Manca poco all’inizio dell’anno scolastico 2018 2019 e sorge la questione della formazione delle classi. In questa fase, infatti, è importante tenere conto di tutti i parametri e delle norme previste in materia di affollamento delle aule.

I compiti del Dirigente. In tema di affollamento delle aule scolastiche e formazione delle classi, il Dirigente ha il compito di controllare che vengano applicati e rispettati i parametri previsti dalle normative che impongono degli standard per l’affollamento.

Le norme in questione sono:
DM 18/12/1975 “Norme tecniche aggiornate relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici di funzionalità urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica”;
DM 26/08/1992 “Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica”

Cosa dice DM 18/12/1975

Il primo decreto prevede determinati standard minimi di superficie al fine di garantire le giuste condizioni igienico-sanitarie:
– Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado: 1,80 mq/alunno;
– Scuola secondaria di secondo grado: 1,96 mq/alunno.

Il Dirigente Scolastico, in qualità di datore di lavoro, ha l’obbligo di adeguarsi agli standard di affollamento delle aule didattiche o di trovare eventuali misure alternative per tutelare la salute e la sicurezza degli alunni e del personale.

E il DM 26/08/1992?

Quanto al DM 26/08/92, il massimo affollamento consentito delle aule scolastiche è di 26 persone, di cui 25 alunni + 1 docente. Tale calcolo viene sviluppato dai Vigili del Fuoco in relazione ai principi della prevenzione incendi. Nello stesso decreto, si prescrive anche che “le aule didattiche devono essere servite da una porta ogni 50 persone presenti; le porte devono avere larghezza almeno di 1,20m ed aprirsi nel senso dell’esodo”.

In Italia, gli studenti trascorrono in media dalle 4 alle 8 ore al giorno a scuola. È bene dunque garantire loro livelli adeguati di sicurezza e igiene, in primis evitando un sovraffollamento delle aule.

Sempre sulla scuola: Le leggi antincendio per scuole e asili nido


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here