogati solo di anno in anno. Questo non dà una prospettiva certa a cittadini e imprese” e poi ci ha tenuto a sottolineare: “Noi, invece, vogliamo dare un orizzonte temporale più ampio, che arrivi fino al 2021″.

Leggi anche Bonus ristrutturazione, detrazione 50% ai sistemi di accumulo per fotovoltaico

Bonus casa, proroga confermata con legge di Bilancio?

Perciò pare essere in arrivo una importante novità. Se sarà confermata davvero la proroga triennale delle agevolazioni fiscali del Bonus Casa, lo saperemo per certo solamente quando verrà ufficialmente pubblicata la nuova legge di Bilancio. Per ora, si può approfittare delle agevolazioni fiscali sicuramente fino al 31 dicembre 2018. Infatti, al momento, la norma contempla che la detrazione possa arrivare fino al 50% delle spese effettuate e che sia attiva fino allo scadere del 2018. In assenza di una proroga, invece, potrebbe ritornare al 36%.

Ad oggi le agevolazioni possibili sono:

Detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni
Bonus mobili (arredamento)
Ecobonus (spese energetiche)

Bonus casa, ipotesi del Sole 24 Ore su calo percentuali aliquote

Bisogna ricordare anche che il Sole 24 Ore riporta una ipotesi non proprio positiva come la proroga. Secondo il Sole 24 Ore, il Governo Conte starebbe prendendo in considerazione la possibilità di un “decalage” delle aliquote di detrazione, che si tradurrebbe in un calo delle percentuali delle aliquote dopo il primo anno. Lo scopo è proprio quello di agevolare gli interventi immediati. In ogni caso il calo delle aliquote non dovrebbe essere drastico: dal 65% si potrebbe scendere al 63%, fino ad arrivare al 60%.

Inoltre il pentastellato Girotto annuncia l’arrivo di una misura in grado di permettere pure a chi non dispone di molte risorse, di poter eseguire gli interventi di ristrutturazione, accedendo quindi agli sconti fiscali: l’ecoprestito. L’On. Girotto ha aggiunto: “Puntiamo a introdurre l’ecoprestito. È una forma di prestito nella quale un soggetto pubblico, come Cdp, dà ai cittadini a tasso agevolato una parte delle risorse necessarie ad avviare le opere. Servirà per chi vuole fare ristrutturazione o efficientamento senza avere i soldi a disposizione”.

Sull’argomento consigliamo:

Ristrutturazioni e agevolazioni fiscali

Ristrutturazioni e agevolazioni fiscali

Massimo Pipino, 2018, Maggioli Editore

Il volume contiene una serie di risposte a 100 quesiti in materia di detrazioni per interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente e risparmio energetico, alla luce delle previsioni della Legge di bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) dedicate a: ristrutturazioni edilizie,...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here