Sport bonus, parte il secondo giro di domande per beneficiarne

È iniziato il secondo giro di richieste per poter beneficiare del credito d’imposta dello Sport Bonus, destinato a quelle imprese che nel corso di quest’anno hanno concesso donazioni (erogazioni liberali) per ristrutturare e conservare gli impianti sportivi pubblici. Si potrà usufruire dello Sport Bonus fino al 23 ottobre, data comunicata dalla presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sport Bonus, come fare la richiesta

La domanda deve essere inviata tramite posta elettronica all’indirizzo ufficiosport@pec.governo.it, utilizzando il modello allegato al DPCM 23 Aprile 2018.

Il bonus viene riconosciuto, nella misura del 50% delle donazioni fino a 40mila euro, nel limite fissato al 3 per mille dei ricavi annui. Può essere utilizzato in tre quote annuali con il medesimo importo in ogni esercizio finanziario (2018, 2019, 2020), solo in compensazione tramite F24, che deve essere fatto pervenire tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Va indicato il codice tributo “6283”.

Per poter beneficiare dello Sport Bonus, le donazioni devono essere eseguite dalle imprese, utilizzando come metodo di pagamento: bonifico bancario, carte di debito, bollettino postale, carte di credito e prepagate, assegni bancari e circolari.

L’Ufficio per lo sport, durante i venti giorni dopo la scadenza del termine, renderà noto sul proprio sito l’elenco completo di tutti coloro che saranno ammessi al beneficio fiscale, seguendo il criterio temporale di ricevimento delle richieste. Poi, in seguito alla pubblicazione della graduatoria, chi ne ha ancora interesse, avrà dieci giorni di tempo per erogare l’importo stabilito nella richiesta in favore del beneficiato indicato, che dovrà comunicare all’Ufficio per lo sport la data e la somma dell’erogazione liberale. Una volta verificata la corrispondenza delle informazioni fornite, l’Ufficio provvederà a pubblicare l’elenco ufficiale dei soggetti a cui sarà riconosciuto il beneficio fiscale.

Leggi anche Tribune prefabbricate: caratteristiche e utilità per impianti sportivi e non solo

Sport Bonus, due tranche per beneficio agevolazione

L’importo complessivo a sostegno di questa misura, di ben 10 milioni di euro, è stato suddiviso a metà in due finestre temporali, dalla durata di 120 giorni l’una. Il primo giro era iniziato il 21 giugno scorso e il 14 settembre era stato pubblicato l’elenco delle imprese che si erano aggiudicate l’agevolazione nel primo turno. Ora, con la conclusione del secondo giro si chiuderanno le finestre temporali per poter beneficiare di questa agevolazione che era stata inserita dalla Legge di Billancio 2018.

Sull’argomento consigliamo:

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

2017, Maggioli Editore

Guida pratica in forma ebook che illustra tutte le novità contenute nel testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 presentato in Parlamento lo scorso 31 ottobre.La Manovra vale complessivamente 20,4 miliardi di euro e punta alla crescita con il sostegno agli investimenti e all’occupazione,...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here